Tessile, inaugurata stamane a Rho Fiera la 27esima edizione di Milano Unica, la seconda anticipata a luglio a dettare la scaletta del settore,  che si  conferma  per l’importante affluenza di visitatori e una  crescita del 4% delle aziende passando da 456 a 475: una quarantina quelle piemontesi.  La cerimonia inaugurale della fiera all’insegna delle nuove collezioni di tessuti e accessori per la stagione A/I 2019-2020 si è svolta davanti a un’ampia platea di espositori e imprese. I relatori Ercole Botto Poala, Andrea Crespi, Carlo Capasa e Marino Vago, moderati dalla giornalista Maria Silvia Sacchi, hanno lanciato chiari messaggi sui nuovi traguardi in ambito sostenibile per l’intero settore.  Grande affluenza di buyer, designer e giornalisti internazionali anche nell’Area Tendenze, così come nella Sezione Sostenibilità, dove 123 aziende hanno presentato oltre 750 campioni di tessuti e accessori. E, in serata, la festa dedicata al Piemonte e al quarantennale di Ideabiella con l’intervento del primo presidente Nino Cerruti

Tessile, numeri in crescita anche nel 2018

Il tessile italiano è tornato a mostrare numeri in crescita, a conferma del buon momento  della manifattura a monte della filiera. Nel primo trimestre dell’anno, l’indice di produzione relativo alla tessitura è aumentato del 3,2%: cresce il laniero, aumenta la maglieria, mentre la camiceria sconta una tendenza moda non favorevole a questo tipo di prodotto. Non mancano però le nubi all’orizzonte, dovute principalmente ai rincari dei prezzi delle materie prime, che portano a guardare al 2018 con cautela.

Tessile, sostenibilità al centro di Milano Unica

All’interno della manifestazione, e in particolare nell’Area Tendenze, è presente una sezione dedicata alla sostenibilità che mappa lo stato dell’arte dell’industria tessile italiana. Quest’anno le aziende che hanno aderito sono quasi il triplo rispetto all’appuntamento dello scorso febbraio, in crescita da 50 a 123. Ognuna di loro ha presentato campioni di prodotto catalogati secondo 9 categorie che identificano le principali innovazioni per la sostenibilità. Obiettivo del prodotto è quello di aprire un confronto per mettere a fuoco cosa vuol dire essere sostenibili. “Il tema della sostenibilità è strategico anche per il nostro comparto industriale”, ha commentato il presidente di Milano Unica, Ercole Botto Poala, in occasione della cerimonia di inaugurazione alla quale hanno partecipato anche Andrea Crespi, presidente Comitato Sostenibilità di Sistema Moda Italia, Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana e Marino Vago, presidente di Sistema Moda Italia. “Non credo, infatti che stiamo seguendo una moda. Piuttosto – ha aggiunto Botto Poala – ci stiamo attrezzando per meglio competere sul mercato globale a fronte di nuove domande che emergono e si consolidano nelle scelte dei consumatori. L’Italia ha inevitabilmente uno svantaggio a livello di costi ma è dovuto anche al fatto che ci siamo attrezzati per ridurre a livello ecologico l’impatto delle produzioni”.

Leggi anche:  Litosud tra i finalisti del “Best Performance Award 2018”

Appello al governo, “grande assente”

Il tessile ha necessità dei sostegni in linea con i programmi del vecchio governo. Lo hanno sostenuto sia Botto Poala che Vago. “Oggi – ha concluso Botto Poala – il grande assente è la politica. Mi auguro che la prossima volta sia presente perché sono convinto che il percorso intrapreso fino ad oggi ha consentito di portare a casa importanti risultati e l’incremento degli espositori di Milano Unica ne è una prova”. La fiera continua con i lavori nelle giornate di mercoledì 11 e giovedì 12 luglio con le Aree Speciali, le iniziative e gli eventi in programma.

Roberto Azzoni

previous

BENVENUTI A MILANO UNICA