Non è bastata l’enorme tubatura del “troppo pieno” a tenere l’acqua nella diga delle Mischie sotto il livello di guardia. Addirittura, a causa della pioggia battente e continua che da giorni sta imperversando in Alta Val Sessera, l’acqua del lago è ad un certo punto tracimata dall’alto muraglione.

Tracima l’acqua alla diga delle Mischie

Era già avvenuto in passato, non dovrebbero esserci problemi. Ma la tensione resta comunque altissima. Il Sessera e la Dolca, che alimentano il lago delle Mischie, hanno continuato a gonfiarsi tutta la notte di martedì riempiendo fino all’orlo l’invaso che ad un certo punto ha tracimato. Per fortuna non si registrano danni né alle strutture né alle paratie. Il livello del Sessera è di certo cresciuto parecchio così come quello del Sesia più a valle dove i due corsi d’acqua si incrociano.

Situazione monitorata

Le altre dighe. Sotto controllo sono anche le altre dighe, da Masserano a Camandona, dove il livello ha superato i limiti massimi e sta anche in questo caso tenendo un po’ in apprensione chi abita a valle degli invasi anche se gli esperti sostengono che il pericolo sia pari allo zero.
Per fortuna la tregua di ieri ha fatto tornare quasi alla normalità. Per i torrenti in piena c’era timore di qualche esondazioni. Sotto controllo l’altro giorno è stato tenuto il ponte che si trova in frazione Valle di Pralungo. Così come altri ponti lungo il Cervo e l’Elvo.

Le strade chiuse

Strade chiuse. E’ rimasta chiusa un tratto della Mongrando-Settimo Vittone, poco prima del bivio per Donato, a causa di una frana che ha invaso la carreggiata. Chiusa è stata anche la Strada provinciale 9 tra Mosso e Trivero nonché la Rosazza-Oropa sempre a causa di una frana. Un senso unico alternato è stato disposto lungo la strada provinciaole 200 nella Valle di Mosso, all’altezza di Borgata Crolle. E senso unico alternato è stato disposto anche sulla Ponderano-Zimone, nel comune di Cerrione.

Leggi anche:  Forno degli orrori, dieci indagati

Le previsioni, pioggia di nuovo in arrivo

La pioggia non dà tregua e le piene straordinarie di queste ore dei torrenti Cervo ed Elvo preoccupano poiché le ultime previsioni danno un miglioramento del tempo solo temporaneo. Una vasta area depressionaria interessa l’Europa Occidentale convogliando correnti umide da Sud con intense precipitazioni sul territorio biellese: Nel corso della notte di martedì il temporaneo allontanamento della struttura ha determinato una generale attuazione delle precipitazioni che comunque continueranno con valori moderati. Le previsioni non sono però incoraggianti. Sia per oggi sia per domani sono previste piogge a iniziare da Cuneese, Torinese e Valle d’Aosta; tendenza a piogge a tratti nel pomeriggio, deboli o moderate, localmente più intense su Appennino e nord Piemonte in esaurimento in serata. Quota neve sui 2100-2200 metri. prevalenza nuvoloso, salvo qualche schiarita sul Cuneese, Astigiano e basso Torinese al mattino. Sabato p piogge a tratti su Alessandrino, alto Monferrato, Novarese, Verbano e Biellese, nel pomeriggio qualche piovasco in transito anche tra Lanzo, Canavese, Valle d’Aosta. Quota neve sui 2400 metri.