Wakeboard a Viverone, quando lo show è di famiglia.

Wakeboard, questione di famiglia

Cosa si prova a compiere le più spettacolari evoluzioni aeree con una tavola traendo energia dalle onde create da una barca? Lo sa bene chi pratica il wakeboard, la più spettacolare disciplina dello sci nautico. Nel Biellese questo sport si pratica al Lago di Viverone, in particolare nella location del Le Ski Nautique Club, in Via Lungo Lago 22, dove è presente la LSN School of Wakeboard, una delle più rinomate scuole italiane di questa disciplina, riconosciuta anche all’estero per la professionalità e per l’esperienza. A tenere alta la bandiera di questo sport, e a portare avanti la scuola, ci sono i fratelli Paolo e Cesare Comollo, praticanti e istruttori fin dagli albori italiani della specialità.

Le origini

«Il wakeboard – racconta Cesare Comollo (nella foto), proprietario e maestro della LSN School of Wakeboard insieme al fratello – è nato negli Stati Uniti, in particolare in Florida, all’inizio degli anni ’90. In Italia è arrivato nel ’93/’94 e io fui uno dei primi quattro ragazzi a provarlo dall’istruttore che lo aveva portato nel nostro paese. Poi la disciplina si è rapidamente diffusa ovunque». Dalla passione del principio si è passati fin da subito all’attività agonistica, con l’entrata della specialità nella FISW (Federazione italiana Waterski & Wakeboard), e con Comollo che ha allenato la nazionale italiana dal 1998, conducendola per 10 anni. «È uno sport – continua il maestro – che si pratica con una barca apposita, da cui si viene trainati sull’acqua e si eseguono degli esercizi molto simili a quelli dello snowboard. Si può dire che sia il connubio tra quest’ultimo e lo skateboard».
La scuola di Viverone, aperta dal 1° aprile al 30 ottobre ogni anno, è una delle più titolate d’Europa, dove vengono ad allenarsi molti atleti di fama nazionale ed internazionale. «Il nostro obiettivo – spiega ancora Cesare Comollo – è far crescere questo sport e farlo conoscere il più possibile. Questa settimana abbiamo avuto quattro atleti della nazionale italiana che si sono allenati con noi: Stefano Comollo, Igor Colombo, Nicolò Caini e Lorenzo Soprani (che saranno impegnati negli europei di wakeboard, che si svolgeranno a Kiev in Ucraina dal 4 all’11 agosto, ndr)». Inoltre anche altri atleti provenienti da tutta Europa vengono a Viverone per allenarsi in questo periodo, tra cui Kristine Bazbaile, della nazionale lituana, e Tanja Lanz, della nazionale svizzera.

Leggi anche:  Edilnol dà battaglia a Torino, perde ma convince

Fucina di talenti

Al Les Ski Nautique Club passano un gran numero di atleti, ma alcuni sono di casa, come Stefano Comollo. Il figlio di Cesare, 13 anni appena compiuti, è uno dei talenti più promettenti in Italia. «Sta facendo delle grandi cose – racconta il padre -. È un talento e può essere il futuro italiano della disciplina». Di talento, e anche di voglia nell’insegnare i valori dello sport, ne hanno i quattro maestri della scuola, Cesare e Paolo già menzionati, a cui si aggiungono Sergio Malu e Francesco Galetti, che svolgono anche un’altra, forse più importante attività: insegnare ai ragazzi di Specialmente, associazione che ha lo scopo di aiutare ragazzi con disabilità, a entrare a contatto con l’acqua e con l’attività sportiva. «Lavoriamo insieme – conclude Comollo – anche nel sociale, perché è importante dare il proprio contributo per aiutare i giovani che hanno qualche difficoltà a scoprire la passione per uno sport». Dai campioni ai principianti: il wakeboard è a portata proprio di tutti.

Michele Canton

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

NOVITA’: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

 

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!