Edilnol Pallacanestro Biella aggiunge al suo roster Francesco Stefanelli, guardia di 192 centimetri classe 1995 (nell’immagine Biella Channel), in uscita dalla Bertram Tortona. Domenica esordirà al Forum, nella prima gara del girone di ritorno che vedrà Biella ospitare Rieti. Palla a due alle ore 18, con Lorenzo Saccaggi in forse a causa di un forte dolore intercostale che già gli ha fatto saltare il derby con Casale.

Edilnol, Stefanelli pronto al debutto

«Sono grato a Tortona, ma ora si apre un altro capitolo – spiega Stefanelli -. Cercavo una squadra competitiva in A2 e Biella è senz’altro la scelta giusta per me. Mi ritengo un giocatore versatile, che certo ha determinate caratteristiche, ma sono pronto a mettermi al servizio della squadra e dell’allenatore». Francesco nasce il 21 gennaio 1995 a San Miniato, in provincia di Pisa, inizia a giocare a basket proprio nel settore giovanile della Etrusca per fare il suo debutto in Serie B nella stagione 2013/14 con la maglia di Castelfiorentino. Dopo un’annata formativa fa rientro a casa dove rimane altre tre stagioni continuando il suo percorso di crescita e diventando uno dei migliori realizzatori del campionato di Serie B con oltre 14 punti per allacciata di scarpa (numeri che crescono sensibilmente nei playoff dove sfiora i 19 di media).

Mvp della scorsa Coppa Italia di A2

Nel 2017/18 il grande salto di categoria con l’approdo a Tortona dove fin da subito si mette in mostra nelle rotazioni di coach Lorenzo Pansa. La ciliegina sulla torta per la sua prima stagione in A2 è rappresentata dal titolo di MVP delle Finali di Coppa Italia vinte proprio dalla Bertram (19 punti messi a referto dalla guardia toscana nella finale vinta contro Ravenna). Dopo aver toccato il cielo con un dito arriva però il brutto infortunio al legamento crociato del ginocchio destro che lo costringe a finire la stagione anzitempo. Ora ecco l’approdo a Biella, un’aggiunta importante nelle rotazioni rossoblù per la seconda parte del stagione 2018/19.

Leggi anche:  Biellese pareggia ad Alice, primo ko per il Cossato di Ariezzo

Carrea: «Ci darà pericolosità dal perimetro»

Coach Michele Carrea commenta: «Siamo contenti di aver accompagnato Francesco in questo percorso di riavvicinamento al basket giocato. Lui ha dimostrato grandissimo desiderio e disponibilità facendo un lavoro ottimo che adesso è tempo di ripagare finalmente con minuti in campo. Ha caratteristiche estremamente funzionali al nostro modo di giocare, ci può dare pericolosità dal perimetro e mantenere la nostra possibilità di cambiare sugli esterni grazie alla sua fisicità. Siamo sicuri che il suo innesto potrà aggiungere qualcosa dal punto di vista tecnico e umano, ma siamo altrettanto certi che vista l’entità dell’infortunio dovremo e dovrà avere pazienza di recuperare il ritmo partita. Contiamo di cominciare adesso un percorso che comprende la gara ma il cammino per la guarigione completa richiederà ancora qualche settimana».