Biella-Graglia, Roffino firma il nuovo record. Cresce la Biella-Santuario di Graglia, sia dal punto di vista numerico sia qualitativo: ieri mattina sul percorso classico di 11,3 chilometri (circa 400 metri di dislivello positivo) con passaggio da Occhieppo Inferiore e Muzzano sono stati ben 284 gli atleti al traguardo, secondo risultato di sempre, ed è caduto il record femminile che resisteva da oltre un decennio per merito di Valeria Roffino.

Biella-Graglia, Roffino firma il nuovo record

Gara dura per gli atleti dal punto di vista climatico: hanno trovato pioggia per i primi tre chilometri e poi per tutta la salita un timido solo raffreddato però da una temperatura intorno ai 4 gradi.
Ad aggiudicarsi la corsa, organizzata per la 17ª volta dal Gaglianico 74, è stato il favorito della vigilia, ovvero il torinese Francesco Grillo da quest’anno portacolori dell’Atletica Saluzzo: ha chiuso il percorso in 41’57”, tempo tra i migliori degli ultimi anni, ben tre minuti inferiore a quello con cui il valsesiano Mattia Bertoncini vinse nel 2018. Resta titolare del record Massimo Galliano: 39’32” nel 2008). Sul secondo gradino del podio il biellese Massimiliano Barbero Piantino, anche lui con la canotta gialla del Saluzzo, autore di una prova gagliarda che lo ha portato a superare il canavesano Paolo Boggio (Atl. Santhià) proprio nelle ultime curve prima dell’arrivo al Santuario.

Migliorato il tempo di Lanza 12 anni dopo

In ambito femminile è stato un vero trionfo per Valeria Roffino, nazionale azzurra e portacolori delle Fiamme Azzurre: l’atleta di casa era al rientro dopo un lungo stop per infortunio, ma non si è risparmiata conducendo una gara tutta d’attacco che l’ha portata a frantumare il record della corsa (48’01”) che resisteva dal lontano 2007 ad opera della triathleta olimpica Beatrice Lanza. Roffino è la prima donna a scendere sotto i 48 minuti, precisamente 47 minuti e 53 secondi: per lei grandi applausi dal pubblico lungo le strade e al traguardo. In seconda posizione una gara splendida per la torinese di lanzo Nadia Re (Atletica Saluzzo), atleta master 45 classe 1974, nel recente passato argento tricolore master di corsa in montagna: ha chiuso a due minuti da Roffino.
Dietro grande battaglia: con il crescere delle pendenze è uscita la potenza della polacca Katarzyna Kuzminska (Atl. Canavesana) che ha messo dietro di qualche secondo la biellese Debhora Li Sacchi (Olimpia Runners).

Leggi anche:  Erano 160 gli "Elfi" di corsa a Candelo FOTO

Gli ordini d’arrivo

Il podio maschile Biella-Graglia
Il podio maschile Biella-Graglia

I primi 10 al traguardo: 1° Francesco Grillo (Atl. Saluzzo, 41’57”), 2° Massimiliano Barbero Piantino (Atl. Saluzzo, 43’47”), 3° Paolo Boggio (Atl. Santhià, 43’52”), 4° Angelo Direnzo (Athletic Team, 44’19”), 5° Salah Ouyat (Circuito Running, 44’51”), 6° Nicholas Bouchard (Alfieri Asti, 44’55”), 7° Vezio Bozza (Atl. Santhià, 45’38”), 8° Andrea Nicolo (Ugb Biella, 45’42”), 9° Silvio Balzaretti (Atl. Monterosa, 47’08”), 10° Emanuele Ladetto (Atl. Santhià, 47’14”).

Il podio femminile Biella-Graglia
Il podio femminile Biella-Graglia

Le prime 10 al traguardo: 1ª Valeria Roffino (Fiamme Azzurre, 47’53”), 2ª Nadia Re (Atl. Saluzzo, 49’50”), 3ª Katarzyna Kuzminska (Atl. Canavesana, 50’42”), 4ª Debhora Li Sacchi (Olimpia Runners, 50’52”), 5ª Lara Giardino (Biella Running, 52’28”), 6ª Selena Bernardi (Biella Running, 53’02”), 7ª Eufemia Magro (Dragonero, 53’08”), 8ª Elisa Almondo (Dragonero, 54’26”), 9ª Angelica Bernardi (Biella Running, 54’45”), 10ª Rossella Giordano (Brancaleone Asti, 54’57”).

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA MI PIACE SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO E RESTA SEMPRE INFORMATO