Gruppo F.lli Cerruti apre il capitale a un fondo inglese

Njord Partners acquisisce l’80% di Gruppo F.lli Cerruti

Il Gruppo “Lanificio F.lli Cerruti dal 1881” (comprensivo dell’azienda di Biella, della catena di outlet e della Asian Pacific Inc. di Hong Kong) apre il proprio capitale al fondo inglese Njord Partners e consolida la nuova struttura del gruppo. Njord Partners acquisisce pertanto l’80% delle quote del Gruppo, mentre il restante 20% resta nelle mani della storica famiglia di imprenditori biellesi. L’operazione ha un complessivo valore di 20 milioni. Con essa,  si chiariscono definitivamente i contorni di una vicenda che, per un anno, ha visto inseguirsi voci sul passaggio di mano dell’azienda.

Un fondo inglese per il rilancio

«C’era l’esigenza di dare forza nuova al Gruppo, salvaguardandone i due Dna costitutivi che sono la qualità e l’innovazione -spiega l’imprenditore e stilista Nino Cerruti -. Il tutto, su un contesto globale dove le trasformazioni avvengono a ritmo accelerato: qualcosa che, ormai, non può più essere realizzato solo con le forze di una sola famiglia. Per questo si è arrivati a chiudere l’operazione con il Fondo Njord Partners». Njord Partners, con sede a Londra, si presenta come un partner di capitale a lungo termine per le aziende europee operative nel mid market.

Leggi anche:  Litosud tra i finalisti del “Best Performance Award 2018”

La produzione resta nel Biellese

Proprio l’imprenditore-stilista Nino Cerruti ha riunito ieri dipendenti e maestranze del lanificio. Ad essi ha annunciato l’ingresso di un nuovo soggetto nel capitale sociale del Gruppo. Il Gruppo F.lli Cerruti sviluppa un complessivo fatturato di 70 milioni di euro. L’imprenditore ha contestualmente assicurato i dipendenti circa il fatto che la produzione resterà integralmente nel Biellese, che vi sarà continuità di linea aziendale e che non vi saranno ristrutturazioni. «Ora, finalmente – commenta Nino Cerruti -, ci sono le forze e le condizioni per dare a “F.lli Cerruti” quella dimensione, sul nuovo contesto globale, che essa merita di avere»

GIOVANNI ORSO

RIPRODUZIONE RISERVATA ©