Uno slalom vintage a Bielmonte.

Per un weekend sci di legno, pantaloni alla zuava, maglioni di lana, telemark e campioni della valanga azzurra torneranno protagonisti sulle nevi di Bielmonte. Un salto nel passato prima dell’era carving e dei pali snodabili, organizzato nel prossimo fine settimana dal gruppo “Sciatori d’epoca” (www.sciatoridepoca.it) e dalla scuola di sci Bielmonte Oasi Zegna (www.scuolascibielmonte.it) in ricordo del maestro Mario Ferragut (che nel 1956 fondò la scuola) a cui sabato sera è dedicata una gara di sci d’antan in notturna, aperta a tutti gli appassionati in possesso di sci diritti e rigorosamente con abbigliamento vintage. All’evento promosso dal biellese Claudio Lanza (campione nazionale in carica della categoria sci legno anni ’40) sono attesi tra gli altri: Piero Gros (oro olimpico in slalom a Innsbruck 1976 e 1 Coppa del Mondo assoluta nel ‘73/’74), Claudia Giordani (argento alle Olimpiadi di Innsbruck ‘76), la giornalista Dodi Nicolussi e i local Claudio Ravetto, Elena Banfo e Roberto Franco.

La nascita

«Il “club” Sciatori d’epoca nasce da un’idea di Michele Battaglin, che è l’attuale presidente, di riunire un gruppo di amici accomunati dalla stessa passione per lo sci e il collezionismo di attrezzatura storica – spiega Lanza -. Dal primo raduno che risale a 6 anni e si svolse al Monte Verena ad Asiago, ci si ritrova periodicamente per queste gare/adunate a cui partecipano sempre più appassionati, tanto da avere una pagina Facebook con oltre 12.000 iscritti. Il Trofeo Ferragut speriamo di farlo diventare una classica del nostro circuito».

Dai pionieri agli antichi

I partecipanti saranno divisi in più categorie in base ai materiali: i “pionieri” con sci in legno e scarponi in cuoio, gli “antichi”con scarponi in cuoio, sci in legno e solette plastificate o in metallo antecedenti al 1975, i “vintage” con scarponi di plastica e sci diritti antecedenti al 1985 e ancora i “pionieri telemark” con sci in legno e scarponi cuoio e i “vintage telemark” con sci in metallo e scarponi plastica antecedenti al 1985.
Programma. Si comincia sabato con ritrovo alle 9,30 al piazzale impianti con il gruppo “TeLemarker Bielèis”, presenti alla manifestazione con l’iniziativa “La Sbiellata II Free Winter Festival”, per una prova in pista con i maestri, con tanto di attrezzatura a disposizione per chi ne è sprovvisto, per cimentarsi nei primi rudimenti della tecnica storica dello sci telemark (skipass convenzionato e pacco partecipazione). Per chi desidera partire un po’ più tardi l’appuntamento è alle ore 13 presso la scuola sci. I pettorali per la gara si ritirano alle ore 17 (alla Scuola Sci Bielmonte Oasi Zegna) e subito dopo prende il via la sfilata di tutti i partecipanti in costume fino alla seggiovia per una ricognizione del percorso di gara. Alle 18,15 si entra nel vivo della gara di slalom con premiazione a seguire in piazzetta a Bielmonte. Ci si sposta poi al vicino albergo Bucaneve per una cena e musica dal vivo con i Gypsy Club (costo della cena: 30 euro tel.015/744184). Domenica 24 febbraio il ritrovo è alla partenza degli impianti alle 9,30 per una sciata in compagnia fino alle 13 per terminare con un pranzo al Rifugio Monte Marca.
Le iscrizioni alla gara in notturna restano aperte fino al raggiungimento di 120 posti (info ed iscrizioni: 335/6189489 – 348/8720506).

Leggi anche:  Impresa Pantani al Giro, inaugurata installazione dedicata al grande ciclismo VIDEO FOTO

Roberto Lanza

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE