Valdilana, presentato il simbolo della lista Carli.

Si dice che non sia per niente facile mettere d’accordo tante teste. Ebbene, la genesi del simbolo “Valdilana Insieme”, in barba ai luoghi comuni, dimostra l’esatto contrario. Tante teste, tante idee, tanti contributi, poi la necessaria sintesi per arrivare al dunque. Un tondo, due colori, il bianco e l’arancio, che insieme danno l’idea di una lista, composta da persone propositive, attive, inclusive ma anche concrete e determinate. Poi, al centro, il gomitolo di lana che rappresenta il territorio. In campo basso, come da tradizione quando c’è in gioco l’elezione diretta del primo cittadino, il nome del candidato: Mario Carli Sindaco.

“Volevamo un simbolo semplice e di immediata comprensione – spiega l’ex sindaco di Trivero, Mario Carli. – Abbiamo deciso di puntare su ‘Valdilana Insieme’, dove la parola ‘Insieme’ sta ad indicare sia la compagine amministrativa composta dai quattro Comuni, che la richiesta di partecipazione e collaborazione attiva da parte dei nostri concittadini. Con il nostro impegno vogliamo fare in modo che gli abitanti del nuovo Comune di Valdilana tornino ad interessarsi e appassionarsi alla cosa pubblica. Dobbiamo lavorare tutti insieme senza paura, con fiducia e speranza nel futuro perché siamo consapevoli del fatto che il cambiamento debba essere costruito e governato, non calato semplicemente dall’alto. È un processo prima di tutto culturale, che parte da ognuno di noi. La nostra gente deve capire che è ormai arrivato il momento di non delegare più ma di partecipare attivamente”.

Leggi anche:  Le linee guida della nuova giunta di Biella

Tante teste, si diceva, e il concetto è mutuabile: così, dall’unione di tante idee e proposte, sta prendendo forma anche il programma elettorale della lista. Sono sei i “laboratori di idee” che con cadenza settimanale si stanno riunendo per stilare il progetto di governo da proporre ai cittadini che il 26 di maggio si recheranno alle urne. Sei gruppi composti da molte persone ciascuno, in rappresentanza dei quattro territori preesistenti. Eccoli nel dettaglio:

Giovani, Lavoro e Sport
Cultura
Ambiente e Turismo
Urbanistica e Lavori Pubblici
Sociale e Scuola
Bilancio e Personale

All’interno di ogni laboratorio sono stati individuati temi e argomenti, con la consegna di studiare azioni volte a sostenere il rilancio del territorio e a garantire l’implementazione dei servizi. Per ogni team c’è un coordinatore che, al termine dei lavori (entro fine marzo), avrà il compito precipuo di omogeneizzare e sintetizzare istanze e proposte emerse nei diversi incontri e nei rispettivi gruppi di appartenenza.

Invariato lo slogan: “Quattro identità per una nuova comunità”.

Comunicato stampa

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO