Ora c’è la conferma ufficiale, come aveva anticipato Eco di Biella in edicola questa mattina. È del biellese Mario Ruffino il corpo trovato esanime nel pomeriggio di ieri nelle acque del fiume Sesia, a Vercelli, nel tratto compreso tra il ponte della ferrovia e il ponte della statale, a 200 metri da quest’ultimo. A recuperare il corpo sono stati i Vigili del fuoco di Vercelli, che da giovedì scorso setacciano i corsi d’acqua tra il biellese e il vercellese dopo il rinvenimento di abiti e documenti del cossatese Mario Ruffino, 85 anni,  sulle sponde del Torrente Cervo, all’altezza dello sbarramento di Castelletto Cervo.

Ufficialità dai carabinieri

La conferma dai carabinieri dopo che i familiari hanno riconosciuto il corpo. Il cadavere rinvenuto ieri era privo di vestiti e molto segnato nel corpo dagli urti con le pietre.