Si correrà domenica, 14 aprile, la classica gara organizzata dall’Ucab 1925 inserita nel calendario delle categorie Elite e Under 23 come “23° Giro della Provincia di Biella – 77° Trofeo Torino-Biella”, questa gara che nasceva nel 1940 come “Trofeo Duca degli Abruzzi” di cui nei prossimi giorni seguiranno i dettagli riguardanti i partecipanti.

Attenzione ai divieti di sosta sul percorso. Leggere qui.

Domenica si corre il Giro della Provincia

Si presenteranno alla partenza Lorenzo Gardini, corridore cresciuto nelle file Ucabine ed ora approdato al mondo dilettantistico, l’altro Biellese al via Alessandro Ferrarotti, corridore cresciuto nelle fila della società “cugina” Pedale Biellese.  «Chi è volato, in cielo, ahinoi un caro socio di quelli che lavorano in ombra solo poche settimane dopo lo svolgimento dell’edizione 2018, Mario Torretta. Quest’anno questa “nostra” corsa la guarderà da lassù. A lui sarà dedicata la medaglia d’oro UCAB, che andrà al vincitore» annuncia il presidente Filippo Borrione.

Sempre ben nutrita la partecipazione oltre a quelle che sono tra le migliori formazioni italiane che provengono da Lombardia, Emilia, Toscana, Piemonte, Campania, Liguria, presenti due formazioni francesi agguerrite l’ AG2R , vivaio della World Tour e l’Aix en Provence, Due formazioni Svizzere, il Mendrisio e la Speeder, un ulteriore presenza straniera è la sempre persente U.C. Monaco.

Il percorso della gara con salita Barazzetto-Vandorno

Ore 13.00 Piazzale Casalegno (Agorà Palace) presentazione squadre
Ore 13.55 incolonnamento e partenza ufficiosa da via Lamarmora
Ore 15.30 circa primo passaggio in Biella
Ore 17.30 circa l’arrivo. Piazza Vittorio Veneto
Partenza dalla centrale Via Lamarmora ore 13.55 e arrivo nella adiacente Piazza Vittorio Veneto intorno alle 17.00, 148 i km da percorrere.  Dopo e operazioni preliminari e incolonnamento mezzi ufficiali e ammiraglie al seguito, scortati ad andatura turistica da polizia Municipale e Polizia Stradale fino al “chilometro 0” posto in Corso Europa, il percorso  spazierà su tutto il territorio della nostra bella Provincia attraverso la pianura, le colline e i molti Comuni. Leggera discesa direzione Massazza attraverso le risaie, per poi risalire verso la collinare Cossato dal bivio La Donna e proseguire sulla “Biella-Laghi” attraversando terre di vigneti, poi a Roasio si gira a sinistra alla volta di Sostegno, discesa su Crevacuore. Da qui si risale la Valsessera  verso Ponzone costeggiando la “Fabbrica della Ruota”, poi Crocemosso, quindi in picchiata sulla discesa tecnica che conduce a Vallemosso e, con la leggera discesa che stimola gli atleti a mantenere fortissime velocità lasceremo i luoghi degli insediamenti lanieri per raggiungere Cossato, percorreremo la Provinciale che porta a Biella ai piedi delle montagne biellesi, fio a qui è rimasto il tratto invariato, a Biella si arriverà transitando da Chiavazza, ponte sul fiume Cervo, via Cernaia indi via Bertodano e Via Lamarmora, dove inizierà lo spettacolare circuito cittadino da ripetere 6 volte, direzione Città studi, (in questo punto si potranno vedere 2 volte al giro), dove si attaccherà il Barazzetto, poi Vandorno e per scendere la strada Calaria e la Via Pollone che ci riconduce sulla via Ivrea direzione centro città attraverso Via Rigola, Via Tripoli e Via Torino eppoi Via Lamarmora, al termine del 6° giro i corridori proseguiranno diritti per tagliare il traguardo posto in Piazza Vittorio Veneto.

Leggi anche:  Minessi: «Vita da gm Edilnol? Uguale a quella di prima!»

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA MI PIACE SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO E RESTA SEMPRE INFORMATO