Eco di Biella https://ecodibiella.it Sun, 22 Jul 2018 19:09:59 +0000 it-IT hourly 1 Cani di grossa taglia scappano e azzannano un cagnetto https://ecodibiella.it/cronaca/cani-di-grossa-taglia-scappano-e-azzannano-un-cagnetto/ https://ecodibiella.it/cronaca/cani-di-grossa-taglia-scappano-e-azzannano-un-cagnetto/#respond Sun, 22 Jul 2018 19:09:59 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60201 Cani di grossa taglia scappano e azzannano un cagnetto. Hanno rischiato di combinare un disastro i due cani di grossa taglia scappati l’altro giorno da un cortile per colpa di un giardiniere distratto che ha lasciato il cancelletto di casa spalancato. Cagnetto azzannato I due animali hanno prima azzannato un cagnetto incontrato per strada, poi […]

Continua la lettura di Cani di grossa taglia scappano e azzannano un cagnetto su Eco di Biella.

]]>
Cani di grossa taglia scappano e azzannano un cagnetto. Hanno rischiato di combinare un disastro i due cani di grossa taglia scappati l’altro giorno da un cortile per colpa di un giardiniere distratto che ha lasciato il cancelletto di casa spalancato.

Cagnetto azzannato

I due animali hanno prima azzannato un cagnetto incontrato per strada, poi hanno seminato il panico prima di entrare in una officina e di provocare svariati danni. Erano le 17 di sabato quando è stato dato l’allarme per la fuga dei due grossi cani e sono intervenuti i carabinieri di Vigliano. Il cagnetto è stato azzannato lungo via Marconi con il proprietario che si è messo a urlare per far scappare i due cani più grossi.

Davanti al municipio

Poco più tardi è arrivata una seconda segnalazione da parte di un uomo che diceva d’aver incontrato due grossi cani nei pressi del municipio e che mettevano letteralmente paura. Prima che i cani venissero catturati dagli esperti del canile con l’aiuto dei carabinieri, avrebbero provocato dei danni anche all’officina di un uomo di Ronco Biellese.

la denuncia

Tutti i danneggiati dai due animali sono stati informati sulla possibilità di presentare denuncia contro i proprietari.

Continua la lettura di Cani di grossa taglia scappano e azzannano un cagnetto su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/cani-di-grossa-taglia-scappano-e-azzannano-un-cagnetto/feed/ 0
Rapina in farmacia a Donato, presi i banditi. https://ecodibiella.it/cronaca/rapina-in-farmacia-a-donato-presi-i-banditi/ https://ecodibiella.it/cronaca/rapina-in-farmacia-a-donato-presi-i-banditi/#respond Sun, 22 Jul 2018 19:02:56 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60196 Rapina in farmacia a Donato, presi i banditi. A Donato l’unico colpo biellese Sono stati fermati e arrestati i due giovani che per dieci giorni hanno messo a ferro e fuoco Canavese e Biellese mettendo a segno rapine ai danni di farmacie e negozi. Il colpo ai danni della farmacia di Donato è l’unico messo […]

Continua la lettura di Rapina in farmacia a Donato, presi i banditi. su Eco di Biella.

]]>
Rapina in farmacia a Donato, presi i banditi.

A Donato l’unico colpo biellese

Sono stati fermati e arrestati i due giovani che per dieci giorni hanno messo a ferro e fuoco Canavese e Biellese mettendo a segno rapine ai danni di farmacie e negozi. Il colpo ai danni della farmacia di Donato è l’unico messo a segno nella nostra provincia. Sceglievano obiettivi tutto sommato semplici dove i soldi erano magari pochi ma pochi erano anche i rischi rispetto ad altre realtà.

Uomo e donna

In carcere per l’accusa di rapina aggravata in concorso, sono finiti Maurizio Liporace, 37 anni, di Castellamonte, per l’anagrafe domiciliato a Ivrea, e Alessandra Corrado, 38 anni, operaia abitante a Ivrea, entrambi già noti per piccoli precedenti.

Arrestati dopo un colpo fallito

I carabinieri hanno fermato Liporace subito dopo che aveva cercato di rapinare la farmacia “Beata Getto” di Bollengo. Era armato di taglierino quando è entrato nei locali della farmacia e aveva il volto parzialmente travisato con occhiali da sole e una mascherina. L’uomo ha minacciato la farmacista, le ha chiesto i soldi e le ha detto di stare zitta. Ma per tutta risposta la donna, spaventata, si è messa a urlare a squarciagola facendo scappare il rapinatore che è salito su un’auto guidata dalla complice.

Continua la lettura di Rapina in farmacia a Donato, presi i banditi. su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/rapina-in-farmacia-a-donato-presi-i-banditi/feed/ 0
Delitto di Erika: sentenza per Dimitri entro due mesi https://ecodibiella.it/cronaca/delitto-di-erika-sentenza-per-dimitri-entro-due-mesi/ https://ecodibiella.it/cronaca/delitto-di-erika-sentenza-per-dimitri-entro-due-mesi/#respond Sun, 22 Jul 2018 18:55:03 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60194 Delitto di Erika: sentenza per Dimitri entro due mesi.   Si concluderà per forza di cose entro la fine di settembre con la sentenza, il processo con rito abbreviato in corso in tribunale a Nuoro nei confronti di Dimitri Fricano, 31 anni, di Biella, reo confesso dell’omicidio della fidanzata Erika Preti, 28 anni, di Pralungo, […]

Continua la lettura di Delitto di Erika: sentenza per Dimitri entro due mesi su Eco di Biella.

]]>
Delitto di Erika: sentenza per Dimitri entro due mesi.

 

Si concluderà per forza di cose entro la fine di settembre con la sentenza, il processo con rito abbreviato in corso in tribunale a Nuoro nei confronti di Dimitri Fricano, 31 anni, di Biella, reo confesso dell’omicidio della fidanzata Erika Preti, 28 anni, di Pralungo, uccisa il 12 giugno dello scorso anno in una villetta di San Teodoro, in Sardegna, dove la coppia era in vacanza.

L’annuncio del giudice

Lo ha annunciato nei giorni scorsi il giudice Mauro Pusceddu, il quale, in procinto di essere trasferito ad altra sede, ha precisato tra lo stupore generale che è sua intenzione giungere a sentenza prima del suo trasferimento per evitare che il processo possa passare nelle mani di un collega e debba pertanto ricominciare da zero.

Fissate altre udienze

E’ intanto slittata al 10 settembre, subito dopo le ferie, l’udienza fissata per analizzare le conclusioni del collegio di periti che si è da poco arricchito di un elemento in più e che ha avuto il compito dal giudice delle indagini preliminari di effettuare un profilo psicologico dell’imputato nonché stabilire se fosse o meno in grado di intendere e di volere al momento del fatto.

Discussione il 21 settembre

Avvenuto il deposito delle conclusioni delle operazioni peritali, il giudice lascerà una manciata di giorni alle parti per studiarsi il nuovo e per certi versi determinante materiale processuale. Dopo di che ha già fissato per il 21 settembre il giorno per le discussioni conclusive prima della sentenza.

L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVERETE DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

Continua la lettura di Delitto di Erika: sentenza per Dimitri entro due mesi su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/delitto-di-erika-sentenza-per-dimitri-entro-due-mesi/feed/ 0
Arredare casa, vincono sempre gli evergreen https://ecodibiella.it/casa/arredare-casa-evergreen/ Sun, 22 Jul 2018 06:51:22 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60191 Arredare casa non è certo semplice. E per completare al meglio la propria abitazione occorre affidarsi a professionisti qualificati che diano giusti consigli. Ogni casa dovrà rispecchiare la personalità e i gusti di chi la abiterà. Tante le proposte che le migliori aziende del settore dell’arredamento propongono in questo periodo, ma per il momento ad […]

Continua la lettura di Arredare casa, vincono sempre gli evergreen su Eco di Biella.

]]>
Arredare casa non è certo semplice. E per completare al meglio la propria abitazione occorre affidarsi a professionisti qualificati che diano giusti consigli. Ogni casa dovrà rispecchiare la personalità e i gusti di chi la abiterà. Tante le proposte che le migliori aziende del settore dell’arredamento propongono in questo periodo, ma per il momento ad andare ancora per la maggiore sono ancora lo stile country e quello moderno. Due modi di concepire l’abitare completamente differenti tra loro e che forse anche per questo continuano a riscuotere consensi. Ecco qualche indicazione per chi non ha le idee chiare.

Arredare casa con l’arte povera o country

Sono mobili che riproducono gli stili tradizionali. Prodotti realizzati utilizzando legno massiccio (noce, ciliegio, salice e castagno) per garantire solidità e lunga durata. Se dovessimo sinteticamente definire questo genere di mobili, diremmo che sono dalle linee semplici, ma di sicura qualità. Il valore della tradizione trova nella linearità e nella solidità delle forme la giusta espressione dello stile di un tempo. Sono strutture che richiamano ad atmosfere del passato; atmosfere che però si richiamano anche alle più moderne innovazioni. E così passato e futuro convivono in un unico ambiente. Alla cucina dalle linee classiche, con telaio in legno massello e bugna impiallacciata, conferisce un importante tocco di eleganza in più la vetrinetta serigrafata.

Lo stile rustico

E poi ecco le mensole a balconcino e le ante dalle basi traforate. Si sta diffondendo, inoltre, uno stile detto rustico caratterizzata da decori equestri sui vetri acidati, cornici e «cimasa» sagomata, che arricchiscono pensili, scolapiatti e piattaia a giorno dallo stile inconfondibile. Per una interpretazione ancor più fedele della cucina di una volta, i mobili sottolavello e sottocottura a giorno, abbinati ai blocchi di lavaggio e cottura in graniglia di marmo, hanno tendine sui tre lati che (per chi bada anche ai minimi dettagli) sono coordinate con il tessuto dei cuscini adagiati sulle sedie, ovviamente in legno come il tavolo in stile country. Alla cappa classica si può sostituire quella «a trombone».

Arredare casa con mobili moderni

Sono razionali e semplici, modulari e componibili. I mobili moderni godono di queste caratteristiche e da esse non possono prescindere. La forma torna a prediligere leggerezza e rigore, rafforzate dalla presenza del colore (blu, sabbia, verde mela, giallo vaniglia, verde acquamarina).
Mobili sobri e composti, ma non per questo meno affascinanti, accompagnano alla notevole componibilità una particolare capacità di organizzare gli spazi e di inventare piacevoli soluzioni come vani aperti, boiserie, basi bombate, vetrine leggermente curve, spazi attrezzati, pratici cassettini, particolari elementi a tavolino e utili ripiani.

Sfruttare lo spazio

Tutto lo spazio è sfruttato a dovere con vetrine che si alternano vicendevolmente ai ripiani dando conferma della flessibilità di siffatte costruzioni. Il noce nazionale o il ciliegio vestono i singoli pezzi che arredano la casa abbinando alla solidità del costrutto una raffinata eleganza. La cucina moderna presenta linee pulite ed essenziali. E’ molto accessoriata e tecnologica (dotata, per esempio, di diversi cassettoni e pensili con anta in vetro grazie ai quali è possibile mantenere tutto a vista).

L’alluminio

L’utilizzo dell’alluminio come materiale protagonista dona all’assieme un’impronta di eleganza asettica e funzionale: la satinatura del metallo può essere abbinata alla laccatura di mensole e cassetti o alla finitura metallizzata che garantisce una singolare lucentezza a tutti gli elementi; il telaio delle ante è in alluminio; l’alternanza tra laccato e vetro satinato spezza il ritmo della composizione; la predisposizione preliminare permette di utilizzare i vari accessori con movimenti semplici e fluidi. Nelle camere da letto moderne le esigenze di funzionalità e di estetica sono sapientemente fuse in armoniche soluzioni.

Continua la lettura di Arredare casa, vincono sempre gli evergreen su Eco di Biella.

]]>
Tivoli Seoul, Ssangyong celebra le sue origini https://ecodibiella.it/motori/tivoli-seoul-ssangyong-origini/ Sun, 22 Jul 2018 06:38:00 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60188 Continua la serie di edizioni limitate di SsangYong. Dopo la presentazione ad inizio giugno di Tivoli Black Edition, la K Collection della Casa automobilistica coreana prosegue con una celebrazione delle proprie origini. Aggiungendo ulteriore carattere ad un modello che fa proprio della grinta e della personalizzazione i suoi tratti distintivi. Ecco la Tivoli Seoul. Tivoli Seoul, si arricchisce […]

Continua la lettura di Tivoli Seoul, Ssangyong celebra le sue origini su Eco di Biella.

]]>
Continua la serie di edizioni limitate di SsangYong. Dopo la presentazione ad inizio giugno di Tivoli Black Edition, la K Collection della Casa automobilistica coreana prosegue con una celebrazione delle proprie origini. Aggiungendo ulteriore carattere ad un modello che fa proprio della grinta e della personalizzazione i suoi tratti distintivi. Ecco la Tivoli Seoul.

Tivoli Seoul, si arricchisce la K Collection

Nuovo look e allestimenti personalizzati per Tivoli K Collection Seoul che si colora con le tinte della bandiera della Repubblica Coreana. Due nuove versioni. Blu con tetto bianco e specchietti rossi o rossa con tetto bianco e specchietti blu per esaltare con stile le origini di un’auto dal carattere vivace che non passa inosservata. Tre le motorizzazioni, tutte 1.6 (benzina, diesel e bi-fuel benzina/GPL). Ma, oltre ai colori, elementi come il badge personalizzato sui montanti posteriori danno a Tivoli Seoul quel tocco di “coreanità” che la rende davvero unica, in particolar modo se si pensa che lo speciale allestimento sarà, come tutti quelli della K Collection, in edizione limitata.

Dal Dandy Blue al FlamingRed

Tivoli Seoul mette ancora più brio ad uno dei modelli più colorati della gamma SsangYong. Grazie alle speciali verniciature metallizzate «Dandy Blue» e «FlamingRed», alle luci diurne al led, ai vetri privacy, ai cerchi in lega leggera da 18″ con taglio diamantato silver. Questa nuova personalizzazione di Tivoli si caratterizza ulteriormente per gli specchietti a cromatura invertita nelle due versioni rispetto al colore della scocca. Conservando i sistemi di sicurezza top di gamma di Tivoli ed un sistema di entertainment che unisce utilità a divertimento.

Per un target giovane e dinamico

Se la sicurezza è garantita da Forward Collision Warning, frenata automatica A.E.B.S(Autonomous Emergency Braking System), E.S.P. (Sistema di controllo della stabilità), B.A.S. (Sistema di assistenza della forza frenante), Sistema di controllo totale della trazione (F.T.C.S.). E poi dispositivo di assistenza in salita (H.S.A). Nell’abitacolo il divertimento è assicurato dallo Smart Audio System 7″ Touch screen, radio con MP3, prese HDMI / USB e 6 altoparlanti, il Bluetooth con comandi al volante, cruise control e computer di bordo completati dalla retrocamera per visione posteriore. Tivoli Seoul si rivolge ad un target dinamico e giovane strizzando l’occhio anche al pubblico femminile molto attento allo stile originale ed espressivo della propria personalità e creatività.

Continua la lettura di Tivoli Seoul, Ssangyong celebra le sue origini su Eco di Biella.

]]>
Nuova Nissan Leaf, l’auto elettrica più venduta in Europa https://ecodibiella.it/motori/nuova-nissan-leaf-lauto-elettrica-piu-venduta-in-europa/ Sun, 22 Jul 2018 06:28:51 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60185 La nuova Nissan LEAF è da sempre l’auto elettrica più venduta al mondo e in Italia e ora, nella prima metà dell’anno, anche in Europa: la vettura elettrica a zero emissioni continua a conquistare clienti in tutto il continente. Tra gennaio e giugno 2018 sono stati immatricolati in Europa oltre 18.000 nuovi esemplari di Nissan […]

Continua la lettura di Nuova Nissan Leaf, l’auto elettrica più venduta in Europa su Eco di Biella.

]]>
La nuova Nissan LEAF è da sempre l’auto elettrica più venduta al mondo e in Italia e ora, nella prima metà dell’anno, anche in Europa: la vettura elettrica a zero emissioni continua a conquistare clienti in tutto il continente. Tra gennaio e giugno 2018 sono stati immatricolati in Europa oltre 18.000 nuovi esemplari di Nissan LEAF. I clienti europei hanno ordinato in totale più di 37.000 nuove LEAF dall’inizio delle vendite avviate lo scorso ottobre 2017.

Nuova Nissan Leaf, i numeri in Italia

In Italia Nissan ha immatricolato 2.600 Nissan LEAF dal lancio ad oggi. Confermandosi come l’auto 100% elettrica più venduta nel nostro paese e dallo scorso dicembre ha registrato circa 1.500 ordini per il nuovo modello di Nissan LEAF, pari a circa 2 volte il numero delle unità vendute negli ultimi 2 anni. La nuova Nissan LEAF garantisce sostenibilità, piacere di guida, sicurezza e connettività. Oltre alle straordinarie prestazioni di un propulsore 100% elettrico, nuovo design e sistemi avanzati di assistenza alla guida. La batteria da 40 kWh offre un’autonomia di percorrenza pari a 270 chilometri nel percorso combinato e 389 chilometri in città, conformemente al nuovo standard europeo WLTP in materia di emissioni ed economia dei consumi.

I premi ricevuti

Il veicolo 100% elettrico ha conquistato diversi riconoscimenti per le sue tecnologie rivoluzionarie, le prestazioni e il nuovo design. Tra questi emergono il premio “2018 World Green Car”, conferito al Salone dell’Auto di New York, le “5 stelle per la sicurezza” assegnate sia dall’European New Car Assessment Programme sia dal Japan New Car Assessment Program e di recente in Italia l’Infomotori Web Award (IWA) 2018. La nuova LEAF è l’icona della Nissan Intelligent Mobility. La roadmap strategica che si propone di ridefinire il modo in cui i veicoli sono guidati, alimentati e integrati nella società. Vanta una serie di tecnologie innovative senza precedenti, come Nissan ProPILOT, ProPILOT Park e e-Pedal, che stanno riscuotendo un enorme successo tra i clienti. A oggi il 72% dei proprietari di LEAF ha scelto la tecnologia avanzata di assistenza alla guida ProPILOT, disponibile come optional.

Un fenomeno globale

La forte domanda che ha interessato la nuova Nissan LEAF nei primi sei mesi dell’anno ne consolida la posizione di auto elettrica più venduta al mondo. Con oltre 340.000 unità vendute su scala globale dal lancio della prima LEAF nel 2010. Di recente, la casa automobilistica ha consegnato la 100.000a Nissan LEAF a un cliente europeo.

Continua la lettura di Nuova Nissan Leaf, l’auto elettrica più venduta in Europa su Eco di Biella.

]]>
Come fare le pizzette montanare https://ecodibiella.it/cucina/come-fare-le-pizzette-montanare/ Sun, 22 Jul 2018 06:18:09 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60182 Se siete da soli e desiderate togliervi uno sfizio, se avete un po di tempo libero, se volete sorprendere i vostri amici con una specialità tanto tradizionale quanto… insolita, ecco a voi la ricetta per la preparazione delle pizzette montanare. Ecco come fare le pizzette montanare. Come fare le pizzette montanare Per l’impasto servono 800 […]

Continua la lettura di Come fare le pizzette montanare su Eco di Biella.

]]>
Se siete da soli e desiderate togliervi uno sfizio, se avete un po di tempo libero, se volete sorprendere i vostri amici con una specialità tanto tradizionale quanto… insolita, ecco a voi la ricetta per la preparazione delle pizzette montanare. Ecco come fare le pizzette montanare.

Come fare le pizzette montanare

Per l’impasto servono 800 gr. di farina 0, 200 gr. di farina 00, 50 gr. di lievito di birra, 200 gr. di latte,1 cucchiaio di zucchero, 1 cucchiaio raso di sale fino, 50 gr. di olio, 350 gr. di acqua. Stemperare il lievito in un po’ di acqua tiepida , unirvi una manciata di farina fino ad avere un impasto fluido ma omogeneo, coprire e lasciare riposare almeno 1/2 ora. Mettere la farina sulla spianatoia, aggiungere gli ingredienti rimasti e la pasta già lievitata. Impastate con energia fino ad avere un impasto morbido ed elastico che ben si stacchi alla spianatoia. Ponete il tutto in una terrina, incidetevi una croce e coprite, lasciando lievitare almeno 2 ore.

Che cosa serve per il condimento

Intanto, per il condimento preparate un buon sugo di pomodoro con olio aglio e basilico. A questo punto, con l’impasto formate delle palline del diametro di 10 cm. Aprite l’impasto con le mani in modo da formare una bella pizzetta rotonda e friggete in olio bollente. Quando è pronta mettete sulla pizzetta il pomodoro e un pò di mozzarella o formaggio.

Continua la lettura di Come fare le pizzette montanare su Eco di Biella.

]]>
Il gelato artigianale fa bene alla salute https://ecodibiella.it/cucina/il-gelato-artigianale-fa-bene-alla-salute/ Sun, 22 Jul 2018 06:05:34 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60179 Il gelato artigianale? Può essere alimento perfetto anche per sostituire un pasto e per di più è sano e nutriente. I maestri gelatieri italiani propongono gusti diversi, dai più classici a quelli più innovativi, ma tutti con un unico denominatore comune: sono buoni e fanno bene. Forse non tutti sanno infatti che il buon gelato […]

Continua la lettura di Il gelato artigianale fa bene alla salute su Eco di Biella.

]]>
Il gelato artigianale? Può essere alimento perfetto anche per sostituire un pasto e per di più è sano e nutriente. I maestri gelatieri italiani propongono gusti diversi, dai più classici a quelli più innovativi, ma tutti con un unico denominatore comune: sono buoni e fanno bene. Forse non tutti sanno infatti che il buon gelato fa bene alla mente e anche al corpo. Alla mente perché rigenera l’umore, al corpo perché è ricco di sostanze nutritive fondamentali. Latte, panna, uova, zucchero e/o frutta sono gli ingredienti naturali necessari per prepararlo.

Il gelato artigianale, un alimento completo

Oggi è possibile mangiare il gelato artigianale in centinaia di gusti diversi, realizzati con cura e amore dai nostri maestri gelatieri. I suoi maggiori «estimatori» solitamente si distinguono fra coloro che amano i gusti a base crema (fiordilatte, cioccolato …) morbidi, ricchi e nutrienti; e chi invece preferisce i sorbetti alla frutta (composti da acqua, zucchero e frutta) più leggeri e dissetanti. In Italia siamo da sempre grandi consumatori di gelato: per i bambini è una merenda ideale, per i più grandi un piacere quasi irrinunciabile, soprattutto in primavera e in estate (anche se la bella stagione si lascia un po’ a desiderare come quest’anno…). Potremmo definirlo un alimento completo a tutti gli effetti, ottimo sia per i grandi che per i più piccini.

Ideale per una dieta ben equilibrata

Il valore energetico del gelato a base di latte è pari a circa 220 calorie per 100 grammi di prodotto; leggermente più basso quello del sorbetto alla frutta, che si ferma a circa 168 calorie per 100 grammi. Apporta principi nutritivi in forma digeribile e assimilabile, ideale per una dieta ben equilibrata. Proteine, carboidrati, lipidi zuccheri solubili, vitamine sono contenuti nei diversi gusti. Le proteine sono indispensabili per i bambini nella fase della crescita: sono costituite da catene di composti più semplici detti «aminoacidi». I carboidrati (o glucidi) si dividono in zuccheri semplici e zuccheri composti o amidi: entrambi i gruppi hanno una funzione energetica. Gli zuccheri semplici possono essere monosaccaridi (glucosio, fruttosio, galattosio) o disaccaridi (lattosio, saccarosio, maltosio).

Ulteriori benefici

Gli amidi sono formati da lunghe catene di piccole unità, costituite da zuccheri semplici. Anche i grassi (o lipidi) sono «fornitori di energia» ma, a parità di peso, ne forniscono circa il doppio rispetto ai carboidrati. Sono trasportatori della vitamina A, D, E, e K. Le vitamine sono sostanze di cui l’organismo necessita poiché regolano il funzionamento di tutti i processi vitali. Possono essere assimilate mediante l’assunzione di frutta e verdura. La loro mancanza può provocare vere e proprie malattie, nonché l’arresto della crescita nei bambini. Infine i sali minerali, indispensabili all’organismo, hanno la funzione di rafforzare le ossa e i denti e di affiancarsi ai globuli rossi nella composizione del sangue. Si trovano in vari alimenti come il latte e i suoi derivati (calcio, fosforo potassio).

Regaliamoci un po’ di relax

Con un gelato artigianale vi regalerete un po’ di relax mentre tutto corre intorno a voi basterà assaporare il gusto prescelto e chiudere un attimo gli occhi. Fragola, limone, lampone, mirtilli, more, menta, mela, arancia, liquirizia, frutti di bosco, pistacchio, fiordilatte, crema, cioccolato, tiramisù, stracciatella, gianduia, cocco, perfino la rosa… e sono altre decine i gusti che per questione di spazio e di memoria non sono in questo elenco. Per assaggiare tutti i gusti nella vostra gelateria di fiducia, non basterà l’intera estate!

Continua la lettura di Il gelato artigianale fa bene alla salute su Eco di Biella.

]]>
Sistemi antintrusione per la casa d’estate https://ecodibiella.it/casa/sistemi-antintrusione-per-la-casa-destate/ Sun, 22 Jul 2018 05:55:56 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60176 Le statistiche parlano chiaro: 70 abitazioni su 1000 in un anno vengono visitate dai ladri. Un furto ogni due minuti: una media che ha dell’incredibile. Come risolvere il problema? Ecco allora i sistemi antintrusione per la casa, utili soprattutto d’estate. Recenti statistiche dicono che le abitazioni provviste di un sistema di allarme hanno 4 volte […]

Continua la lettura di Sistemi antintrusione per la casa d’estate su Eco di Biella.

]]>
Le statistiche parlano chiaro: 70 abitazioni su 1000 in un anno vengono visitate dai ladri. Un furto ogni due minuti: una media che ha dell’incredibile. Come risolvere il problema? Ecco allora i sistemi antintrusione per la casa, utili soprattutto d’estate. Recenti statistiche dicono che le abitazioni provviste di un sistema di allarme hanno 4 volte meno probabilità di subire un furto.
La maggioranza dei colpi messi a segno sono opera di malviventi dilettanti, i quali usano metodi che sono senza dubbio grossolani e brutali.

L’importanza dei sistemi antintrusione

Infatti spaccano, mettono a soqquadro, non esitano a malmenare le persone e spesso il danno provocato supera di gran lunga l’entità del loro «bottino». Per scoraggiare i delinquenti e farli desistere dall’azione a volte sono utili una buona porta blindata, robuste inferriate alle finestre e alle altre aperture della casa, il suono di una sirena antifurto possibilmente collegato con le forze di vigilanza e l’accensione delle luci… E’ importante che tutta la casa abbia lo stesso livello di protezione, adeguato al rischio reale esistente, per cui una buona difesa attiva e passiva si dimostra particolarmente efficiente.

Il sistema perimetrico

Un impianto antifurto efficace può essere realizzato con protezione perimetrica oppure volumetrica. Se proprio si vuole “esagerare” è possibile realizzare un impianto misto che preveda l’installazione di un mix di sistemi antintrusione. Il sistema perimetrico, grazie a una rete di sensori, “scatta” nel momento in cui dalle porte o dalle finestre entra un estraneo nell’abitazione. I sensori vengono incorporati negli infissi e non ne condizionano l’aspetto estetico. Il sistema perimetrico può essere attivato anche quando la casa è abitata, magari nottetempo: una caratteristica rassicurante particolarmente per tutti coloro che sono in casa da soli e temono la visita dei soliti ignoti.

E quello volumetrico

Il sistema volumetrico, dal canto suo, si accorge della presenza di un intruso cogliendo differenze di temperature o spostamenti d’aria. I sensori, in questo caso, sono piazzati in aree di passaggio obbligate come i corridoi, gli ingressi e le anticamere. I cambi di temperatura vengono letti da sensori all’infrarosso, mentre il movimento d’aria dagli apparati a microonde. In questo settore esistono anche sensori a doppia tecnologia: a microonde e all’infrarosso. La gestione dell’impianto antifurto può essere effettuata sia via cavo che via radio. La soluzione via cavo garantisce minimi costi di gestione e scarsa manutenzione. I sistemi radio, dal canto loro, se sono dell’ultima generazione non sono perturbabili in alcun modo.

Le forze dell’ordine

Praticamente tutti i sistemi dall’allarme sono collegabili via telefono a una centrale operativa (carabinieri, polizia, sicurezza privata, numeri personali…). Il combinatore telefonico che generalmente si installa in queste circostanze può anche essere collegato a una linea cellulare. Grazie ad esso le forze dell’ordine sono avvisate anche qualora i ladri abbiano tagliato i fili del telefono. Ribadiamo nuovamente che il grado di “inviolabilità” della vostra abitazione dovrà essere commisurato al valore degli oggetti che custodisce: più sono preziosi i beni più dovrete pensare di proteggere la vostra casa. Infine, nel caso risediate in una zona a rischio vi consigliamo vivamente un sistema antintrusione da azionare anche di notte per difendere voi stessi e la vostra famiglia dagli attacchi dei malintenzionati purtroppo sempre più frequenti anche dalle nostre parti.

Continua la lettura di Sistemi antintrusione per la casa d’estate su Eco di Biella.

]]>
Come avere una abbronzatura perfetta e in sicurezza https://ecodibiella.it/salute/come-avere-una-abbronzatura-perfetta-e-in-sicurezza/ Sun, 22 Jul 2018 05:44:34 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60173 Come avere una abbronzatura perfetta e in totale sicurezza? Siamo in estate, tempo di solleone e mai come in questo periodo bisogna coniugare bellezza con benessere e salute. Abbronzarsi è rilassante, riposante e un «must» ma si sa che non è proprio il massimo per la nostra pelle. Soprattutto se si tende a esagerare. Ecco […]

Continua la lettura di Come avere una abbronzatura perfetta e in sicurezza su Eco di Biella.

]]>
Come avere una abbronzatura perfetta e in totale sicurezza? Siamo in estate, tempo di solleone e mai come in questo periodo bisogna coniugare bellezza con benessere e salute. Abbronzarsi è rilassante, riposante e un «must» ma si sa che non è proprio il massimo per la nostra pelle. Soprattutto se si tende a esagerare. Ecco dunque cosa bisognerebbe fare per piacersi belli scuri e non farsi male.

Come avere una abbronzatura perfetta

I medici e i dermatologi consigliano di consumare cibi che favoriscano l’abbronzatura: frutta e verdura fresca di stagione come angurie, meloni, pesche e albicocche che contengono molte vitamine e sali minerali; fra ortaggi preferire le carote cotte (ma anche crude, che risultano dissetanti) con un filo d’olio: esse sono una fonte preziosa di betacarotene che stimola la melanina. Anche i pomodori fanno molto bene perché contengono un antiossidante che impedisce l’azione dei radicali liberi. Mangiare una manciata di mandorle al giorno la settimana prima di partire per le vacanze aiuta il corretto sviluppo delle cellule, in quanto racchiudono acidi grassi utili per un’epidermide sana. Ricordarsi di bere molto, anche se sembra di non avere sete: l’idratazione è importante e comincia dall’interno, servono circa due litri di acqua al giorno (pasti compresi).

L’evoluzione dell’abbronzatura

Guardare la propria pelle e controllare come si evolve l’abbronzatura: non grattarsi ma accarezzarsi magari usando una spugnetta umida. Il viso, che le donne spesso «soffocano» con il trucco, va sempre pulito in profondità per farlo respirare. E per eliminare i batteri accumulati durante la giornata. Molto indicate le saune, non superiori ai 20 minuti, soprattutto se seguite da una brevissima doccia fredda. Dormire molto e riposarsi, anche al pomeriggio un’oretta o più. L’estate e le vacanze sono tempo di relax, ricordiamolo sempre: il mancato riposo, alla lunga, si rivela un’abitudine molto negativa per il benessere e la bellezza.

Gli orari migliori

Evitare di fare le ore piccole contribuisce a ricaricare le batterie del derma attraverso un salutare ricambio cellulare, e a conferire un aspetto più luminoso in vista dei «bagni solari». Ricordarsi che esporsi al sole nell’orario fra le 12 e le 16 non fa bene. Meglio un pranzo leggero con pennichella subito dopo piuttosto che arrostirsi in spiaggia. Usare creme a protezione adeguata, soprattutto nei primi giorni di esposizione quando il rischio-scottature è alto. Per i bambini (o per chi ha i capelli rossi) occorre fare ancor più attenzione.

Continua la lettura di Come avere una abbronzatura perfetta e in sicurezza su Eco di Biella.

]]>
Alimentazione del cane, fondamentale per il benessere https://ecodibiella.it/salute/alimentazione-del-cane-benessere/ Sun, 22 Jul 2018 05:37:21 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60170 Alimentazione del cane, un argomento fondamentale per il benessere dei nostri amici animali. Fino a pochi decenni orsono la loro dieta era rappresentata da cibi casalinghi cotti, avanzi del pasto famigliare, frattaglie e ossa. L’alternativa preconfezionata era scelta da pochi. Oggi, fortunatamente, la situazione è molto cambiata. Ci sono negozi altamente specializzati che offrono una […]

Continua la lettura di Alimentazione del cane, fondamentale per il benessere su Eco di Biella.

]]>
Alimentazione del cane, un argomento fondamentale per il benessere dei nostri amici animali. Fino a pochi decenni orsono la loro dieta era rappresentata da cibi casalinghi cotti, avanzi del pasto famigliare, frattaglie e ossa. L’alternativa preconfezionata era scelta da pochi. Oggi, fortunatamente, la situazione è molto cambiata. Ci sono negozi altamente specializzati che offrono una miriade di proposte. Si spazia dai croccantini alle “scatolette”, dagli spuntini alle mousse, per arrivare a premietti di tutti i tipi con pollo, manzo, coniglio, cervo, cinghiale, quaglia, salmone e tante altre fonti proteiche. Il tema è delicato perché il benessere dei nostri amici più cari dipende proprio dalla loro alimentazione.

Alimentazione del cane, le tendenze

Da qualche tempo, sta crescendo la tendenza ad utilizzare cibi crudi, cercando di riportare la dieta alle origini, ai tempi in cui si procacciavano il cibo autonomamente. La cosiddetta dieta Barf (Biologically Appropriate Raw Food) segue il concetto dell’adattamento al sistema predatore-preda e si basa essenzialmente su razioni di carne cruda, ossa, frattaglie, verdura e frutta. Tutto ciò in netta contrapposizione rispetto ai cibi industriali che vengono incolpati di essere ricchi di additivi e conservanti. Ovviamente anche le diete più naturali nascondono delle insidie. Non subendo un processo di cottura aumentano i rischi di tipo infettivo ed igienico; inoltre è possibile la creazione di squilibri proteici o vitaminici nel caso in cui la composizione del pasto risultasse inadeguata.

I resti dei nostri pasti

Solo pericoli si nascondono infine dietro una terza scelta alimentare, quella che è rappresentata da ingredienti o resti dei nostri pasti. Con fritti, oli, sughi, sale, spezie, zuccheri aumentano notevolmente i disturbi gastrointestinali o cutanei, le intolleranze o le malattie organiche. Detto tutto questo resta una conclusione: meglio evitare la terza opzione, perché l’apparato digerente di cani e gatti non è come quello degli esseri umani.

Continua la lettura di Alimentazione del cane, fondamentale per il benessere su Eco di Biella.

]]>
Bomba d’acqua, automobilista esce di strada e finisce in ospedale https://ecodibiella.it/cronaca/bomba-dacqua-automobilista-esce/ https://ecodibiella.it/cronaca/bomba-dacqua-automobilista-esce/#respond Sat, 21 Jul 2018 11:56:10 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60168 Bomba d’acqua, automobilista esce di strada e finisce in ospedale. Bomba d’acqua, automobilista esce di strada A causa delle forti piogge di ieri sera un automobilista ha perso il controllo della propria auto ed è uscito di strada. E’ successo poco dopo le 21 a Valle San Nicolao. L’uomo, che ha 62 anni e vive […]

Continua la lettura di Bomba d’acqua, automobilista esce di strada e finisce in ospedale su Eco di Biella.

]]>
Bomba d’acqua, automobilista esce di strada e finisce in ospedale.

Bomba d’acqua, automobilista esce di strada

A causa delle forti piogge di ieri sera un automobilista ha perso il controllo della propria auto ed è uscito di strada. E’ successo poco dopo le 21 a Valle San Nicolao. L’uomo, che ha 62 anni e vive in paese, è dovuto ricorrere alle core mediche del Pronto Soccorso. Le sue condizioni non sono comunque gravi.

Incidente in bici

Ha invece rifiutato il trasporto in ospedale il ciclista che ieri, alla rotonda tra via Oremo e via Ivrea, a Biella, è caduto dalla bici. L’incidente sarebbe avvenuto a causa della manovra un po’ azzardata di un’auto vicina. L’automobilista, che non si è accorta dell’incidente, si è in un primo momento allontanata. Più tardi si è però presentata spontaneamente in questura per farsi identificare.

Tamponamento

Non si è registrato nessun ferito, invece, ieri mattina, nel corso di un tamponamento che si è verificato a Masserano. A scontrarsi sono state  la Honda Civic di proprietà di un uomo di 34 anni resdiente in paese e la Peugeot 2008 di un uomo di 45 anni che vive a Lozzolo. Sono intervenuti i carabinieri per aiutare i due automobilisti nella compilazione del Cid.

Continua la lettura di Bomba d’acqua, automobilista esce di strada e finisce in ospedale su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/bomba-dacqua-automobilista-esce/feed/ 0
Trovata pericolosa bomba a mano https://ecodibiella.it/cronaca/trovata-pericolosa-bomba-a-mano/ https://ecodibiella.it/cronaca/trovata-pericolosa-bomba-a-mano/#respond Sat, 21 Jul 2018 09:37:32 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60166 Trovata pericolosa bomba a mano, ieri, a Cossato. Trovata pericolosa bomba a mano Una bomba a mano risalente alle Seconda guerra mondiale è stata rinvenuta ieri in un fosso di scolo in via Imer Zona a Cossato. La bomba a mano La bomba sembrava essere di produzione inglese. Era particolarmente pericolosa in quanto era in […]

Continua la lettura di Trovata pericolosa bomba a mano su Eco di Biella.

]]>
Trovata pericolosa bomba a mano, ieri, a Cossato.

Trovata pericolosa bomba a mano

Una bomba a mano risalente alle Seconda guerra mondiale è stata rinvenuta ieri in un fosso di scolo in via Imer Zona a Cossato.

La bomba a mano

La bomba sembrava essere di produzione inglese. Era particolarmente pericolosa in quanto era in cattive condizioni.

Intervento

Gli artificieri hanno provveduto a farla brillare subito, per evitare danni.

Continua la lettura di Trovata pericolosa bomba a mano su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/trovata-pericolosa-bomba-a-mano/feed/ 0
Maltempo, alberi caduti in mezza provincia https://ecodibiella.it/cronaca/maltempo-alberi-caduti/ https://ecodibiella.it/cronaca/maltempo-alberi-caduti/#respond Sat, 21 Jul 2018 07:27:45 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60163 Maltempo, alberi caduti in mezza provincia. Maltempo E’ stata una notte movimentata quella appena trascorsa, per i Vigili del fuoco di Biella. Sono tantissimi i casi di alberi caduti e allagamenti sui quali sono dovuti intervenire. Interventi Il maltempo ha imperversato per tutta la notte sull’intera provincia. I pompieri sono dovuti intervenire a Candelo, Valle […]

Continua la lettura di Maltempo, alberi caduti in mezza provincia su Eco di Biella.

]]>
Maltempo, alberi caduti in mezza provincia.

Maltempo

E’ stata una notte movimentata quella appena trascorsa, per i Vigili del fuoco di Biella. Sono tantissimi i casi di alberi caduti e allagamenti sui quali sono dovuti intervenire.

Interventi

Il maltempo ha imperversato per tutta la notte sull’intera provincia. I pompieri sono dovuti intervenire a Candelo, Valle Mosso, Gaglianico, Masserano, Strona, Vigliano Biellese e Viverone.

Continua la lettura di Maltempo, alberi caduti in mezza provincia su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/maltempo-alberi-caduti/feed/ 0
Cadono due tralicci dell’alta tensione, fiamme nell’orto di una casa https://ecodibiella.it/cronaca/cadono-due-tralicci-dellalta-tensione/ https://ecodibiella.it/cronaca/cadono-due-tralicci-dellalta-tensione/#respond Sat, 21 Jul 2018 07:20:44 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60160 Cadono due tralicci dell’alta tensione, fiamme nell’orto di una casa. Cadono due tralicci dell’alta tensione Mattinana di paura in un’abitazione di via Fratelli Tondi, a Lessona. Questa mattina poco dopo l’alba a causa del maltempo sono caduti due tralicci dell’alta tensione da 15mila Volt. Black out A causa della caduta dei tralicci l’intera via è […]

Continua la lettura di Cadono due tralicci dell’alta tensione, fiamme nell’orto di una casa su Eco di Biella.

]]>
Cadono due tralicci dell’alta tensione, fiamme nell’orto di una casa.

Cadono due tralicci dell’alta tensione

Mattinana di paura in un’abitazione di via Fratelli Tondi, a Lessona. Questa mattina poco dopo l’alba a causa del maltempo sono caduti due tralicci dell’alta tensione da 15mila Volt.

Black out

A causa della caduta dei tralicci l’intera via è rimasta senza corrente elettrica. E’ inoltre divampato un piccolo incendio nella serra di un’abitazione.

Allarme

Scattato l’allarme sono arrivati i Vigili del fuoco e i carabinieri. I pompieri hanno provveduto a spegnere le fiamme ed ora si trovano ancora a Lessona dove stanno presidiando la zona: il cavo emette scariche elettriche molto pericolose.

I Vigili del fuoco ora presidiano il luogo perché il cavo emette scariche elettriche. Nel frattempo stanno giungendo i tecnici dell’Enel, che si occuperanno di mettere in sicurezza e restaurare l’impianto.

Generatori

Sono  una quindicina le abitazioni  rimaste senza corrente. Per loro Enel provvederà ad installare dei generatori fino a che non sarà terminato l’intervento di ripristino.

Continua la lettura di Cadono due tralicci dell’alta tensione, fiamme nell’orto di una casa su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/cadono-due-tralicci-dellalta-tensione/feed/ 0
Escavatore si ribalta, operaio rischia di essere travolto https://ecodibiella.it/cronaca/escavatore-si-ribalta-operaio-rischia-di-essere-travolto/ https://ecodibiella.it/cronaca/escavatore-si-ribalta-operaio-rischia-di-essere-travolto/#respond Fri, 20 Jul 2018 16:12:08 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60154 Escavatore si ribalta, operaio rischia di essere travolto. Uomo di 41 anni di Roasio Infortunio sul lavoro oggi pomeriggio alla Sasil di di Brusnengo. Un operaio di 41 anni di Roasio, dipendente di una ditta di scavi e movimento terra Curino che stava effettuando dei lavori nell’area della nota società di estrazione mineraria e di […]

Continua la lettura di Escavatore si ribalta, operaio rischia di essere travolto su Eco di Biella.

]]>
Escavatore si ribalta, operaio rischia di essere travolto.

Uomo di 41 anni di Roasio

Infortunio sul lavoro oggi pomeriggio alla Sasil di di Brusnengo. Un operaio di 41 anni di Roasio, dipendente di una ditta di scavi e movimento terra Curino che stava effettuando dei lavori nell’area della nota società di estrazione mineraria e di produzione di sabbia, è caduto mentre stava scaricando un escavatore dalla pedana del camion che lo trasportava. Il pesante mezzo è scivolato e si è ribaltato.

Non è in pericolo di vita

L’operaio è rimasto ferito ma, per fortuna, non sarebbe in pericolo di vita. Nella caduta ha riportato la frattura di almeno tre costole e un traumna cranico commotivo per il quale si sta valutando il suo trasferimento nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale Maggiore di Novara. Tutto dipenderà dal risutlato della risonanza magnetica o della Tac.

Indaga la Polizia mineraria

Sull’incidente stanno indagando gli agenti della Polizia mineraria del Piemonte. Sono intervenuti anche, per quanto di loro competenza, gli ispettori dello Spresal e i carabinieri di Masserano. Come accade sempre in occasione di questi incidenti, fondamentale è stato il supporto dei Vigili del fuoco a cui spetta il compito di riportare la situazione alla normalità e i sanitari del “118” che hano soccorso il ferito e lo hanno subito portato all’ospedale di Ponderano.

Continua la lettura di Escavatore si ribalta, operaio rischia di essere travolto su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/escavatore-si-ribalta-operaio-rischia-di-essere-travolto/feed/ 0
Asfaltature in città, traffico in tilt a Chiavazza FOTO https://ecodibiella.it/attualita/asfaltature-in-citta-traffico-in-tilt-a-chiavazza-foto/ https://ecodibiella.it/attualita/asfaltature-in-citta-traffico-in-tilt-a-chiavazza-foto/#respond Fri, 20 Jul 2018 08:43:48 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60134 Traffico in tilt questa mattina a causa dell’inizio dei lavori di riasfaltatura a via Serralunga e alla rotonda del ponte di Chiavazza, lato Biella. Code anche di un’ora per l’accesso al centro città. Asfaltature in città, traffico in tilt a Chiavazza I lavori non sono una sorpresa ed erano stati annunciati dal Comune. E proprio […]

Continua la lettura di Asfaltature in città, traffico in tilt a Chiavazza FOTO su Eco di Biella.

]]>
Traffico in tilt questa mattina a causa dell’inizio dei lavori di riasfaltatura a via Serralunga e alla rotonda del ponte di Chiavazza, lato Biella. Code anche di un’ora per l’accesso al centro città.

Asfaltature in città, traffico in tilt a Chiavazza

I lavori non sono una sorpresa ed erano stati annunciati dal Comune. E proprio per questo motivo Atap ha comunicato che le linee dei bus che transitano normalmente lungo via Serralunga e lungo la rotonda del ponte di Chiavazza, durante la realizzazione dei nuovi asfalti subiranno delle modifiche nel tracciato. Anche gli automobilisti dovranno scegliere strade alternative visto che i tratti interessati dovranno per forza essere chiusi al traffico per garantire i lavori in sicurezza.

I prossimi cantieri

Le altre strade interessate dai cantieri da qui al 27 luglio. L’elenco delle vie e delle piazze su cui l’impresa che ha vinto l’appalto andrà ad operare sono piazza Don Gatto a Chiavazza, la rotonda tra via Carso e via Bertodano, viale Roma e le rotonde di piazza San Paolo e piazza Adua, via per Candelo, via Vialardi di Verrone, via Piacenza, strada al Torrente, strada Favaro di Là, piazza Croce Rossa e via Brignana. I lavori sono curati dall’impresa Florida di Trentola Ducenta (Caserta) si è aggiudicata con un ribasso del 21,39 per cento sulla base d’asta che era fissata in 400mila euro.

Parcheggio Funicolare

Intanto da qualche giorno sono in corso i lavori per “limare” i muretti all’accesso delle rampe del nuovo parcheggio della funicolare. Nonostante le dimensioni fossero quelle previste dalla legge, senza gli spigoli le manovre per gli automobilisti in questo modo risulteranno più facili. Il problema era stato posto da alcuni utenti del nuovo parcheggio della funicolare, ricavato all’interno degli ex Boglietti. Gli spazi di manovra, infatti, erano risultati assolutamente poco ampi, con il rischio di toccare la vettura proprio sul muretto della rampa. Ora il Comune corre ai ripari per rendere maggiormente fruibile il nuovo parcheggio.

Continua la lettura di Asfaltature in città, traffico in tilt a Chiavazza FOTO su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/attualita/asfaltature-in-citta-traffico-in-tilt-a-chiavazza-foto/feed/ 0
La cocaina era nascosta nel serbatoio dell’auto https://ecodibiella.it/cronaca/la-cocaina-era-nascosta-nel-serbatoio-dellauto/ https://ecodibiella.it/cronaca/la-cocaina-era-nascosta-nel-serbatoio-dellauto/#respond Thu, 19 Jul 2018 10:31:37 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60124 La cocaina era nascosta nel serbatoio dell’auto. Condannato Ormai è un habitué delle aule di giustizia. E sempre per lo stesso motivo: la droga. Anche mercoledì mattina, Eugenio Maiolo, 58 anni, di Biella (avvocato Andrea Ventura), è stato condannato per spaccio di droga a due anni e mezzo di reclusione più 4.000 euro di multa […]

Continua la lettura di La cocaina era nascosta nel serbatoio dell’auto su Eco di Biella.

]]>
La cocaina era nascosta nel serbatoio dell’auto.

Condannato

Ormai è un habitué delle aule di giustizia. E sempre per lo stesso motivo: la droga. Anche mercoledì mattina, Eugenio Maiolo, 58 anni, di Biella (avvocato Andrea Ventura), è stato condannato per spaccio di droga a due anni e mezzo di reclusione più 4.000 euro di multa dal giudice dell’udienza preliminare, Paola Rava, che ha altresì ordinato la confisca e la distruzione dello stupefacente in sequestro.

Sei cellulari per i “clienti”

E’ stata ordinata anche la confisca dei sei telefoni cellulari che i carabinieri avevano trovato all’imputato nel corso dell’operazione di metà gennaio scorso. Tutti i telefoni avevano una loro sim – talune anche non intestate a Maiolo – ed erano perfettamente funzionanti. Con quei telefoni, stando agli investigatori dell’Arma, l’imputato manteneva i contatti con i clienti.

Altre volte nei guai

Eugenio Maiolo è finito varie volte nei guai per droga in passato. Tanta droga. Al punto che quella che gli hanno trovato in casa nel corso dell’ultima operazione dei carabinieri, che gli è di nuovo costata il carcere e la condanna di ieri mattina, non è nulla rispetto ai quantitativi del passato. Come viene spiegato nel capo d’imputazione del processo di ieri mattina, l’imputato era stato arrestato perché trovato in possesso di cocaina e marijuana nel corso di due perquisizioni.

La cocaina era nascosta nel serbatoio

Maiolo, che ha già accumulato parecchie condanne sempre per droga, era stato fermato da una pattuglia mentre si trovava alla guida della propria auto. Durante la perquisizione, i militari avevano trovato un primo quantitativo di droga: due involucri in cellophane trasparenti contenenti quasi dieci grammi di cocaina. I due involucri erano stati nascosti nell’imbocco del serbatoio dell’auto. Come da prassi, la perquisizione era stata quindi estesa anche all’abitazione del pregiudicato dove i carabinieri avevano trovato un discreto quantitativo di sostanza stupefacente. Altra droga (in tutto circa 110 grammi di marijuana) era stata nascosta in un’alta casa non riconducibile al Maiolo stesso.

Continua la lettura di La cocaina era nascosta nel serbatoio dell’auto su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/la-cocaina-era-nascosta-nel-serbatoio-dellauto/feed/ 0
Struprarono ventenne ubriaca: avranno uno sconto di pena https://ecodibiella.it/cronaca/struprarono-ventenne-ubriaca-avranno-uno-sconto-di-pena/ https://ecodibiella.it/cronaca/struprarono-ventenne-ubriaca-avranno-uno-sconto-di-pena/#respond Thu, 19 Jul 2018 10:12:49 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60121 Struprarono ventenne ubriaca: avranno uno sconto di pena. Due biellesi Sono due biellesi i due stupratori per i quali la Corte di Cassazione ha rimandato gli atti in Appello chiedendo che venga applicata nei loro confronti una riduzione della pena (erano stati condannati a tre anni ciascuno per stupro di gruppo) in quanto è da […]

Continua la lettura di Struprarono ventenne ubriaca: avranno uno sconto di pena su Eco di Biella.

]]>
Struprarono ventenne ubriaca: avranno uno sconto di pena.

Due biellesi

Sono due biellesi i due stupratori per i quali la Corte di Cassazione ha rimandato gli atti in Appello chiedendo che venga applicata nei loro confronti una riduzione della pena (erano stati condannati a tre anni ciascuno per stupro di gruppo) in quanto è da escludere l’aggravante che la ragazza, all’epoca dei fatti ventenne, fosse stata costretta a ubriacarsi. Come lei stessa ha infatti ammesso, aveva esagerato con le bevute volontariamente. I due sono Emilio Zanella, 51 anni, di Cossato, e Ioan Pinteanu, 60 anni, di Brusnengo, origini rumene. I fatti sono del 2009, ma il processo d’appello – dopo che in primo grado erano stati entrambi assolti – risale al mese di gennaio dell’anno scorso.

Il maresciallo Tindaro Gullo ha coordinato i carabinieri della Procura nelle indagini

Sentenza ok

la Corte ha scritto una sentenza ineccepibile evidenziando una mancanza di percorso e confermando che stupro in effetti c’è stato e che i due imputati sono colpevoli d’averlo commesso, per di più di gruppo. La Corte ha solo stabilito che se la vittima è ubriaca per avere assunto volontariamente alcol, alla pena non può essere aggiunta l’aggravante di uso di sostanze alcoliche o stupefacenti. La Cassazione ha così rinviato in appello la sentenza di condanna di secondo grado per rivedere al ribasso la pena comminata ai due imputati. I tre erano andati a cena e la donna aveva bevuto tanto da «non riuscire ad autodeterminarsi». In un primo tempo c’era anche un amico di lei che poi aveva litigato con gli altri due e se n’era andato. Dopo la violenza, la ragazza era andata al pronto soccorso e aveva quindi descritto in modo confuso quanto accaduto. In primo grado i due imputati erano stati assolti.

Una storia terribile

Accusati del reato di stupro di gruppo per aver violentato una ventenne dopo averla ubriacata, Emilio Zanella  e Ioan Pinteanu erano stati condannati a gennaio dell’anno scorso dai giudici della Corte d’appello di Torino a tre anni di reclusione ciascuno (tenuto conto dello sconto previsto per la scelta del rito).
Al termine del processo di primo grado, entrambi gli imputati erano stati invece assolti con una formula dubitativa, corrispondente alla passata “insufficienza di prove”. Il giudice di Biella (che in caso di processo con rito abbreviato deve giudicare sulla base degli atti), aveva ritenuto contraddittorio e lacunoso il compendio probatorio a carico degli imputati, costituito, in tema di violenza sessuale, unicamente dalle dichiarazioni della persona offesa che non era stata però risentita in aula. La presunta violenza era avvenuta nel mese di giugno del 2009.

Appello avverso la prima assolouzione

Contro la sentenza di primo grado, avevano proposto appello sia la parte civile (rappresentata dall’avvocato Ilaria Sala) sia il pubblico ministero. Di anni ne sono passati, considerato che era il 13 luglio 2011. L’udienza è stata fissata dalla Corte d’appello al 20 dicembre 2016. Decisiva è risultata la testimonianza della presunta vittima della violenza, la quale, dopo tanti anni, non ha fatto un passo indietro rispetto a ciò che aveva raccontato in fase di denuncia.

Testimonianza decisiva

A chiedere che i giudici ascoltassero la versione della ragazza, è stato il Procuratore generale, che ha fatto propria una sentenza Corte di Cassazione che, seguendo i principi contenuti nella Convenzione Europea per la Salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali, ha affermato che il Giudice d’Appello, in caso di impugnazione del Pubblico ministero, avverso una sentenza assolutoria fondata sulla valutazione di prove dichiarative ritenute decisive, «non può riformare la sentenza impugnata nel senso dell’affermazione della responsabilità della persona penale dell’imputato, senza aver proceduto, anche d’ufficio, a rinnovare l’istruzione dibattimentale attraverso l’esame dei soggetti che abbiano reso dichiarazioni sui fatti del processo ritenute decisive ai fini del giudizio assolutorio di primo grado».

Il racconto di lei determinante

La giovane è stata sentita nel corso di una udienza. Alla fine, la Corte d’appello ha riformato la sentenza di primo grado, ha ritenuto gli imputati colpevoli del reato di violenza sessuale di gruppo e li ha condannati a tre anni ciascuno oltre all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Gli imputati sono stati condannati a pagare una provvisionale di diecimila euro in favore della parte civile, oltre al maggior danno da liquidarsi in separato giudizio e al pagamento delle spese processuali.

La “squadra antimostro”

Le indagini erano stato svolte dall’ormai famosa “squadra antimostro” formata dai carabinieri che lavorano in Procura, coordinati dal maresciallo Tindaro Gullo. Secondo l’accusa, la ventenne si era recata a casa di uno dei due imputati, conosciuti in un ristorante. Era in compagnia di un amico che si era allontanato dopo aver avuto un diverbio con uno dei due imputati. Nella sua denuncia, la giovane spiega che quella sera aveva bevuto parecchio e in quel momento appariva stordita, senza forze e incapace di reagire. I due – sempre stando al racconto – avevano a quel punto approfittato di lei e delle sue condizioni psicofisiche non ottimali, per violentarla.

“Era consenziente”

«Non è vero – si sono sempre difesi gli imputati – lei era consenziente…». In primo grado, al termine della requisitoria, il Pubblico ministero aveva chiesto per i due (difesi dall’avvocato Sandro Delmastro) una condanna a due anni e otto mesi.
V.Ca.

Continua la lettura di Struprarono ventenne ubriaca: avranno uno sconto di pena su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/struprarono-ventenne-ubriaca-avranno-uno-sconto-di-pena/feed/ 0
Furbetti del cartellino: in sette davanti al giudice https://ecodibiella.it/cronaca/furbetti-del-cartellino-in-sette-davanti-al-giudice/ https://ecodibiella.it/cronaca/furbetti-del-cartellino-in-sette-davanti-al-giudice/#respond Thu, 19 Jul 2018 09:49:44 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60115 Furbetti del cartellino: in sette davanti al giudice.   Si svolgerà a fine settembre l’udienza preliminare per i sette presunti “furbetti del cartellino” rimasti nell’inchiesta penale che quasi due anni fa aveva riportato Biella alla ribalta della cronaca nei tigì nazionali. La gigantesca e incontenibile valanga che all’inizio aveva travolto tutto e tutti, si era […]

Continua la lettura di Furbetti del cartellino: in sette davanti al giudice su Eco di Biella.

]]>
Furbetti del cartellino: in sette davanti al giudice.

 

Si svolgerà a fine settembre l’udienza preliminare per i sette presunti “furbetti del cartellino” rimasti nell’inchiesta penale che quasi due anni fa aveva riportato Biella alla ribalta della cronaca nei tigì nazionali. La gigantesca e incontenibile valanga che all’inizio aveva travolto tutto e tutti, si era in effetti asciugata come da pronostico.

Erano in 33

All’inizio erano finiti in 33 sotto la lente d’ingrandimento della Procura e dei carabinieri che avevano piazzato telecamere ed effettuato appostamenti e pedinamenti per sorprendere con le mani nel sacco i “furbetti”. Alla fine solo dieci si sono salvati dai provvedimenti disciplinari decisi da una commissione formata ad hoc.

Sette davanti al giudice

In sette finiranno davanti al giudice dell’udienza preliminare. Due sono stati alla fine i dipendenti comunali licenziati in quanto la loro posizione è stata definita indifendibile. Hanno provato a fare ricorso entrambi per essere reintegrati nel loro posto di lavoro. Hanno impugnato la sentenza del giudice del lavoro, ma alla fine non hanno potuto far nulla in quanto il licenziamento è stato confermato.

Il Comune chiede i danni

Nel frattempo, come peraltro previsto, il Comune di Biella si costituirà parte civile per ottenere dai sette dipendenti il risarcimento degli eventuali danni che verranno quantificati in sede di udienza. Per rappresentare il Comune di Biella in giudizio, la Giunta ha nominato l’avvocato Fabio Giannotta.

L’ARTICOLO COMPLETO LO POTETE TROVARE SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA OGGI

Continua la lettura di Furbetti del cartellino: in sette davanti al giudice su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/furbetti-del-cartellino-in-sette-davanti-al-giudice/feed/ 0
Nuovi contatori in città, partite le prime installazioni https://ecodibiella.it/attualita/nuovi-contatori-in-citta-partite-le-prime-installazioni/ https://ecodibiella.it/attualita/nuovi-contatori-in-citta-partite-le-prime-installazioni/#respond Thu, 19 Jul 2018 09:39:21 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60113 Nuovi contatori in città. Sono partite le prime installazioni da parte di E Distribuzione. L’operazione terminerà a dicembre. Nuovi contatori, partita l’installazione Terminerà a dicembre la massiccia campagna di sostituzione dei contatori dell’energia elettrica che E-distribuzione, consociata di Enel, ha iniziato da qualche giorno in città. In tutte le utenze sarà installato il nuovo “Open […]

Continua la lettura di Nuovi contatori in città, partite le prime installazioni su Eco di Biella.

]]>
Nuovi contatori in città. Sono partite le prime installazioni da parte di E Distribuzione. L’operazione terminerà a dicembre.

Nuovi contatori, partita l’installazione

Terminerà a dicembre la massiccia campagna di sostituzione dei contatori dell’energia elettrica che E-distribuzione, consociata di Enel, ha iniziato da qualche giorno in città. In tutte le utenze sarà installato il nuovo “Open meter”, un apparecchio che, tra le altre novità, consente la lettura in remoto dei consumi e una maggiore efficienza nella distribuzione dell’energia. L’operazione richiederà l’intervento di operai autorizzati e per questo l’azienda ha diffuso le linee guida per i cittadini, per garantire loro con certezza assoluta di avere alla porta un tecnico specializzato e non un truffatore o un malintenzionato.

Ogni operatore sarà munito di tesserino di riconoscimento

Ogni operatore sarà dotato di un tesserino di riconoscimento: conterrà nome, cognome, fotografia e numero di matricola dell’addetto se si tratta di un dipendente di E-distribuzione o i dati dell’impresa affidataria se si tratta di un lavoro dato in appalto. In quest’ultimo caso, nome e dati dell’impresa che si occupa dei lavori saranno segnalati all’autorità di pubblica sicurezza locale. Ogni addetto acconsentirà di farsi sottoporre a un ulteriore controllo, se i cittadini lo desiderassero: attraverso il suo telefono di servizio può generare un codice numerico attraverso il quale il cittadino potrà verificare la sua identità dettandolo all’operatore del numero verde 800.085577. Nei giorni precedenti il passaggio dei tecnici saranno distribuiti nelle zone interessate anche avvisi di sostituzione dei contatori.

Ecco le prime zone

In città le prime zone a essere interessate dalla campagna di sostituzione sono Barazzetto, Vandorno e la valle Oropa. Si chiuderà a dicembre nelle case del rione Centro.

Continua la lettura di Nuovi contatori in città, partite le prime installazioni su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/attualita/nuovi-contatori-in-citta-partite-le-prime-installazioni/feed/ 0
Rapina a mano armata alle Poste: arrestato https://ecodibiella.it/cronaca/rapina-a-mano-armata-alle-poste-arrestato/ https://ecodibiella.it/cronaca/rapina-a-mano-armata-alle-poste-arrestato/#respond Thu, 19 Jul 2018 09:35:52 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60110 Rapina a mano armata alle Poste: arrestato. Pregiudicato in azione La Polizia di Stato di Vercelli ha sventato una rapina all’ufficio postale del quartiere Isola. Un uomo, già noto alle forze dell’ordine per i suoi numerosi precedenti penali,  avvicinava alle spalle la direttrice, puntandole una pistola alla schiena. Ciò nel momento in cui la stessa […]

Continua la lettura di Rapina a mano armata alle Poste: arrestato su Eco di Biella.

]]>
Rapina a mano armata alle Poste: arrestato.

Pregiudicato in azione

La Polizia di Stato di Vercelli ha sventato una rapina all’ufficio postale del quartiere Isola. Un uomo, già noto alle forze dell’ordine per i suoi numerosi precedenti penali,  avvicinava alle spalle la direttrice, puntandole una pistola alla schiena. Ciò nel momento in cui la stessa si accingeva ad aprire il cancello sul retro che dà accesso all’Ufficio Postale.

Direttrice aggredita

La donna, percependo la presenza di qualcuno alle spalle e sentendosi toccare sulla schiena da un oggetto si voltava d’istinto. Alla reazione della signora ne scaturiva una colluttazione con il malvivente che la scaraventava a terra causandole numerose ferite ed escoriazioni. La scena è stata notata da un equipaggio della Squadra Volante in servizio di controllo del territorio che ha allertato la sala operativa. E’ stato così inviato un secondo equipaggio. Per prima cosa gli agenti hanno soccorso la signora.

Inseguito a piedi

Alla vista della Polizia, il bandito tentava una fuga. Ne nasceva quindi un inseguimento con i poliziotti che non perdevano mai di vista il malvivente che riusciva, però, a rifugiarsi all’interno di un condominio poco distante dall’ufficio postale. Il rapinatore, correndo nello stretto corridoio che attraversa i vani delle cantine al piano terra dello stabile, saliva le scale fino al primo piano dove gli Agenti riuscivano a fermarlo sull’uscio di un appartamento. E’ stato sottoposto a perquisizone personale senza però, in un primo momento, riuscire a rintracciare la pistola con cui aveva minacciato la direttrice dell’ufficio postale.

Pistola trovata

Gli uomini della Squadra Volante, diretta dal Commissario Capo Gianluca Tuccillo,  decidevano quindi di estendere la perquisizione al locale cantine del condominio. Proprio dove, dopo approfondite ricerche, veniva rinvenuta la pistola occultata all’interno di una cassetta che si trovava in una delle cantine. Solo in questo momento  gli Agenti constatavano che la pistola era a salve ma in tutto e per tutto identica ad una pistola vera, nonché priva del tappo rosso (nelle foto allegate).

Arrestato

L’uomo, successivamente riconosciuto dalla direttrice dell’Uffico Postale in quanto cliente abituale, veniva, quindi,  accompagnato in Questura dove veniva arrestato per il reato di tentata rapina a mano armata. E’ stato quindi condotto, su indicazione del magistrato di turno, nel carcere di Vercelli in attesa dell’udienza di convalida.

La convalida

L’arresto veniva successivamente convalidato dal giudice e, valutate le esigenze cautelari, il rapinatore veniva sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione quotidiano presso gli Uffici di Polizia.

Continua la lettura di Rapina a mano armata alle Poste: arrestato su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/rapina-a-mano-armata-alle-poste-arrestato/feed/ 0
Menchini e Costanza madrine di Impazza la Corsa pro Aism https://ecodibiella.it/sport/menchini-e-costanza-madrine-di-impazza-la-corsa-pro-aism/ https://ecodibiella.it/sport/menchini-e-costanza-madrine-di-impazza-la-corsa-pro-aism/#respond Wed, 18 Jul 2018 07:37:09 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60103 Due madrine d’eccezione e più di duecento i partecipanti a Impazza la Corsa, manifestazione ludico motoria a passo libero, con due percorsi a scelta tra 5 e 10,5 km, il cui ricavato di oltre 1300 euro è stato consegnato all’Aism Biella. Ieri, 15 luglio, le campionesse biellesi Rebecca Menchini e Valentina Costanza erano presenti in piazza del Comune […]

Continua la lettura di Menchini e Costanza madrine di Impazza la Corsa pro Aism su Eco di Biella.

]]>
Due madrine d’eccezione e più di duecento i partecipanti a Impazza la Corsa, manifestazione ludico motoria a passo libero, con due percorsi a scelta tra 5 e 10,5 km, il cui ricavato di oltre 1300 euro è stato consegnato all’Aism Biella. Ieri, 15 luglio, le campionesse biellesi Rebecca Menchini e Valentina Costanza erano presenti in piazza del Comune a Valle Mosso dove si è tenuta un’estrazione di tanti premi, prima della partenza, in modo da privilegiare tutti i partecipanti.

impazza la corsa
Impazza la corsa a Valle Mosso

Menchini e Costanza madrine

Al termine ottimo ristoro offerto da Conad e Maniscalco. Spazio anche per i più piccoli con i mini runner che hanno potuto divertirsi in un percorso a loro dedicato.

“L’idea è nata sette anni fa – ha spiegato Claudia De Mari, l’organizzatrice dell’evento – attraverso Salvatore Maniscalco, volontario presso l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Grazie a lui mi sono avvicinata a quel mondo e a quel punto decisi di dare il mio contributo per l’associazione organizzando una manifestazione podistica”.

Impazza la corsa a Valle Mosso
Impazza la corsa a Valle Mosso

Continua la lettura di Menchini e Costanza madrine di Impazza la Corsa pro Aism su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/sport/menchini-e-costanza-madrine-di-impazza-la-corsa-pro-aism/feed/ 0
Biella Rugby ingaggia l’avanti portoghese Baptista https://ecodibiella.it/sport/biella-rugby-ingaggia-lavanti-portoghese-baptista/ https://ecodibiella.it/sport/biella-rugby-ingaggia-lavanti-portoghese-baptista/#respond Tue, 17 Jul 2018 12:58:18 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60099 Edilnol Biella Rugby ha concluso le trattative per portare a Biella il giocatore straniero comunitario Vasco Baptista. Biella Rugby ingaggia Vasco Baptista Le sue caratteristiche fisiche, 192 cm e 108 kg di peso, gli consentono di giocare sia in seconda linea, sia in terza come ‘eightman’. Portoghese di nascita, ha giocato a Christchurch (Nuova Zelanda) […]

Continua la lettura di Biella Rugby ingaggia l’avanti portoghese Baptista su Eco di Biella.

]]>
Edilnol Biella Rugby ha concluso le trattative per portare a Biella il giocatore straniero comunitario Vasco Baptista.

Biella Rugby ingaggia Vasco Baptista

Le sue caratteristiche fisiche, 192 cm e 108 kg di peso, gli consentono di giocare sia in seconda linea, sia in terza come ‘eightman’. Portoghese di nascita, ha giocato a Christchurch (Nuova Zelanda) con il Belfast Rugby Club la sua ultima stagione agonistica inserendosi tra i migliori dieci marcatori del campionato e guadagnando il titolo di giocatore dell’anno del suo club.

Arriva dal rugby a sette, specialità per la quale ha vestito più volte la maglia del Portogallo, confrontandosi con nazionali del calibro di Francia, Sudafrica e Nuova Zelanda.

«Non vedo l’ora di essere lì»

“Non vedo l’ora di essere lì e basta”, dice Baptista a proposito del suo ultimo ingaggio, “a Biella mi aspettano diversi compiti, il primo sarà quello di giocatore, poi mi occuperò di allenare la mischia della Under 18 affiancando Darrel Shelford, parteciperò al progetto scuole, insomma, sarò molto impegnato per il club. Non vedo davvero l’ora di incominciare”.

Il ds Musso: «Ha grande entusiasmo»

Corrado Musso, DS Edilnol Biella Rugby: “È stato difficile trovare un giocatore con le caratteristiche che stavamo cercando: una terza centro in grado di adattarsi a seconda linea in caso di emergenza, ma con l’acquisto di Baptista, dire che abbiamo fatto centro. Ci ha convinti, è un ragazzo giovane, con tanto entusiasmo e tanta voglia di migliorarsi, cosa che potrà fare sicuramente sotto la guida dei nostri tecnici”.

Birchall: «Giocatore versatile»

Aldo Birchall, head coach Edilnol Biella Rugby: “Abbiamo scelto Baptista per la sua versatilità, è in grado di giocare in terza linea, ma all’occorrenza, anche in seconda, e per le sue caratteristiche personali, per la velocità e la sua personalità. Arriva dal rugby a sette di alto livello, ha vestito la maglia del Portogallo in più occasioni, e questo tipo di gioco richiede una buona mobilità, dote utile anche nel rugby a quindici. Ha ottime referenze ed ha voglia di esprimersi ed è molto ambizioso, ha voglia di fare bene e non vede l’ora di dimostrarlo”.

Continua la lettura di Biella Rugby ingaggia l’avanti portoghese Baptista su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/sport/biella-rugby-ingaggia-lavanti-portoghese-baptista/feed/ 0
Ubriaco tampona un’auto. E finisce nei guai https://ecodibiella.it/cronaca/ubriaco-tampona-unauto-e-finisce-nei-guai/ https://ecodibiella.it/cronaca/ubriaco-tampona-unauto-e-finisce-nei-guai/#respond Tue, 17 Jul 2018 11:27:51 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60097 Ubriaco tampona un’auto. E finisce nei guai. Dopo il litigio Era ubriaco. Così, per inseguire il rivale con il quale aveva avuto un litigio nei pressi di un locale lungo via Firenze, a Chiavazza, ha tamponato con il suo furgone Fiat Doblò, poche centinaia di metri più avanti, in via Gamba in direzione via Milano, […]

Continua la lettura di Ubriaco tampona un’auto. E finisce nei guai su Eco di Biella.

]]>
Ubriaco tampona un’auto. E finisce nei guai.

Dopo il litigio

Era ubriaco. Così, per inseguire il rivale con il quale aveva avuto un litigio nei pressi di un locale lungo via Firenze, a Chiavazza, ha tamponato con il suo furgone Fiat Doblò, poche centinaia di metri più avanti, in via Gamba in direzione via Milano, la Jeep che lo precedeva, riportando tra l’altro un vistoso taglio sulla fronte e altre escoriazioni. Per fortuna, la persona che viaggiava al suo fianco, è rimasta illesa.

Fatto il test

Raggiunto dagli agenti di una volante della polizia, il conducente, 43 anni, di Biella, è risultato positivo al test con l’etilometro per un tasso di oltre 2 grammi di alcol per litro di sangue, quattro volte superiore al limite massimo consentito dalla legge. L’uomo è stato così denunciato per il reato di guida in stato di ebbrezza, gli è stata sospesa la patente di guida e gli è stata sequestrata l’auto ai fini della confisca.

Continua la lettura di Ubriaco tampona un’auto. E finisce nei guai su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/ubriaco-tampona-unauto-e-finisce-nei-guai/feed/ 0
Arrestati per la rapina dei trapani alla Obi https://ecodibiella.it/cronaca/arrestati-per-la-rapina-dei-trapani-alla-obi/ https://ecodibiella.it/cronaca/arrestati-per-la-rapina-dei-trapani-alla-obi/#respond Tue, 17 Jul 2018 11:19:46 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60095 Arrestati per la rapina dei trapani alla Obi. Colpirono la guardia Sono stati colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di rapina e lesioni aggravate, i due giovani che a fine maggio avevano colpito con forza alla testa la guardia giurata che si era messo ad inseguirli dopo che avevano rubato […]

Continua la lettura di Arrestati per la rapina dei trapani alla Obi su Eco di Biella.

]]>
Arrestati per la rapina dei trapani alla Obi.

Colpirono la guardia

Sono stati colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di rapina e lesioni aggravate, i due giovani che a fine maggio avevano colpito con forza alla testa la guardia giurata che si era messo ad inseguirli dopo che avevano rubato due trapani molto costosi dagli scaffali dell’Obi di Ponderano.

Squadra mobile

I provvedimenti – scaturiti in seguito alle dettagliate indagini della Squadra mobile della polizia, sono stati notificati a Donato Bevilacqua, 20 anni, di Biella, e a Matteo Ferrigno, 30 anni, anche lui residente nella zona del Villaggio La Marmora. Ferrigno si trovava in carcere dov’è finito nel frattempo per scontare una pena. Ed è in viale dei Tigli che si è visto notificare dai poliziotti della Mobile l’ordinanza firmata dal giudice delle indagini preliminari su richiesta della Procura.

Uno era in Sicilia

Bevilacqua è stato rintracciato e arrestato mentre si trovava dalla fidanzata ad Agrigento. Sarebbe stato quest’ultimo, la mattina del 22 maggio, a colpire con forza alla testa, con uno dei due trapani rubati, la guardia giurata che si era messo a inseguire i due ladri. Un gesto che era costato ai due l’ipotesi di reato di rapina invece che di furto.

TUTTI I PARTICOLARI LI POTRETE LEGGERE GIOVEDI’ SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA.

Continua la lettura di Arrestati per la rapina dei trapani alla Obi su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/arrestati-per-la-rapina-dei-trapani-alla-obi/feed/ 0
L’industria biellese frena l’ottimismo https://ecodibiella.it/economia/lindustria-biellese-frena-lottimismo/ https://ecodibiella.it/economia/lindustria-biellese-frena-lottimismo/#respond Tue, 17 Jul 2018 08:42:02 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60092 Nell’industria biellese previsione caute per il terzo trimestre. Peggiora il saldo ottimisti-pessimisti nell’industria biellese Il saldo ottimisti-pessimisti circa le previsioni sull’andamento dell’industria biellese nel terzo trimestre 2018 peggiora. Dal precedente saldo di +8,1% passa a 0%, con un pareggio tra ottimisti e pessimisti. Si tratta di un risultato che arriva dall’indagine congiunturale elaborata da Confindustria […]

Continua la lettura di L’industria biellese frena l’ottimismo su Eco di Biella.

]]>
Nell’industria biellese previsione caute per il terzo trimestre.

Peggiora il saldo ottimisti-pessimisti nell’industria biellese

Il saldo ottimisti-pessimisti circa le previsioni sull’andamento dell’industria biellese nel terzo trimestre 2018 peggiora. Dal precedente saldo di +8,1% passa a 0%, con un pareggio tra ottimisti e pessimisti. Si tratta di un risultato che arriva dall’indagine congiunturale elaborata da Confindustria Piemonte  e realizzata con Unioncamere, UniCredit e Intesa Sanpaolo. Il dato biellese è comunque in tendenza con quello regionale. Anche qui il clima di fiducia dell’industria piemontese per il terzo trimestre raffredda. L’indagine ha riguardato un campione di 850 aziende del manifatturiero piemontese e 300 del settore servizi.

Protezionismo e incertezze politiche fattori frenanti

«Le valutazioni delle imprese piemontesi riflettono le crescenti criticità dello scenario geopolitico internazionale e italiano – ha detto il presidente di Confindustria Piemonte, Fabio Ravanelli, durante la presentazione dell’indagine che contiene anche il dato sull’industria biellese -. In effetti, se i dati economici continuano a essere complessivamente positivi, è soprattutto sul piano della politica che vi sono grandi preoccupazioni. Il protezionismo sempre più esplicito e aggressivo degli Stati Uniti ha ormai superato la fase da campagna elettorale e potrebbe scatenare una spirale di ritorsioni che per la nostra industria sarebbero molto pericolose».

Fiducia in calo in tutte le province

A livello piemontese, il saldo sui livelli produttivi per il terzo trimestre passa da +16,3% a +9,6%, quello sull’occupazione da +11,2% a +9,1% e quello sugli ordinativi totali da +14,9% a +9,6%. Oltre al dato dell’industria biellese, il trend di fiducia è in calo in tuute le province. Meno forte il calo dellee attese nelle aree di Cuneo (da +19,8 a +11,8%), Novara (da +27,2 a +23,6%) e Alessandria (da +26,8 a +14,1%), mentre a Torino (da +13,5 a +8,5%), Biella (da +8,1 a 0,0%), Verbania e Vercelli il raffreddamento è più visibile (rispettivamente da +7,7 a 0,0% e da +18,4 a +7,0). Anche le quasi 300 aziende piemontesi del campione del comparto “Servizi” esprimono valutazioni più caute. Il saldo ottimisti-pessimisti sui livelli di attività perde oltre 10 punti percentuali, da +26,5% al +15,8%.

GIOVANNI ORSO

 

Continua la lettura di L’industria biellese frena l’ottimismo su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/economia/lindustria-biellese-frena-lottimismo/feed/ 0
Stage di qualità, i posti salgono a ventinove https://ecodibiella.it/attualita/stage-di-qualita-i-posti-salgono-a-ventinove/ https://ecodibiella.it/attualita/stage-di-qualita-i-posti-salgono-a-ventinove/#respond Tue, 17 Jul 2018 07:45:18 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60088 Stage di qualità, i posti salgono a 29. Le domande da presentare entro e non oltre il 20 di agosto prossimo. Stage di qualità, come iscriversi Sono diventati 29 i posti a disposizione per l’edizione 2018/2019 degli stage di qualità. L’iniziativa, che ha Informagiovani in cabina di regia, offre da anni ai giovani laureati del […]

Continua la lettura di Stage di qualità, i posti salgono a ventinove su Eco di Biella.

]]>
Stage di qualità, i posti salgono a 29. Le domande da presentare entro e non oltre il 20 di agosto prossimo.

Stage di qualità, come iscriversi

Sono diventati 29 i posti a disposizione per l’edizione 2018/2019 degli stage di qualità. L’iniziativa, che ha Informagiovani in cabina di regia, offre da anni ai giovani laureati del territorio un’opportunità di svolgere uno stage retribuito in un’azienda le cui caratteristiche rispecchiano il loro percorso di studi. Nelle prime nove edizioni sono stati ricevuti più di 1.400 curricula e attivati 212 stage. Tra i partecipanti, il 38 per cento è rimasto come dipendente nell’impresa che lo aveva formato. Dei 27 ammessi all’edizione passata, diciassette hanno visto lo stage tramutarsi in un contratto, dall’apprendistato al tempo indeterminato.

Le domande entro il 20 agosto

Le cifre confermano l’utilità del progetto, sostenuto da un buon numero di aziende del Biellese. I 29 posti di quest’anno sono suddivisi tra profili di marketing, di amministrazione, di risorse umane, di area tecnica o di area sociale. I dettagli delle richieste delle imprese sono a disposizione sul sito web di Informagiovani Biella dove c’è anche l’indirizzo di posta elettronica a cui inviare la domanda entro il 20 agosto. I requisiti richiesti sono l’età (fino ai 32 anni), essere laureandi (ma non più di due esami da sostenere e la tesi) o laureati in qualsiasi ateneo e residenti in provincia di Biella oppure laureati o laureandi presso l’università di Biella, anche non biellesi. Per la prima volta quest’anno, un profilo è aperto a specializzati post diploma Its tessile abbigliamento moda. Lo stage dura sei mesi e viene retribuito con 700 euro mensili.

Continua la lettura di Stage di qualità, i posti salgono a ventinove su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/attualita/stage-di-qualita-i-posti-salgono-a-ventinove/feed/ 0
La festa disturba i residenti che chiamano i carabinieri https://ecodibiella.it/cronaca/la-festa-del-rugby-disturba/ https://ecodibiella.it/cronaca/la-festa-del-rugby-disturba/#comments Mon, 16 Jul 2018 12:06:14 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60084 La festa disturba i residenti che chiamano i carabinieri. La festa attira… attenzioni E’ stata una festa all’insegna della musica, dei canti e della baldoria quella organizzata ieri in via Antonio Cajani a Biella. Una festa riuscitissima, se non fosse per la poca tolleranza dei soliti biellesi residenti in zona. Carabinieri Un gruppo di residenti, […]

Continua la lettura di La festa disturba i residenti che chiamano i carabinieri su Eco di Biella.

]]>
La festa disturba i residenti che chiamano i carabinieri.

La festa attira… attenzioni

E’ stata una festa all’insegna della musica, dei canti e della baldoria quella organizzata ieri in via Antonio Cajani a Biella. Una festa riuscitissima, se non fosse per la poca tolleranza dei soliti biellesi residenti in zona.

Carabinieri

Un gruppo di residenti, poco dopo mezzanotte, ha chiamato i carabinieri segnalando schiamazzi eccessivi a tarda sera.

Festa finita

Quando i militari sono arrivati in via Cajani la festa stava giungendo al termine: i partecipanti stavano tornando a casa.

 

Continua la lettura di La festa disturba i residenti che chiamano i carabinieri su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/la-festa-del-rugby-disturba/feed/ 2
Finisce con l’auto contro il muro del municipio https://ecodibiella.it/cronaca/finisce-con-lauto-contro-il-muro/ https://ecodibiella.it/cronaca/finisce-con-lauto-contro-il-muro/#respond Mon, 16 Jul 2018 09:37:51 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60080 Finisce con l’auto contro il muro del municipio. Finisce con l’auto contro il muro E’ finito con l’auto, una Nissan Micra, contro il muro perimetrale del Municipio di Massazza, che è rimasto danneggiato. E successo ieri mattina. I fatti L’incidente si è ferificato intorno alle 8.40 in via Roma. Dopo che l’uomo, che ha 29 […]

Continua la lettura di Finisce con l’auto contro il muro del municipio su Eco di Biella.

]]>
Finisce con l’auto contro il muro del municipio.

Finisce con l’auto contro il muro

E’ finito con l’auto, una Nissan Micra, contro il muro perimetrale del Municipio di Massazza, che è rimasto danneggiato. E successo ieri mattina.

I fatti

L’incidente si è ferificato intorno alle 8.40 in via Roma. Dopo che l’uomo, che ha 29 anni ed è di Alpignano, ha perso il controllo della propria vettura, quest’ultima è finita contro il muro della sala consiliare del Municipio comunale. Dai primi accertamenti dei carabinieri, pare che il conducente abbia perso il controllo del mezzo mentre percorreva in discesa la strada che dal Castello porta alla via principale del paese. Nello scontro non ha riportato ferite. La Nissan Micra è stata rimossa  dalla zona interessata.

I danni

Per accordarsi rispetto alla refusione dei danni è intervenuto il vicesindaco di Massazza.

Altro incidente

Un altro incidente autonomo si è verificato ieri: a Campiglia Cervo una moto Honda condotta da una donna di 54 anni che vive a Pettinengo è finita contro  un muro. La centaura è stata portata in ospedale: ha riportato la sospetta frattura di una gamba.

Continua la lettura di Finisce con l’auto contro il muro del municipio su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/finisce-con-lauto-contro-il-muro/feed/ 0
Guida un’auto, ma ha la patente sospesa. Scoperto https://ecodibiella.it/cronaca/guida-ma-ha-la-patente-sospesa/ https://ecodibiella.it/cronaca/guida-ma-ha-la-patente-sospesa/#respond Mon, 16 Jul 2018 09:14:49 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60078 Guida un’auto, ma ha la patente sospesa. Ha la patente sospesa Nonostante avesse da tempo la patente sospesa si è comunque messo alla guida di un’auto. Scoperto E’ però stato scoperto dai carabinieri che lo hanno denunciato. Ora un uomo di 58 anni che vive a Pray dovrà rispondere del reato di guida senza patente. […]

Continua la lettura di Guida un’auto, ma ha la patente sospesa. Scoperto su Eco di Biella.

]]>
Guida un’auto, ma ha la patente sospesa.

Ha la patente sospesa

Nonostante avesse da tempo la patente sospesa si è comunque messo alla guida di un’auto.

Scoperto

E’ però stato scoperto dai carabinieri che lo hanno denunciato. Ora un uomo di 58 anni che vive a Pray dovrà rispondere del reato di guida senza patente.

Recidivo

Non è la prima volta che l’uomo viene sorpreso alla guida di un veicolo nonostante abbia la patente sospesa.

Continua la lettura di Guida un’auto, ma ha la patente sospesa. Scoperto su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/guida-ma-ha-la-patente-sospesa/feed/ 0
Ripianarono i debiti con il milione per il “Pirogas” https://ecodibiella.it/cronaca/ripianarono-i-debiti-con-il-milione-per-il-pirogas/ https://ecodibiella.it/cronaca/ripianarono-i-debiti-con-il-milione-per-il-pirogas/#respond Mon, 16 Jul 2018 04:27:42 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60071 Ripianarono i debiti con il milione per il “Pirogas”. Per l’accusa Il milione di euro erogato dall’Unione europea per la realizzazione di un “impianto produttivo di energia da biomassa vegetale mediante termolisi”, in parole semplici un pirogassificatore, erano invece serviti a ripianare i debiti di due società, in un caso per annullare in toto la […]

Continua la lettura di Ripianarono i debiti con il milione per il “Pirogas” su Eco di Biella.

]]>
Ripianarono i debiti con il milione per il “Pirogas”.

Per l’accusa

Il milione di euro erogato dall’Unione europea per la realizzazione di un “impianto produttivo di energia da biomassa vegetale mediante termolisi”, in parole semplici un pirogassificatore, erano invece serviti a ripianare i debiti di due società, in un caso per annullare in toto la situazione debitoria, nell’altro per aggiustarla solo in parte.

Due processati

Il legale rappresentante di una delle due società, la “Ergena srl” nonché di “Aisen Umuglia srl”, Gianfranco Umigia Marena, 79 anni, di Mongrando, nonché l’amministratore unico della stessa “Ergena srl” in un periodo successivo, Federico Aniello Pastinese, 53 anni, di Palazzo Canavese (Torino), sono stati così accusati di malversazione.

Contro lo Stato

Si tratta di un reato a danno dello Stato commesso da chi, avendo ottenuto contributi pubblici per finalità di interesse generale, li distrae o li usa indebitamente, con pene previste da sei mesi a quattro anni. Enrtambi sono stati alla fine rinviati a giudizio dal giudice, Paola Rava, per l’udienza del 21 febbraio del prossimo anno quando inizierà il processo.

I PARTICOLARI LI TROVATE STAMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

Continua la lettura di Ripianarono i debiti con il milione per il “Pirogas” su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/ripianarono-i-debiti-con-il-milione-per-il-pirogas/feed/ 0
Acqua al mercurio: riesce la truffa a un’anziana https://ecodibiella.it/cronaca/acqua-al-mercurio-riesce-la-truffa-a-un-anziana/ https://ecodibiella.it/cronaca/acqua-al-mercurio-riesce-la-truffa-a-un-anziana/#respond Mon, 16 Jul 2018 04:00:30 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60073 Acqua al mercurio: riesce la truffa a un anziana. Donna di 87 anni Il finto tecnico dell’acquedotto ha colpito ancora una volta. E’ riuscito a entrare in casa di una pensionata di 87 anni di Vigliano e a derubarla di oggetti in oro e soldi per un danno complessivo ancora da quantificare con il trucco […]

Continua la lettura di Acqua al mercurio: riesce la truffa a un’anziana su Eco di Biella.

]]>
Acqua al mercurio: riesce la truffa a un anziana.

Donna di 87 anni

Il finto tecnico dell’acquedotto ha colpito ancora una volta. E’ riuscito a entrare in casa di una pensionata di 87 anni di Vigliano e a derubarla di oggetti in oro e soldi per un danno complessivo ancora da quantificare con il trucco dell’acqua al mercurio che emette radiazioni.

Scaltri e smaliziati

I truffatori di turno sono scaltri e smaliziati, dotati di notevole parlantina e preparati ad affrontare qualsiasi situazione in modo da riuscire, comunque, a mettere a segno i loro raggiri.

Forse un complice

Anche stavolta è entrato in azione un solo finto tecnico dell’acquedotto anche se si presume che ad attenderlo, sull’auto pronta per la fuga, vi fosse quantomeno un complice. Lo stesso copione ripetuto per decine di volte contenente la storia dell’acqua contaminata al mercurio, ha funzionato per l’ennesima volta. «Sono dell’acquedotto comunale», ha esordito il truffatore, giovedì mattina, dopo aver suonato il campanello della pensionata.

IL SERVIZIO COMPLETO LO POTETE LEGGERE SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA STAMATTINA

Continua la lettura di Acqua al mercurio: riesce la truffa a un’anziana su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/acqua-al-mercurio-riesce-la-truffa-a-un-anziana/feed/ 0
Dopo la lite al bar se ne va senza pagare il conto https://ecodibiella.it/cronaca/dopo-la-lite-al-bar-se-ne-va-senza-pagare-il-conto/ https://ecodibiella.it/cronaca/dopo-la-lite-al-bar-se-ne-va-senza-pagare-il-conto/#respond Sat, 14 Jul 2018 11:56:40 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60065 Dopo la lite al bar se ne va senza pagare il conto. Dopo la lite al bar se ne va Ha litigato con altri due clienti di un bar, poi si è allontanato senza pagare la propria consumazione. E’ successo ieri sera poco dopo le 23 in un bar di via Pajetta a Cossato. La […]

Continua la lettura di Dopo la lite al bar se ne va senza pagare il conto su Eco di Biella.

]]>
Dopo la lite al bar se ne va senza pagare il conto.

Dopo la lite al bar se ne va

Ha litigato con altri due clienti di un bar, poi si è allontanato senza pagare la propria consumazione. E’ successo ieri sera poco dopo le 23 in un bar di via Pajetta a Cossato.

La lite

L’alterco, nato per vecchi dissapori, ha coinvolto tre uomini di altrettante diverse nazionalità: un marocchino, un polacco e un italiano. La discussione ha assunto toni alti, tanto che sono intervenuti anche i carabinieri.

Intervento

All’arrivo dei militari la situazione è tornata alla normalità: uno dei tre però si è allontanato senza saldare quanto dovuto al barista.

Continua la lettura di Dopo la lite al bar se ne va senza pagare il conto su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/dopo-la-lite-al-bar-se-ne-va-senza-pagare-il-conto/feed/ 0
Fugge dopo l’incidente, scoperto e denunciato https://ecodibiella.it/cronaca/fugge-dopo-lincidente-scoperto/ https://ecodibiella.it/cronaca/fugge-dopo-lincidente-scoperto/#respond Sat, 14 Jul 2018 09:26:30 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60068 Fugge dopo l’incidente, scoperto e denunciato. Fugge dopo l’incidente E’ stato scoperto, rintracciato e denunciato in tempo di record Alberto S., 30 anni, che ora dovrà rispondere dell’accusa di fuga e omissione di soccorso. Era lui l’automobilista al volante dell’Audi A4 che giovedì, lungo la superstrada,  all’altezza dello svincolo per Cerreto Castello, si è schiantata […]

Continua la lettura di Fugge dopo l’incidente, scoperto e denunciato su Eco di Biella.

]]>
Fugge dopo l’incidente, scoperto e denunciato.

Fugge dopo l’incidente

E’ stato scoperto, rintracciato e denunciato in tempo di record Alberto S., 30 anni, che ora dovrà rispondere dell’accusa di fuga e omissione di soccorso. Era lui l’automobilista al volante dell’Audi A4 che giovedì, lungo la superstrada,  all’altezza dello svincolo per Cerreto Castello, si è schiantata contro contro una Mini Cooper con a bordo una donna di 56 anni e l’anziana mamma di 70.

Nella scarpata

A causa dello schianto la piccola utilitaria è finita in una scarpata.

Scoperto

L’uomo, che in un primo momento si era allontanato dal luogo del’incidente senza prestare soccorso alle due donne rimaste ferite (una ha riportato 10 giorni di prognosi, l’altra 15) è stato individuato dai carabinieri che hanno messo sotto sequestro l’auto incidentata. Lui però non era in casa.

Ha confessato

Rintracciato la mattina seguente dalla Polizia in un bar di via Italia l’uomo è stato portato in questura, dove – assistito da un avvocato – ha poi confessato quanto successo e raccontato agli agenti la dinamica dell’episodio. L’uomo non è nuovo a episodi simili: in passato gli era già stato contestato un reato analogo.

 

 

Continua la lettura di Fugge dopo l’incidente, scoperto e denunciato su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/fugge-dopo-lincidente-scoperto/feed/ 0
Evade dagli arresti domiciliari, in cella https://ecodibiella.it/cronaca/evade-dagli-arresti-domiciliari-in-cella/ https://ecodibiella.it/cronaca/evade-dagli-arresti-domiciliari-in-cella/#respond Sat, 14 Jul 2018 08:49:07 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60063 Evade dagli arresti domiciliari, in cella. E’ successo a Brusnengo. Evade dagli arresti domiciliari Era da poco tempo agli arresti in casa, ma è uscito dalla propria abitazione. Un gesto che, secondo la legge, equivale a una vera e propria evasione. Arrestato Oscar Altea, 35enne residente a Brusnengo, è stato rintracciato e arrestato. Fermato dai […]

Continua la lettura di Evade dagli arresti domiciliari, in cella su Eco di Biella.

]]>
Evade dagli arresti domiciliari, in cella. E’ successo a Brusnengo.

Evade dagli arresti domiciliari

Era da poco tempo agli arresti in casa, ma è uscito dalla propria abitazione. Un gesto che, secondo la legge, equivale a una vera e propria evasione.

Arrestato

Oscar Altea, 35enne residente a Brusnengo, è stato rintracciato e arrestato. Fermato dai Carabinieri, verrà accompagnato alla casa circondariale di via dei Tigli, a Biella.

Continua la lettura di Evade dagli arresti domiciliari, in cella su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/evade-dagli-arresti-domiciliari-in-cella/feed/ 0
Cocktail di qualità per un aperitivo perfetto https://ecodibiella.it/cucina/cocktail-di-qualita-aperitivo/ Fri, 13 Jul 2018 11:07:15 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60060 I cocktail di qualità non possono fare a meno di due componenti: un’acquavite (prodotta della distillazione diretta di uva, frutta, cereali, etc.), che ne rappresenta la base, e una sostanza che modifichi l’acquavite, detta scientificamente l’agente modificante. Tale agente può essere costituito da un solo o da più elementi, e serve ad arricchire con il […]

Continua la lettura di Cocktail di qualità per un aperitivo perfetto su Eco di Biella.

]]>
I cocktail di qualità non possono fare a meno di due componenti: un’acquavite (prodotta della distillazione diretta di uva, frutta, cereali, etc.), che ne rappresenta la base, e una sostanza che modifichi l’acquavite, detta scientificamente l’agente modificante. Tale agente può essere costituito da un solo o da più elementi, e serve ad arricchire con il suo sapore, il suo profumo, il suo colore, le qualità proprie della base, creando quanto meno un nuovo sapore.

Cocktail di qualità, occhio al ghiaccio

Altro elemento necessario è il ghiaccio, sempre presente per motivi funzionali: mantenere e rendere il cocktail ghiacciato. Abbiamo detto che il secondo elemento dovrà arricchire con il suo sapore il cocktail, e può essere di natura diversa, potendo essere costituito da vino (sia bianco che rosso), whiskey, champagne, grappe, o altro. Iniziamo oggi da un celebre aperitivo, utilizzando un whiskey scozzese, un vermouth e dell’angostura.

Ingredienti – 1/2 bicchiere di scotch whiskey – 1/2 bicchiere di vermouth – 2 gocce di angostura – ghiaccio a sufficienza. Questo aperitivo si prepara utilizzando il “mixing glass”, in cui verserete i singoli elementi mettendo per primo ghiaccio cristallino; mescolate quindi il tutto con il cucchiaio lungo ed eliminate l’acqua in eccedenza. Quale whiskey vi suggeriamo il Glenmorangie single highland malt, che grazie al suo sapore vellutato, caldo, equilibrato, persistente, zuccherino ma fresco ben si presta a questa preparazione.

A base di Porto

Passiamo ora ad un long drink che si basa su un celebre vino europeo, il Porto. Ingredienti – 2 bicchieri di Porto bianco – 1 cucchiaio di acquavite – 1 cucchiaio di sciroppo di ananas – ciliegie snocciolate – ghiaccio tritato a neve a sufficienza. Versate il Porto, l’acquavite e lo sciroppo di ananas nel “mixer” e mescolateli usando l’apposito cucchiaio lungo, quanto più lentamente possibile. Servite il tutto in tumlers medi pieni di ghiaccio tritato a neve e guarniti con le ciliegie. Se servita in minor quantità in un bicchiere da cocktail il Porto cobbler prende il nome di Porto frappè.

After dinner

Ed infine, per gli amanti dello champagne, eccovi un cocktail appartenente alla famiglia degli after dinner. Di aspetto elegante e dal gusto molto particolare, il cui consumo, rigorosamente nelle apposite flute, è particolarmente indicato per le vostre grandi occasioni. Ingredienti: – 2 gocce di cognac – 2 gocce di angostura – ¼ di zolletta di zucchero – Champagne – Ghiaccio quanto basta. Prendete una flute ghiacciata, ponetevi un quarto di zolletta di zucchero, aggiungete due gocce d’angostura e due di cognac, quindi versate un ottimo champagne, quale lo Jacquart Cuvèe Nomine, ben ghiacciato. Infine guarnite il tutto con una mezza fetta d’arancia e una ciliegia rossa.

Continua la lettura di Cocktail di qualità per un aperitivo perfetto su Eco di Biella.

]]>
Due operai cadono dal ponteggio a Valdengo: uno è grave. https://ecodibiella.it/cronaca/due-operai-cadono-dal-ponteggio-a-valdengo-uno-e-grave/ https://ecodibiella.it/cronaca/due-operai-cadono-dal-ponteggio-a-valdengo-uno-e-grave/#respond Fri, 13 Jul 2018 11:06:36 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60052 Due operai cadono dal ponteggio a Valdengo: uno è grave. Sopralluogo anche del sostituto procuratore Federico Carrai (nella foto). Da venti metri Due operai sono rimasti feriti stamattina mentre stavano lavorando a Valdengo. Il doppio infortunio è avvenuto intorno alle 8. Poteva essere una tragedia senza precedenti in quanto i due operai pare che siano […]

Continua la lettura di Due operai cadono dal ponteggio a Valdengo: uno è grave. su Eco di Biella.

]]>
Due operai cadono dal ponteggio a Valdengo: uno è grave. Sopralluogo anche del sostituto procuratore Federico Carrai (nella foto).

Da venti metri

Due operai sono rimasti feriti stamattina mentre stavano lavorando a Valdengo. Il doppio infortunio è avvenuto intorno alle 8. Poteva essere una tragedia senza precedenti in quanto i due operai pare che siano precipitati da un’altezza di sette metri e solo per miracolo sono ancora vivi anche se uno è stato portato in elicottero a Novara in gravissime condizioni ed è stato per questo ricoverato nel reparto di rianimazione. Il secondo operaio è stato invece portato in ospedale a Ponderano. Le sue condizioni sono meno gravi.

Arriva anche il magistrato

A fare un sopralluogo, oltre agli ispettori dello Spresal e ai carabinieri che si occupano di ricostruire l’accaduto e delle indagini, è stato anche il sostituto procuratore Francesco Carrai che ha ordinato il sequestro dell’intero cantiere in attesa che i fatti vengano ricostruiti. I due stavano lavorando nel contesto di una azienda che in questi giorni sta allargando la propria sede di Valdengo.

Continua la lettura di Due operai cadono dal ponteggio a Valdengo: uno è grave. su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/due-operai-cadono-dal-ponteggio-a-valdengo-uno-e-grave/feed/ 0
Ricette fresche per l’estate: albicocche, fragole e manghi https://ecodibiella.it/cucina/ricette-fresche-estate-albicocche/ Fri, 13 Jul 2018 11:01:17 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60057 Ecco alcune ricette fresche e deliziose per conquistare il palato delle persone che pranzano o cenano insieme a voi. Ingredienti per 6 persone: 500 gr. di albicocche. 1/4 di litro di panna. 3 tuorli d’uovo. 150 gr. di zucchero. Occorre scegliere delle albicocche ben mature , spellarle, snocciolarle e ridurle a purè. Con l’acqua e […]

Continua la lettura di Ricette fresche per l’estate: albicocche, fragole e manghi su Eco di Biella.

]]>
Ecco alcune ricette fresche e deliziose per conquistare il palato delle persone che pranzano o cenano insieme a voi. Ingredienti per 6 persone: 500 gr. di albicocche. 1/4 di litro di panna. 3 tuorli d’uovo. 150 gr. di zucchero. Occorre scegliere delle albicocche ben mature , spellarle, snocciolarle e ridurle a purè. Con l’acqua e lo zucchero si prepara uno sciroppo che si porta a ebollizione. Lasciare intiepidire e unire al tutto i tuorli che nel frattempo sono stati sbattuti a spuma. Lavorate con lo sbattitore elettrico il tutto, fino a che il composto non si schiarisce e raffredda. Quindi mettete nel freezer per qualche tempo e, quando volete, servite.

Ricette fresche, servono le fragole

Ingredienti per 5 persone. 500 gr. di fragole di bosco. 150 gr. di zucchero. 2 dl. di panna. 1/2 limone. Dopo aver lavato e pulito le fragole di bosco mettetele nel frullatore. Montate la panna insieme allo zucchero e unite al tutto il succo del mezzo limone. Se non disponete di una gelatiera, versate il composto in un recipiente e mettetelo nel freezer. Quando inizia ad indurirsi lavoratelo con lo sbattitore elettrico per eliminare grumi e pezzi di ghiaccio.

Ingredienti per 5 persone

4 manghi ben maturi. 250 gr. di zucchero. 1 limone. 1/2 litro di panna. Dopo aver lavato i manghi, sbucciateli e fateli a pezzi eliminando i grossi noccioli. Passate la polpa con metà dello zucchero nel frullatore. A questo punto montate la panna con lo zucchero e, con delicatezza, e unite il purè di frutta al resto del composto. Versatelo in un recipiente idoneo e quindi lasciate tutto nel freezer. Quando s’indurisce lavoratelo con lo sbattitore elettrico per sciogliere grumi o pezzi di ghiaccio e rimettete il tutto nel freezer. Ancora qualche ora al freddo e il vostro gelato sarà pronto! Ci avete provato ma il risultato non è proprio come ve lo aspettavate?

Continua la lettura di Ricette fresche per l’estate: albicocche, fragole e manghi su Eco di Biella.

]]>
Provoca un incidente poi scappa: caccia al pirata della strada https://ecodibiella.it/cronaca/provoca-un-incidente-poi-scappa-caccia-al-pirata-della-strada/ https://ecodibiella.it/cronaca/provoca-un-incidente-poi-scappa-caccia-al-pirata-della-strada/#respond Fri, 13 Jul 2018 10:43:50 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60050 Provoca un incidente poi scappa: caccia al pirata della strada. In superstrada E’ caccia al pirata della strada che ieri in superstrada, direzione Cossato, nei pressi dello svincolo di Cerreto Castello, ha tamponato e sospinto fuori strada una Mini Cooper. A bordo c’erano madre e figlia che sono rimaste ferite ma, per fortuna, in modo […]

Continua la lettura di Provoca un incidente poi scappa: caccia al pirata della strada su Eco di Biella.

]]>
Provoca un incidente poi scappa: caccia al pirata della strada.

In superstrada

E’ caccia al pirata della strada che ieri in superstrada, direzione Cossato, nei pressi dello svincolo di Cerreto Castello, ha tamponato e sospinto fuori strada una Mini Cooper. A bordo c’erano madre e figlia che sono rimaste ferite ma, per fortuna, in modo non grave.

Donne ferite

L’automobilista pirata, alla guida di una vettura di colore chiaro, non si è fermato a soccorrere le due donne, ma ha preferito premere sull’acceleratore e allontanarsi. Ma potrebbe presto essere identificato in quanto all’incidente avrebbero assistito dei testimoni che avrebbero poi aiutato i carabinieri nelle indagini fornendo indicazioni preziose.

Palo abbattuto

La Mini Cooper con a bordo madre e figlia ha abbattuto un palo dell’Enel e poi si è parzialmente ribaltata. Lei ha 56 anni, la figlia ha 30 anni. Abitano a Brusnengo. Sono subito riuscite a uscire dall’abitacolo e a mettersi in salvo nonostante abbiano riportato lievi ferite e subito dopo sono state soccorse dai sanitari del “118”. Portate in ospedale, sono state medicate e subito dimesse con una prognosi rispettivamente di 10 e 15 giorni.

Anche i Vigili del fuoco

Con l’arrivo dei carabinieri si sono scoperti i motivi per i quali l’auto è uscita di strada. Si è così scoperta l’esistenza dell’ennesimo personaggio che preferisce svignarsela piuttosto che dare una mano in questo caso a due donne che solo per miracolo non hanno riportato lesioni di una certa gravità. Per mettere tutto in sicurezza anche in attesa dei tecnici dell’Enel per il palo della luce abbattuto, sono intervenuti i Vigili del fuoco del comando provinciale di Biella.

Continua la lettura di Provoca un incidente poi scappa: caccia al pirata della strada su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/provoca-un-incidente-poi-scappa-caccia-al-pirata-della-strada/feed/ 0
Appartamenti-truffa al mare: i casi si moltiplicano https://ecodibiella.it/cronaca/appartamenti-truffa-al-mare-i-casi-si-moltiplicano/ https://ecodibiella.it/cronaca/appartamenti-truffa-al-mare-i-casi-si-moltiplicano/#respond Fri, 13 Jul 2018 10:17:52 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60039 Appartamenti-truffa al mare: i casi si moltiplicano. Ancora truffe online di chi pensa di affittare una casa al mare per trascorrere le meritate ferie estive e a ridosso della partenza si accorge di essere stato raggirato e che la casa non esiste. Utilizzate siti sicuri Dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi dalla Questura e in […]

Continua la lettura di Appartamenti-truffa al mare: i casi si moltiplicano su Eco di Biella.

]]>
Appartamenti-truffa al mare: i casi si moltiplicano. Ancora truffe online di chi pensa di affittare una casa al mare per trascorrere le meritate ferie estive e a ridosso della partenza si accorge di essere stato raggirato e che la casa non esiste.

Utilizzate siti sicuri

Dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi dalla Questura e in particolare dalla sezione di Biella della Polizia postale che ha consigliato di utilizzare solo siti sicuri, sono arrivate due denunce per truffa ai carabinieri. In un caso, i militari del comando di Salussola, sono riusciti a identificare il truffatore.

Denunciato truffatore

Si tratta di un napoletano con precedenti penali anche specifici, Davide L., 54 anni, che è stato denunciato per il reato di truffa aggravata. Ha raggirato una signora che abita a Cerrione di 33 anni che si era fidata di un annuncio online con il quale si offriva in affitto per le ferie estive un appartamento a Loano che è poi risultato inesistente. La signora, nel frattempo, aveva versato con un bonifico una caparra di 200 euro che non ha più visto.

Un secondo caso

Sempre i carabinieri si sono occupati di un altro caso analogo che ha coinvolto una donna che abita a Biella che – dopo aver prenotato un alloggio sempre in Liguria, a Varigotti, attraverso un sito internet che, evidentemente, nascondeva un raggiro – ha versato un acconto di 400 euro. Anche per lei il risveglio, a pochi giorni dalla partenza, non è stato dei migliori. Il titolare del sito, infatti, si era letteralmente dissolto diventando irraggiungibile. E dissolti si erano anche i 400 euro.

Continua la lettura di Appartamenti-truffa al mare: i casi si moltiplicano su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/appartamenti-truffa-al-mare-i-casi-si-moltiplicano/feed/ 0
Funicolare del Piazzo, altro stop a una cabina ieri sera https://ecodibiella.it/attualita/funicolare-del-piazzo-altro-stop-a-una-cabina-ieri-sera/ https://ecodibiella.it/attualita/funicolare-del-piazzo-altro-stop-a-una-cabina-ieri-sera/#respond Fri, 13 Jul 2018 10:02:56 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60040 Funicolare del Piazzo, altro stop ieri sera. Nove persone sono rimaste bloccate all’interno di una cabina. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco. Funicolare del Piazzo, ripreso regolarmente il servizio Nella serata di giovedì 12 luglio un nuovo problema ha fermato una delle due cabine della nuova funicolare del Piazzo con nove persone a bordo. Si […]

Continua la lettura di Funicolare del Piazzo, altro stop a una cabina ieri sera su Eco di Biella.

]]>
Funicolare del Piazzo, altro stop ieri sera. Nove persone sono rimaste bloccate all’interno di una cabina. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco.

Funicolare del Piazzo, ripreso regolarmente il servizio

Nella serata di giovedì 12 luglio un nuovo problema ha fermato una delle due cabine della nuova funicolare del Piazzo con nove persone a bordo. Si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco, mentre erano presenti sul posto l’assessore ai lavori pubblici Sergio Leone e il responsabile dell’ufficio tecnico Davide Graziano Patergnani.

«Siamo ancora in fase di rodaggio»

«Siamo nel periodo che abbiamo definito di rodaggio» è la dichiarazione di Leone. «Ma, come del resto è previsto dal contratto, esigeremo la presenza costante almeno in questi primi giorni dei tecnici della Maspero, l’impresa che ha realizzato l’impianto, per l’intero orario di funzionamento della funicolare, dato che gli inconvenienti tecnici hanno un impatto sui viaggiatori». L’altra cabina non ha mai cessato di viaggiare fino alle 24 e nella mattina di venerdì 13 entrambe erano regolarmente in funzione.

Continua la lettura di Funicolare del Piazzo, altro stop a una cabina ieri sera su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/attualita/funicolare-del-piazzo-altro-stop-a-una-cabina-ieri-sera/feed/ 0
Test di guida autonoma in California per Bosch e Daimler https://ecodibiella.it/motori/test-di-guida-autonoma-bosch-daimler/ Fri, 13 Jul 2018 06:48:25 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60036 Test di guida autonoma, ora sono realtà. Bosch e Daimler accelerano lo sviluppo della guida completamente autonoma e senza guidatore (livello SAE 4/5) per le aree urbane e stanno decisamente tracciando una nuova rotta. I due partner hanno scelto la California come sede dei test pilota per il collaudo della prima flotta di prova. Nella seconda metà del 2019, Bosch e Daimler offriranno ai clienti un servizio di navetta con veicoli autonomi su percorsi selezionati […]

Continua la lettura di Test di guida autonoma in California per Bosch e Daimler su Eco di Biella.

]]>
Test di guida autonoma, ora sono realtà. Bosch e Daimler accelerano lo sviluppo della guida completamente autonoma e senza guidatore (livello SAE 4/5) per le aree urbane e stanno decisamente tracciando una nuova rotta. I due partner hanno scelto la California come sede dei test pilota per il collaudo della prima flotta di prova. Nella seconda metà del 2019, Bosch e Daimler offriranno ai clienti un servizio di navetta con veicoli autonomi su percorsi selezionati in una metropoli della California. L’operatore per questa prima flotta di prova e del servizio di mobilità basato su app sarà Daimler Mobility Services. Il progetto pilota dimostrerà in che misura i servizi di mobilità quali il car sharing (car2go), il ride-hailing (mytaxi) e le piattaforme multimodali (moovel) possano essere connessi in modo intelligente per plasmare il futuro della mobilità.

Test di guida autonoma, il ruolo di NVIDIA

I partner inoltre hanno scelto l’azienda americana di tecnologia informatica NVIDIA come fornitore della piattaforma di intelligenza artificiale su cui si baserà la rete di centraline elettroniche. Per lo sviluppo di un sistema di guida per veicoli a guida totalmente autonoma e senza guidatore, Bosch e Daimler si affidano all’esperienza in campo automotive accumulata nel corso di decenni. In cui hanno introdotto innovazioni solide e affidabili per il mercato. Le aziende condividono la stessa filosofia. “Il fattore decisivo è l’introduzione di un sistema sicuro, affidabile e maturo” ha dichiarato Michael Hafner, a capo dell’Automated Driving di Daimler AG. “La sicurezza è la priorità numero uno. Ed è il tema costante in tutti gli aspetti e le fasi di sviluppo rivolti all’avvio della produzione in serie. Nel dubbio, l’accuratezza viene sempre prima della velocità”.

L’obiettivo è la produzione di serie

“Sviluppare la guida autonoma per portarla a un livello che consenta la produzione in serie è come una gara di decathlon”. Parola di Stephan Hönle, Senior Vice Presidente della Business Unit Automated Driving di Robert Bosch GmbH. “Non basta essere bravi in uno o due settori. Occorre essere altamente competenti in tutte le discipline, come noi. Solo allora potrà essere possibile portare la guida autonoma nelle strade e nelle città in sicurezza”.

Continua la lettura di Test di guida autonoma in California per Bosch e Daimler su Eco di Biella.

]]>
Il nuovo Piaggio MP3 ha debuttato a Parigi https://ecodibiella.it/motori/il-nuovo-piaggio-mp3-debuttato-a-parigi/ Fri, 13 Jul 2018 06:34:55 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60033 Il nuovo Piaggio MP3 ha debuttato a Parigi. Parliamo del primo scooter a tre ruote al mondo. Le due nuove motorizzazioni di 350 e 500 cc sono in grado di soddisfare ogni bisogno di mobilità cittadina ed extra urbana. Piaggio MP3 500 hpe, l’ammiraglia, è disponibile in due allestimenti, Sport e Business, contraddistinti da colorazioni e dotazioni dedicate, ora più ricchi nella dotazione di […]

Continua la lettura di Il nuovo Piaggio MP3 ha debuttato a Parigi su Eco di Biella.

]]>
Il nuovo Piaggio MP3 ha debuttato a Parigi. Parliamo del primo scooter a tre ruote al mondo. Le due nuove motorizzazioni di 350 e 500 cc sono in grado di soddisfare ogni bisogno di mobilità cittadina ed extra urbana. Piaggio MP3 500 hpe, l’ammiraglia, è disponibile in due allestimenti, Sport e Business, contraddistinti da colorazioni e dotazioni dedicate, ora più ricchi nella dotazione di serie. Il comfort è migliorato su tutti i modelli grazie alla nuova sella, più comoda, al nuovo schienalino, ai nuovi maniglioni di appoggio e al nuovo cupolino, più aerodinamico e più protettivo.

Il nuovo Piaggio MP3

Le due ruote anteriori e l’esclusivo sistema di sospensioni brevettato, coniugano la sicurezza propria dell’automobile con la semplicità dello scooter. E il divertimento tipico delle motociclette nella guida in curva. Il nuovo Piaggio MP3 è in grado di accontentare un pubblico davvero globale: dall’automobilista alla ricerca di un’alternativa pratica e sempre sicura, al motociclista evoluto in grado di cogliere i vantaggi e le caratteristiche tecniche di un veicolo unico. Tutte le versioni sono dotate di sistema di frenata ABS e controllo di trazione ASR per il massimo del controllo su ogni fondo.

La versione Business

La versione Business, elegante e metropolitana, si distingue per i particolari di pregio, quali la protezione del nuovo terminale di scarico, il profilo cromato della griglia sullo scudo anteriore e le finiture in grigio opaco dei cerchi ruota e del tunnel centrale. È di serie TomTom Vio, il primo navigatore TomTom dedicato agli scooter.

La versione Sport

La versione Sport di Piaggio MP3 500 hpe si distingue per i particolari dalla finitura nera opaca. Come la protezione del terminale di scarico, i cerchi ruota, il profilo della griglia sullo scudo anteriore e le maniglie per il passeggero. La grande novità è rappresentata dalla coppia di ammortizzatori posteriori a gas Kayaba ad alte prestazioni che garantiscono più trazione, più stabilità, e miglior comfort. Sono di serie anche i dischi freno anteriori con profilo a margherita e la pedana con inserti in alluminio. Entrambe le versioni di Piaggio MP3500 sono dotato di “Ride-by-Wire” multimappa. E spinte da un monocilindrico 4 valvole, raffreddato a liquido da 44,2 CV all’albero che ha beneficiato di interventi per ottenere maggiori prestazioni, riducendo il consumo di carburante e migliorando la timbrica dello scarico.

Piaggio MP3 350

La nuova motorizzazione di 350 cc offre prestazioni nettamente superiori alla precedente versione 300. Le finiture di Piaggio MP3 350 riprendono quelle di Piaggio MP3 500 Sport e sono caratterizzate dalla presenza di numerosi particolari dalla finitura nera opaca. Sono di serie i dischi freno anteriori con profilo a margherita. Il motore della nuova versione è un modernissimo e tecnologico monocilindrico 350 a 4 tempi, 4 valvole, con iniezione elettronica e raffreddato a liquido, da oltre 30 CV, equipaggiato con frizione automatica multidisco in bagno d’olio.

E infine i prezzi

I prezzi: 8.599 Euro (Piaggio MP3 350), 10.299 Euro (Piaggio MP3 500 hpe Business) e 10.699 Euro (Piaggio MP3 500 hpe Sport). Tutti i prezzi sono franco concessionario, IVA inclusa.

Continua la lettura di Il nuovo Piaggio MP3 ha debuttato a Parigi su Eco di Biella.

]]>
I benefici del mare sull’organismo https://ecodibiella.it/salute/i-benefici-del-mare-sullorganismo/ Fri, 13 Jul 2018 06:22:29 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60030 Quali sono i benefici del mare sul nostro organismo? Il mare fa bene alla salute. Trascorrere la gran parte del proprio tempo libero in riva al mare, infatti, permette di riattivare i meccanismi di autoguarigione dell’organismo soprattutto in caso di vita sedentaria. Innumerevoli sono le proprietà sia dell’acqua di mare, sia dell’aria di mare. L’acqua […]

Continua la lettura di I benefici del mare sull’organismo su Eco di Biella.

]]>
Quali sono i benefici del mare sul nostro organismo? Il mare fa bene alla salute. Trascorrere la gran parte del proprio tempo libero in riva al mare, infatti, permette di riattivare i meccanismi di autoguarigione dell’organismo soprattutto in caso di vita sedentaria. Innumerevoli sono le proprietà sia dell’acqua di mare, sia dell’aria di mare. L’acqua marina può coadiuvare le eventuali terapie per abbassare la pressione sanguigna in modo del tutto naturale, vanta proprietà antibatteriche e disinfettanti, stimola il metabolismo, favorisce la circolazione, aiuta la respirazione. Nuotare in mare tonifica i muscoli, aiuta a contrastare i reumatismi e i dolori articolari.

I benefici del mare sono molteplici

In caso di ipotiroidismo è molto utile e in caso di ritenzione idrica aiuta nel favorire il drenaggio dei liquidi. Non finisce qui, perché l’acqua di mare ha un’azione straordinariamente benefica anche a livello della pelle: alla suddetta proprietà antibatterica, infatti, ne associa una vitalizzante e detergente. Ripulisce l’epidermide dai batteri cattivi lenendo così le infiammazioni. Molto utile l’effetto dello zolfo e del rame disciolti in acqua che sono efficaci su disturbi quali eczemi, psoriasi ed eritemi. Il bagno può essere molto efficace nel trattamento di questi particolari fastidi.

L’aria di mare è un toccasana

Passando all’aria di mare, rappresenta senza dubbio un toccasana sia per l’apparato respiratorio, sia per l’attività metabolica. Attenzione, però, perché la salinità del mare varia da luogo a luogo, quindi le diverse proprietà saranno più o meno pronunciate a seconda della località prescelta per le proprie vacanze. Il mare e l’inalazione naturale dello iodio fanno senz’altro bene, così come le passeggiate in riva al mare possono contribuire alla cura di malattie dell’apparato respiratorio. Per mantenere il miglior stato di salute possibile, sarebbe necessario inalare ogni giorno circa 150-200 grammi di iodio.

E ovviamente c’è l’acqua

L’apporto principale si ha con l’acqua. Tuttavia questo elemento è presente anche in diversi alimenti come il pesce (per esempio nei branzini, nei saraghi e nelle orate). E’ presente in buona quantità anche nei molluschi e nei crostacei. Una dieta ricca di pesce e lunghe passeggiate sul bagnasciuga sono pertanto perfette per mantenere la tiroide in buona salute. Per chiudere, significativo l’effetto del mare anche nella determinazione della forma fisica: le onde (moto ondoso), la temperatura dell’acqua, l’eventuale presenza di alghe benefiche e i diversi elementi disciolti nell’acqua aiutano l’organismo a ritrovare la forma. Se siamo a due passi dal mare è il caso di approfittarne!

Continua la lettura di I benefici del mare sull’organismo su Eco di Biella.

]]>
Scorretta esposizione al sole, ecco cosa rischiamo https://ecodibiella.it/salute/scorretta-esposizione-al-sole-ecco-cosa-rischiamo/ Fri, 13 Jul 2018 06:16:29 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60027 Scorretta esposizione al sole, può provocare diversi problemi. Si tratta sicuramente di questioni meno gravi rispetto al melanoma cutaneo (il tumore della pelle), ma che sono comunque da tenere in considerazione. Partiamo quindi dagli occhi: sì, anche gli occhi possono essere danneggiati dal sole. Gli effetti più frequenti sono la fotocheratite e la fotocongiuntivite, praticamente […]

Continua la lettura di Scorretta esposizione al sole, ecco cosa rischiamo su Eco di Biella.

]]>
Scorretta esposizione al sole, può provocare diversi problemi. Si tratta sicuramente di questioni meno gravi rispetto al melanoma cutaneo (il tumore della pelle), ma che sono comunque da tenere in considerazione. Partiamo quindi dagli occhi: sì, anche gli occhi possono essere danneggiati dal sole. Gli effetti più frequenti sono la fotocheratite e la fotocongiuntivite, praticamente una vera e propria scottatura degli occhi (in aggiunta aumentano i rischi di cataratta).

Scorretta esposizione al sole, i rischi

Oltre alle problematiche di cui abbiamo già parlato la pelle poi soffre di invecchiamento precoce, perdendo progressivamente elasticità e idratazione. Si traduce in rughe, pieghe d’espressione maggiormente visibili e solchi. É il cosiddetto foto-aging, processo biologico tanto temuto da chi ha molto a cuore il proprio benessere estetico. Inoltre non bisogna scordarsi delle scottature, note anche come eritemi solari: si tratta di lesioni cutanee che si verificano inizialmente come rossori ma che in casi più gravi possono generare dolorose vesciche e portare addirittura a soffrire di nausea e vertigini.

Il sole non fa male ma…

Abbiamo quindi analizzato problemi a breve termine e altri più a lungo termine: in definitiva si può affermare che il sole non fa male alla nostra salute, ma una esposizione sbagliata sì. Protezione e prevenzione devono quindi essere le parole chiave per l’estate: perché l’abbronzatura selvaggia non ha un vero senso logico. Meglio avere pazienza e «colorare» la propria pelle con un’esposizione adeguata, piuttosto che rischiare di danneggiarla.

Continua la lettura di Scorretta esposizione al sole, ecco cosa rischiamo su Eco di Biella.

]]>
Sicurezza in casa d’estate, consigli per gli anziani https://ecodibiella.it/casa/sicurezza-in-casa-estate-anziani/ Fri, 13 Jul 2018 06:09:22 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60024 Sicurezza in casa d’estate, un problema sempre più pressante, specialmente per gli anziani durante il periodo estivo e delle vacanze. Non solo perché corrono innumerevoli rischi di incidente ogni volta che si impegnano nell’esecuzione di vari lavori, ma anche perché, spesso e volentieri, finiscono nel mirino di malviventi e truffatori. Le cronache sono infarcite di […]

Continua la lettura di Sicurezza in casa d’estate, consigli per gli anziani su Eco di Biella.

]]>
Sicurezza in casa d’estate, un problema sempre più pressante, specialmente per gli anziani durante il periodo estivo e delle vacanze. Non solo perché corrono innumerevoli rischi di incidente ogni volta che si impegnano nell’esecuzione di vari lavori, ma anche perché, spesso e volentieri, finiscono nel mirino di malviventi e truffatori. Le cronache sono infarcite di truffe agli anziani: come difendersi? È importante, saper riconoscere le situazioni più a rischio, conoscere gli elementi che possono far pensare che sia in atto un tentativo di truffa e, di conseguenza, i comportamenti da assumere per prevenire gli atti dei delinquenti e per mantenere alta la sicurezza in casa d’estate.

Questione di sicurezza in casa d’estate

Tra le truffe in casa d’estate, non si annoverano solo quelle portate a termine da falsi tecnici di acqua, luce e gas. Ma anche quelle di chi si spaccia per funzionario INPS o dell’Agenzia delle Entrate, con il pretesto di dover controllare la posizione pensionistica o contributiva. Ecco poi i falsi assistenti sociali, che adducono il pretesto di dover valutare le condizioni di salute o di vita dell’utente. A questi si aggiungono i falsi funzionari del Catasto che invece si presentano a casa del malcapitato dicendo di dover misurare l’appartamento. Solitamente i malviventi agiscono in coppia. Quando entrano in azione insieme, mentre uno con un pretesto distrae l’anziano, l’altro cerca di rubare soldi o valori.

Come si comportano in coppia

Quando invece agiscono singolarmente, il primo entra nella casa della vittima con un pretesto cercando di portare via un oggetto qualsiasi; in un secondo momento il complice, spacciandosi per un agente di polizia, si presenta presso l’abitazione chiedendo alla persona anziana se riconosce l’oggetto e invita a controllare se manca altro. In questo modo, è la stessa persona che mostra al malintenzionato il posto dove conserva soldi o preziosi. Solitamente questo secondo genere di azioni sono più dannose delle prime, perché culminano nel furto di beni di grande valore, non solo materiale, ma anche affettivo.

Come correre ai ripari

In primo luogo va detto che non è affatto obbligatorio far entrare in casa Operatori o Funzionari di enti pubblici o privati o di associazioni, senza aver verificato prima la loro reale identità. Ciò è possibile telefonando direttamente all’Ente o Associazione a cui dicono di appartenere o chiedendo l’aiuto delle forze di polizia, di parenti, amici o vicini. Il più delle volte può essere, infatti, sufficiente la comunicazione, a chi vuole entrare in casa, di voler verificare la sua identità o di voler chiamare un vicino o un parente, per farlo allontanare, se si tratta di malintenzionati. É bene, inoltre, ricordare che, prima di procedere a controlli presso le abitazioni, gli Enti affiggono degli avvisi nel palazzo o contattano direttamente e in anticipo le persone per fissare un appuntamento.

Le verifiche necessarie

Tutte queste verifiche occorre farle immediatamente. Perché, una volta che la persona si è introdotta nell’abitazione, è difficile e non consigliabile effettuare telefonate o chiedere aiuto. In quanto i truffatori potrebbero reagire in maniera imprevedibile. Se i truffatori si trovano già in casa, è importante osservarli bene di modo da rilevare eventuali particolari. Da riportare successivamente nella denuncia, che possono essere utili alla loro identificazione. E, qualora si allontanino con un mezzo di trasporto, cercare di rilevare il modello, la targa, e la direzione percorsa. In ogni caso è bene chiamare subito le forze dell’ordine per la denuncia, senza toccare nulla, anche al fine di consentire di rilevare eventuali impronte.

Continua la lettura di Sicurezza in casa d’estate, consigli per gli anziani su Eco di Biella.

]]>
Incidente in superstrada: auto nella scarpata https://ecodibiella.it/cronaca/incidente-in-superstrada-auto-nella-scarpata/ https://ecodibiella.it/cronaca/incidente-in-superstrada-auto-nella-scarpata/#respond Thu, 12 Jul 2018 16:43:19 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60020 Incidente in superstrada: auto nella scarpata. Feriti soccorsi Non dovrebbero essere gravi le condizioni del conducente e del passeggero dell’auto che oggi alle 17 e 10 sono rimasti coinvolti in un incidente stradale avvenuto lungo la superstrada in direzione di Cossato, nei pressi dell’uscita di Cerreto Castello. Per cause ancora al vaglio dei carabinieri, il […]

Continua la lettura di Incidente in superstrada: auto nella scarpata su Eco di Biella.

]]>
Incidente in superstrada: auto nella scarpata.

Feriti soccorsi

Non dovrebbero essere gravi le condizioni del conducente e del passeggero dell’auto che oggi alle 17 e 10 sono rimasti coinvolti in un incidente stradale avvenuto lungo la superstrada in direzione di Cossato, nei pressi dell’uscita di Cerreto Castello. Per cause ancora al vaglio dei carabinieri, il conducente della vettura ha perso il controllo ed è uscito di strada.

Arrivati anche i Vigili del fuoco

L’urto è stato violento, ma per fortuna le due persone a bordo, paura a parte, non dovrebbero aver riportato ferite gravi. Per precauzione sono state comunque soccorse da un’ambulanza del “118”. Sono stati fatti intervenire anche i Vigili del fuoco nel caso qualcuno fosse rimasto bloccato nell’abitacolo e per partecipare alle operazioni di recupero della vettura.

Continua la lettura di Incidente in superstrada: auto nella scarpata su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/incidente-in-superstrada-auto-nella-scarpata/feed/ 0
Cade da sei metri mentre lavora: grave un operaio https://ecodibiella.it/cronaca/cade-da-sei-metri-mentre-lavora-grave-un-operaio/ https://ecodibiella.it/cronaca/cade-da-sei-metri-mentre-lavora-grave-un-operaio/#respond Thu, 12 Jul 2018 16:34:06 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60009 Cade da sei metri mentre lavora: grave un operaio. Grave incidente sul lavoro ieri sera alle 18 e 30 in frazione Polto a Trivero. In ospedale a Novara Un operaio di origine rumena di Serravalle Sesia, S.I., 58 anni, è caduto da un’altezza di circa sei metri mentre stava lavorando e ha riportato fratture alle […]

Continua la lettura di Cade da sei metri mentre lavora: grave un operaio su Eco di Biella.

]]>

Cade da sei metri mentre lavora: grave un operaio. Grave incidente sul lavoro ieri sera alle 18 e 30 in frazione Polto a Trivero.

In ospedale a Novara

Un operaio di origine rumena di Serravalle Sesia, S.I., 58 anni, è caduto da un’altezza di circa sei metri mentre stava lavorando e ha riportato fratture alle Gambe, alle vertebre e al bacino. Portato in elicottero all’ospedale Maggiore della Carità di Novara, è stato ricoverato nel reparto di rianimazione. Le sue condizioni sono gravi, ma non dovrebbe essere in pericolo di vita.

Indaga lo Spresal

Le indagini sono ora affidate agli ispettori dello Spresal, il servizio dell’Asl che si occupa di prevenzione e infortuni sul lavoro. L’operazio è dipendente dell’impresa Zaninetti di Prato Sesia. La ditta stava asfaltando una vasta area nella proprietà del Lanificio Egidio Ferla. Conclusa la stesura dell’asfalto, la rimanenza sarebbe stata portata in uno sterrato a poca distanza dallo stabilimento. Ma durante le operazioni di scarico, l’operaio è caduto di sotto, in un prato, riportanto gravi lesioni.

Si cercano le cause

Non è chiaro se sia stato urtato involontariamente dal camion di proprietà di un’altra impresa oppure lo stesso operaio, per evitare il camion alle prese con una manovra di retromarcia, abbia messo male un piede, perso l’equilibrio e sia precipitato di sotto. Sono intervenuti per gli accertamenti di loro competenza anche i carabinieri.

Continua la lettura di Cade da sei metri mentre lavora: grave un operaio su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/cronaca/cade-da-sei-metri-mentre-lavora-grave-un-operaio/feed/ 0
Tessile, Milano Unica chiude in “pareggio” https://ecodibiella.it/economia/tessile-milano-unica-chiude-in-pareggio/ https://ecodibiella.it/economia/tessile-milano-unica-chiude-in-pareggio/#respond Thu, 12 Jul 2018 16:27:30 +0000 https://ecodibiella.it/?p=60010 Milano Unica, Salone Italiano del Tessile e Accessori, ha chiuso la 27esima edizione oggi registrando la presenza di circa 6.000 aziende che hanno preso visione delle collezioni dell’alto di gamma tessile per la stagione Autunno/Inverno 2019/2020. Un risultato in linea con quello dell’edizione di Luglio 2017, nonostante la diminuzione delle presenze italiane, ma di peso […]

Continua la lettura di Tessile, Milano Unica chiude in “pareggio” su Eco di Biella.

]]>
Milano Unica, Salone Italiano del Tessile e Accessori, ha chiuso la 27esima edizione oggi registrando la presenza di circa 6.000 aziende che hanno preso visione delle collezioni dell’alto di gamma tessile per la stagione Autunno/Inverno 2019/2020. Un risultato in linea con quello dell’edizione di Luglio 2017, nonostante la diminuzione delle presenze italiane, ma di peso specifico commerciale più interessante confermato dalla generale soddisfazione degli espositori.
Da sottolineare la crescita delle presenze internazionali provenienti, soprattutto, da: Paesi Bassi (20%), Stati Uniti (+9%), Giappone (+6%), Cina (+5%), Francia (+3%), Germania (+3%), mentre registrano un lieve calo le presenze di aziende italiane.

Botto Poala: definitiva la scelta di anticipare a luglio

“Il leggero calo di presenze italiane che abbiamo registrato è sicuramente dovuto ai criteri di invito più stringenti che abbiamo adottato, a tutela della qualità dei nostri interlocutori. La soddisfacente partecipazione di buyer internazionali, assieme alla crescita degli espositori, ha definitivamente consolidato la scelta dell’anticipo a luglio – ha commentato il Presidente di Milano Unica, Ercole Botto Poala -. Mi preme, innanzi tutto, sottolineare il compiacimento degli espositori di tessuti e accessori per la donna che, nelle ultime edizioni, hanno concorso a definire un riequilibrio dell’offerta della nostra fiera”.

Il presidente di Milano Unica: “Sostenibilità sfida del presente”

“Oltre al successo del momento commerciale – ha aggiunto Ercole Botto Poala -, abbiamo saputo caratterizzarci anche per l’innovazione delle proposte legate alla visione del nostro futuro, a partire dal tema della sostenibilità. Una sfida che, come ho ricordato in occasione della tavola rotonda di apertura, riguarda non solo il tempo a venire del pianeta, ma anche le possibilità di crescita della nostra industria.
Abbiamo, come è stato detto, un vantaggio competitivo temporale significativo sui nostri competitor, determinato dal fatto che siamo gli unici ad avere ancora l’intera filiera, che, a differenza di altri, ci consente non solo di parlare di qualità e sostenibilità nei convegni, ma di concretizzarla in tutti i segmenti della catena industriale. Un vantaggio, però, che possiamo e dobbiamo ulteriormente rafforzare, investendo
e facendo meglio sistema, come peraltro ci indica il percorso avviato da Camera Nazionale della Moda Italiana e Sistema Moda Italia”.

Continua la lettura di Tessile, Milano Unica chiude in “pareggio” su Eco di Biella.

]]>
https://ecodibiella.it/economia/tessile-milano-unica-chiude-in-pareggio/feed/ 0