Decreto sicurezza, il sottosegretario Molteni in visita a Biella.

Ad annunciare la visita il segretario provinciale del Carroccio, Michele Mosca.

L’incontro con le forze dell’ordine

“Come promesso in campagna elettorale è diventato Legge il Decreto 4 ottobre 2018 n. 113, comunemente chiamato Decreto Sicurezza e Immigrazione o Decreto Salvini. Nella giornata di lunedì 4 febbraio la Segreteria Provinciale della Lega ha organizzato una Visita sul territorio del Sottosegretario Nicola Molteni, l’occasione, oltre che portare la vicinanza alle Forze dell’Ordine, sarà quella di approfondire il contenuto del provvedimento sia a livello nazionale che locale – afferma Mosca – le ricadute sui territori saranno immediate e positive, ad esempio in tema di contrasto all’immigrazione oltre al raddoppio dei tempi di trattenimento nei centri di prima accoglienza sono stati stanziati 500.000 euro per il 2018 e 1.5 miliardi rispettivamente per il 2019 e 2020 per il fondo dei rimpatri garantendo in questo modo la soluzione al problema delle occupazioni abusive con conseguenti problemi di bivacco e microcriminalità per quelle persone che hanno ricevuto il diniego alla richiesta di permesso di soggiorno o cittadinanza”.

Gli esempi

“Un esempio – prosegue Mosca – è quanto avvenuto negli ex Rivetti o nell’ex macello pubblico, dove persone prive di riconoscimento si erano accampate tra le proteste dei residenti per motivi di sicurezza e ordine pubblico. La cittadinanza nei confronti degli stranieri che arrivano sul territorio nazionale sarà subordinata all’attestazione della conoscenza della lingua italiana attraverso un titolo di studio o una certificazione, così facendo si creerà vera integrazione e inserimento nel tessuto sociale del luogo dove gli stessi risiedono”.

La sicurezza

“Il tema della pubblica sicurezza, da sempre nelle corde della Lega prevede ad esempio l’introduzione del reato di esercizio molesto dell’accattonaggio con inasprimento delle sanzioni a carico dei parcheggiatori abusivi e aggravamento nel caso di reiterazione o impiego dei minori, tale misura sarà di reale contrasto ai fenomeni che anche a Biella e Cossato, per citare esempi su cui il Movimento ha cercato di sensibilizzare l’opinione pubblica, accadono frequentemente e a volte degenerano nei toni e nei modi. Da non dimenticare lo stanziamento per il miglioramento della sicurezza e funzionalità delle strutture penitenziarie, auspico che anche Biella, negli ultimi mesi salita purtroppo alla ribalta delle cronache per atti di intemperanza e vandalismo causati dai detenuti, possa beneficiare dei 2 milioni messi a disposizione per il 2018 e dei 15 per il 2019”

Leggi anche:  Aggredito a Lessona con un bastone, è caccia all'uomo

Il risparmio

“Uno sguardo viene dato anche al risparmio di denaro pubblico o alla sua migliore allocazione attraverso la riduzione di 29 posti di livello dirigenziale generale presso gli uffici del Ministero nonché uno stanziamento di 38 milioni per il pagamento degli straordinari svolti dalle forze di polizia – conclude Mosca – in tema di forze dell’ordine, è stato stanziato un fondo di 2 milioni per il 2018 e 5 milioni per il 2019/20 per assunzioni di personale della Polizia Locale per potenziare le iniziative in materia di sicurezza urbana. A maggio, quando torneremo ad amministrare la città di Biella creeremo l’assessorato alla sicurezza ed utilizzando anche questi fondi saremo in grado di presidiare in maniera compiuta i Giardini Zumaglini e la movida cittadina garantendo maggiore sicurezza ai biellesi che hanno il diritto di passeggiare serenamente per la città senza paura di essere aggrediti o assistere ad episodi di spaccio”.