Scarcerato Ravetti, tredici gli indagati.

Forse ha collaborato anche se nessuno per ora lo conferma. Forse ha deciso come si suol dire di vuotare il sacco e di raccontare ogni cosa. Fatto sta che è tornato in libertà dopo quasi due mesi in carcere, Alessandro Ravetti, 40 anni, amministratore delegato della Socrebi, la società che gestisce il tempio crematorio di Biella. Ravetti era stato arrestato il 26 ottobre scorso nell’ambito dell’indagine su quella che il procuratore Teresa Angela Camelio aveva definito una «lugubre catena di montaggio della morte».

Tutti i dettagli su Eco di Biella in edicola domani