A scrutini conclusi è possibile fare i conti e capire chi entra nel Consiglio Regionale del Piemonte dopo le elezioni amministrative che hanno visto vincere Alberto Cirio che ha sfiorato il 50% dei voti. La Lega avrà 17 consiglieri, Forza Italia 3, Fratelli d’Italia 2, quindi 9 per il Partito Democratico, 1 per Leu, Chiamparino per il Piemonte del sì, Moderati, più Europa sì Tav, e infine 5 per il Movimento 5 Stelle. A questi 40 si devono aggiungere i dieci del listino bloccato di centrodestra, che sono Alberto Preioni (Lega), Carlo Vercellotti (Forza Italia), Sara Zambaia (Lega), Letizia Nicotra (Lega), Maurizio Marrone (FdI), Alessandra Biletta (Forza Italia), Michele Mosca (biellese per la Lega), Elena Chiorino (biellese per FdI), Andrea Cane (Lega) e Alessandro Stecco (Lega).

Mosca (Lega) dovrà scegliere uno dei due seggi assegnati

Per quanto riguarda gli eletti, ad entrare in Consiglio Regionale saranno:

Per la Lega Fabrizio Ricca, Stefano Allasia, Andrea Cerutti, Claudio Leone, Mauro Fava, Gianluca Gavazza, Valter Marin (Torino); Marco Protopapa e Giovanni Poggio (Alessandria); Paolo Demarchi e Luigi Icardi (Cuneo); Fabio Carosso (Asti); Michele Mosca (Biella, 1.292 preferenze già eletto nel listino di Cirio e che dovrà scegliere uno dei due posti, se rinuncerà a questo nel proporzionale enterà l’altra biellese Chiara Caucino, 868 preferenze); Riccardo Lanzo e Federico Perugini (Novara); Angelo Dago (Vercelli); Alberto Preioni (Vco).

Leggi anche:  Migranti, arriva lo sfratto dai Cas

Per Forza Italia Andrea Tronzano e Paolo Ruzzola per Torino e Francesco Graglia da Cuneo.
Per Fratelli d’Italia Paolo Bongioanni da Cuneo e Roberto Rosso per Torino.

 Barazzotto non ce la fa per un soffio

Per il Pd Mauro Salizzoni, Daniele Valle, Monica Canalis, Alberto Avetta, Raffaele Gallo, Diego Sarno (Torino); Maurizio Marello da Cuneo; Domenico Rossi da Novara; Domenico Ravetti da Alessandria. Resta fuori per un soffio Vittorio Barazzotto di Biella nonostante il buon risultato personale (circa 3mila preferenze).
Per i Moderati a Torino entra Silvio Magliano, per Leu Marco Grimaldi, per Chiamparino per il Piemonte del sì Mario Giaccone. C’è poi il dubbio sulla presenza di un esponente di +Europa sì Tav, quinto partito per numero di preferenze: Elena Loewenthal entrerà solo se Sergio Chiamparino deciderà di rifiutare.

Per il Movimento Cinque Stelle da Torino Giorgio Bertola, Francesca Frediani e Sarah Disabato; da Cuneo Ivano Martinetti e da Alessandria Sean Sacco.