Biellesi alla conquista di New York: tutti e 39 sono giunti al traguardo.

Il fondatore di Run to feel better Michele Stefani commenta: «Grandissima soddisfazione di avere portato tutti i ragazzi all’arrivo, la cosa più bella per me è stata condividere la felicità di tutti i ragazzi e condividere con loro questa esperienza in un contesto speciale come New York, dove il coinvolgimento del pubblico è incredibile  e coinvolgente. Ora ci prepariamo per Verona il prossimo 17 Novembre, dove avremo quasi 70 tesserati che parteciperanno alla gara». 

La maratona più bella del mondo

Quella di New York è da sempre anche la maratona degli italiani. Anche quest’anno. Perché il contingente, con 2844 partecipanti, resta il più numeroso tra quelli stranieri al via. E perché, nella gara di vertice, ci sono – indirettamente – tracce tricolori. Se tra gli uomini, a imporsi con un finale irresistibile, in 2h08’13”, è il più atteso, il 26enne keniano Geoffrey Kamworor, delfino di Eliud Kipchoge, tra le donne, al debutto sulla distanza, vince la 25enne connazionale Joyciline Jepkosgei (2h22’38”), atleta allenata dal torinese Gabriele Nicola.

Perché Run to Feel Better

Dello squadrone italiano facevano parte anche i 39 runners di “Run to Feel Better” che nel pomeriggio italiano di domenica hanno percorso i 42,195 km della Maratona più famosa del mondo. E’ la seconda volta che Michele Stefani accompagna i runners della sua società a New York, ed è il secondo anno consecutivo che porta a correre la TCS New York Marathon, delle persone che fino a gennaio scorso non avevano mai corso in vita loro. L’iniziativa da lui ideata, Run to Feel Better, battezzata l’anno scorso “dal divano alla maratona in 1 anno”, si è in poco tempo espansa, e quasi alla fine della seconda edizione, si è tornati a New York triplicando i partecipanti. Cosa è il progetto Run to Feel Better? Un’iniziativa per rendere la vita e la salute delle persone migliore tramite la corsa. Per dimostrarlo, dopo averlo provato sulla sua pelle, Michele Stefani ha selezionato 10 persone sedentarie nella prima edizione 2018, e in un anno ha migliorato la loro vita, facendoli perdere peso, mangiare meglio e correre per 42,195 km di fila senza mai fermarsi.

Leggi anche:  Pinzano cala il poker, imbattibile al Gomitolo di Lana

I 39 biellesi al traguardo

Questi i 39 al via e giunti al traguardo: Antony Leonardi, Barbara Borille, Giorgio Brovarone, Aldo Costa, Camillo Carelli, Marco Bergo, Federica Pellerei, Gianluca Fabris, Daniele Comello, Alfredo Rigamonti, Cristian Cucco, Lucetta Pasteris, Angelo Sereno Fassola, Marco Franceschini, Stefania Cerruti, Maria Sicari, Piero Crosa, Romana Cinalli, Mariano Ferrari, Cristiana Ravetti, Diego Vannini, Federico Barazzotto, Irena Donino, Christian La Porta, Federica Alberta, Andrea Goria, Benedetta Brovarone, Giovanni Guadagnolo, Rosanna Tufo, Maria Pia Lazzaretti, Sara Giordani, Antonella Pella, Arianna Portesan, Christine Virla, Serena Stefanuto, Elvira Bottoni, Emanuela Scisciani, Nelli Nachtigal. Tutti hanno raggiunto il traguardo.
E i risultati dicono anche che: 4 uomini hanno ottenuto un tempo minore-uguale alle 4h, e 4 donne hanno ottenuto un tempo fra le 4h10’ e le 4h45’, che per degli “neofiti” della Maratona e della corsa, è un risultato più che eccellente.

Per i risultati degli italiani in gara cliccare qui

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

Novità: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA