Torna per il terzo anno di fila alla Scuola primaria di Gattinara il Progetto “Al Dialet an ti scoli” ideato dall’assessore alle politiche giovanili e alle tradizioni locali, Elisa Roggia, che ha ottenuto nelle scorse edizioni un significativo successo tra bambini e adulti.

14 classi

All’edizione 2019, che prenderà il via lunedì 4 febbraio, hanno aderito 14 classi delle scuole elementari. Anche quest’anno il corso si concluderà con uno spettacolo dialettale realizzato direttamente dai bambini presso l’Auditorium Lux di Gattinara. Questo importante progetto educativo non ha ottenuto solo l’apprezzamento degli alunni, ma anche di moltissimi gattinaresi, infatti, per l’edizione 2019, ai “docenti” già presenti negli scorsi anni si sono aggiunti nuovi gattinaresi d.o.c.g. Il corso prende spunto dal libro “DIALET E KUSTÜMMI AD GATINERA” di Arturo Gibellino, che è stato l’input dell’intero progetto.

Gioco e racconti

Oltre ad insegnare i fondamenti del dialetto e delle tradizioni gattinaresi, il Corso ha lo scopo di incuriosire e fornire stimoli agli alunni, anche attraverso il gioco, con aneddoti, frasi dialettali e racconti popolari, in poche parole: con la vera anima della gattinaresità. «Questo progetto – spiega Elisa Roggia Assessore e animatrice del progetto stesso – si
pone l’obiettivo di valorizzare il dialetto gattinarese e il patrimonio culturale locale, dando spazio a modi di dire e indovinelli, ma anche alla conoscenza degli strumenti rurali più tradizionali. Attraverso il dialetto guidiamo gli alunni alla scoperta del nostro passato, valorizzandolo e promuovendolo».

Leggi anche:  Furto nei magazzini dell'Iti a Città Studi, rubati tre busti Mussolini

“Piccolo mondo antico”

«Questo progetto, – commenta il sindaco Daniele Baglione – ha permesso di creare un ponte ideale con il nostro patrimonio culturale tradizionale, che i bambini, nelle passate edizioni, hanno attraversato con curiosità ed entusiasmo. Un ponte che ha avvicinato i nostri bambini a quello straordinario “piccolo mondo antico” che ognuno di noi porta in dote nel proprio dna. Ci sono espressioni, sentimenti ed emozioni intraducibili nella lingua italiana che meritano e devono essere trasmesse ai nostri ragazzi. Un plauso e un sentito ringraziamento a quanti hanno concorso alla realizzazione di questo progetto: in particolare Manuela Bertolino e Luca Caligaris, Roberto Moscotto e Mario Mostini che hanno già condiviso l’esperienza entusiasmante delle scorse edizioni e alle new entry Ines Patriarca, Ornella Zeno, Giacomo Caron Mazzola e Franco Bagatin».