Segna di mano, gol annullato dall’arbitro su indicazione dell’allenatore che danneggia la propria squadra, ma fa vincere lo sport e il fair play. E’ successo in Gaglianico-Chiavazzese di Prima Categoria e l’autore del bel gesto è il mister della Chiavazzese Massimo Zucca (foto Sartini).

Gol annullato, bel gesto di fair play

Chiavazzese Twitter

GAGLIANICO 0
CHIAVAZZESE 3
GAGLIANICO: Bini, Pozzo, Ogbeh (10’ st Mania), Bellinelli, Aglietta, Terrani, Ranotto (20’ st Telloli), Croce, Bottura (46’ st Pizzo), Schellino, Scaramuzzi (30’ st Cossavella). A disp. Michela, Teodori, Quaregna. Allenatore Pertel.
CHIAVAZZESE: Turetta, Pulze (33’ st Musso), De Simone, Giunta (30’ st Nahhal), Papale, Licheri, Rahmi, Emanuele, Sassi, Bottone (22’ pt Rossetto), Giglio. A disp. Nelva Pasqual, Casana. Allenatore Zucca.
RETI: 24’ pt Pulze, 9’ st e 28’ st Giglio.
ARBITRO: Remogna (Ivrea).
NOTE:  espulso Aglietta (G) per doppia ammonizione al 44’ st.

Il fair play e  la Chiavazzese vincono 3-0 a Gaglianico. Al 12’ si assiste a un episodio, ormai purtroppo raro sui calcio di campo, di correttezza sportiva: Giglio segna, ma il suo gol è viziato da un fallo di mano. L’arbitro non vede l’irregolarità e assegna la rete ai blucremisi. L’attaccante non esulta e tentenna; mister Massimo Zucca, però, entra in campo e segnala al direttore di gara che la rete realizzata dal suo giocatore non è valida: il risultato resta 0-0. La Chiavazzese vince comunque l’incontro: al 24’ Giunta serve Pulze che stoppa il pallone e batte Bini. I blucremisi continuano a spingere, ma non trovano il raddoppio. Nella ripresa il Gaglianico riesce a essere più pericoloso, ma sono gli ospiti a mettere al sicuro il risultato. Al 9’ Giunta serve Giglio che stoppa il pallone e raddoppia. Alla mezzora ancora Giglio entra in area, salta un avversario e batte ancora Bini, chiudendo di fatto la partita. Nel Gaglianico, da segnalare il ritorno in panchina di Michela dopo la maxi squalifica e l’esordio dei giovani classe 2002 Cossavella e Pizzo.

Leggi anche:  Virtus Biella, il sogno della B1 svanisce FOTO

Umberto Boggio