Banca Sella ha chiuso i primi nove mesi con una crescita del +28,9%.

Banca Sella ha visto aumentare anche raccolta e impieghi

Il CdA di Banca Sella ha approvato i risultati al 30 settembre 2019 che si sono chiusi con un utile netto di 29,2 milioni di euro, in crescita del 28,9% rispetto ai 22,6 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente. Positivo anche l’andamento della raccolta globale al valore di mercato, pari a 27,6 miliardi di euro(+8,3%). La componente della raccolta diretta si è attestata a 11 miliardi di euro (+10,1%). Quanto al credito a famiglie e imprese, gli impieghi sono saliti del 2,9% a 7,2 miliardi di euro. Banca Sella ha anche confermato la sua solida posizione patrimoniale, con un Cet1 del 14,92% e un Total Capital Ratio del 18,90%.

Per il Gruppo utile netto stabile

Il risultato di Banca Sella si inserisce nell’andamento complessivamente positivo del Gruppo Sella, che al 30 settembre 2019 ha registrato un utile netto di 26,4 milioni di euro, sostanzialmente stabile rispetto ai 26,7 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente. Il Gruppo ha continuato a investire e crescere in particolare nel fintech e nell’open banking. La “startup interna” Hype, che opera nel mercato delle challenger banks, ha superato i 900 mila clienti. Senza considerare gli investimenti sostenuti per questo progetto l’utile netto consolidato dei primi nove mesi dell’anno sarebbe stato di 35,8 milioni di euro.

Leggi anche:  La classe con Liliana Segre nel cuore

Conclusa l’acquisizione di un immobile a Torino

È stata inoltre conclusa l’acquisizione di un immobile in Corso Galileo Ferraris a Torino, in cui nascerà un nuovo polo del Gruppo nel capoluogo piemontese che ospiterà una succursale di Banca Sella, uffici del private banking e di altre società del Gruppo e spazi dedicati ai servizi di innovazione e fintech. I risultati consolidati dei primi nove mesi del 2019 hanno evidenziato una crescita dell’8,6% della raccolta globale al valore di mercato, che si è attestata a 38,8 miliardi di euro, mentre la componente di raccolta diretta è cresciuta del 10,7% attestandosi a 12,8 miliardi di euro rispetto alla fine del 2018.

G. O.