Richiedente asilo molesta donna, poi si scaglia contro i poliziotti, arrestato.

Richiedente asilo molesta donna

Richiedente asilo molesta donna: è successo sabato mattina in piazza Vittorio Veneto. L’uomo, un richiedente asilo di 26 anni originario del Ghana, si trovava in piazza Vittorio Veneto a Biella, quando ha iniziato a molestare una donna di 40 anni di origine rumena ma residente nel basso Biellese.

Le molestie

L’uomo cercava di convincerla a seguirlo: “Dai vieni con me, vieni via con me…” le diceva. La donna era spaventata dal comportamento molesto di quell’uomo e cercava di ignorarlo.

L’intervento di un autista di bus

Il primo a soccorrere la donna è stato un autista di bus. L’autista ha visto la scena ed è intervenuto per cercare di liberare la donna dalle fastidiose avances di quel richiedente asilo. Ha provato a dirgli di allontanarsi, ma lui sembrava non volerla smettere.

La Polizia

Il caso ha voluto che, proprio in quegli istanti, passassero in piazza Vittorio Veneto due pattuglie della squadra Mobile della Questura, che erano di rientro da un’indagine. Gli agenti hanno notato il baccano provocato dal richiedente asilo e si sono fermati a vedere cosa stesse succedendo.

Leggi anche:  Delitto Preti, uno psichiatra in più per l'indagato

Identificato: era ubriaco

Il profugo è stato identificato. Era ubriaco. Addosso gli è stato trovato un coltello.

L’uomo non si è calmato nemmeno all’arrivo degli agenti: forse proprio a causa dello stato di ebbrezza in cui versava è caduto addosso alla dona, travolgendola con il proprio corpo. Mentre i poliziotti cercavano di bloccarlo, l’uomo ha iniziato a dimenarsi. In aiuto dei poliziotti della squadra Mobile sono intanto arrivati i colleghi di una “Volante”. Sono sei in tutto i poliziotti che si sono dati da fare per riuscire a bloccare definitivamente l’uomo, che era completamente fuori di sé.

Il richiedente asilo è poi stato arrestato.

Le accuse

Lo straniero dovrà rispondere delle accuse di resistenza a pubblico ufficiale (reato per il quale è stato arrestato), di molestie e di porto abusivo di un coltello (per le quali è invece stato denunciato). Per oggi, in tribunale, è prevista l’udienza di convalida dell’arresto.

Sh.C.