Arti marziali e salute, un connubio che porta benefici al nostro corpo. L’importanza pedagogica delle arti marziali è notevole. Riveste una grande importanza soprattutto per la formazione dei bambini. Queste arti, infatti, non educano il piccolo alla violenza, come a torto affermato da chi non conosce la materia. Ma piuttosto a sviluppare le proprie capacità di coordinamento psico-fisico. Il bambino viene educato ad acquisire una piena padronanza del proprio corpo inteso come elemento essenziale di quella realtà fondamentalmente unitaria che è il microcosmo umano. Il fanciullo giunge gradualmente alla scoperta delle proprie qualità più nascoste. Perché le arti marziali mettono l’uomo di fronte a se stesso, ai suoi limiti fisici e alle infinite possibilità che derivano dalla sua natura energica.

La “via del guerriero”

Queste arti, che potremmo definire come diversi aspetti della “via del guerriero”, sono un modo per giungere alla conoscenza di se stessi e di quella goccia di luce divina che si cela nel cuore di ognuno. Le arti marziali, quindi, insegnano al bambino prima e all’uomo poi a rispettare la natura, il mondo e le persone che li circondano e a ripudiare la violenza come forma di offesa verso chi li circonda.

Una forma di rituale

Esse sono una forma di rituale e, come ogni rituale, hanno una valenza strettamente pedagogica e formativa; non sarebbe, quindi, un errore introdurre l’insegnamento di queste discipline anche nelle scuole, soprattutto in un contesto in cui con l’introduzione dell’autonomia didattica venga lasciato ampio spazio per lo svolgimento di attività didattiche alternative. Il ventaglio dell’offerta di corsi esistenti è strepitoso: corsi per ogni livello e per ogni età, dai principianti agli agonisti, tutti rigorosamente tenuti da maestri e istruttori qualificati.

Leggi anche:  Come combattere le malattie del freddo

Arti marziali e salute, ecco quale scegliere

Certamente il Karate, praticato secondo il metodo Shotokan, Shitoryu fa la parte del leone. Per i più piccoli le palestre offrono spesso corsi propedeutici appositamente studiati per i bambini dai 5 ai 7 anni. Se ci spostiamo all’interno del settore arti marziali troviamo il corso di Kung Fu, secondo gli stili Shaolin e Viet Vo Dao, cioè quello vietnamita; l’Aikido (armonia, energia, via); la Capoeira, una forma di autodifesa senza contatto espressa in forma di danza; il Kendo Yaido, ovvero l’arte di estrarre la spada; oppure il corso di Kick Boxe, il famoso “calciare boxando”.

Ancora altre possibilità

Ma esistono ancora altre possibilità per coniugare arti marziali e salute: un corso di Yoga; uno di Taichichuan ed infine un corso di autodifesa per tutti: il Krav Maga, sistema avanzato di difesa personale, immediato e spontaneo, basato su situazioni reali che può garantire a chiunque, uomini, donne, giovani e meno giovani, di difendersi efficacemente da situazioni difficili praticando con la massima sicurezza.