Pannelli fotovoltaici: le cause degli incendi con i Vigili del fuoco. Si è svolta lunedì e martedì al Comando dei Vigili del Fuoco, la prima edizione del corso di formazione, dedicato al personale operativo, sul tema “cause di incendio dei pannelli fotovoltaici e rischio elettrico” in caso di interventi con presenza di impianti alimentati dal sole.

Informazione sulla problematica

Sono stati due giorni di studio, informazione e formazione su una problematica ormai sempre più di attualità per la presenza di impianti installati sul territorio italiano. Il corso regionale è stato pensato e dedicato ad operatori dei Vigili del fuoco in collaborazione con il personale N.I.A.(Nucleo Investigativo Antincendi) e ha visto la partecipazione dei Vigili del Fuoco provenienti dalle province della Regione.

Le possibili cause

L’attività didattica e pratica ha permesso di individuare le problematiche, le cause e le modalità di intervento in incendi di pannelli fotovoltaici nei casi pratici analizzati. La potenza installata sul territoririo nazionale è di circa 20 gW ed è riferita alla presenza di 650.000 nuovi impianti a fronte di un migliaio di incendi all’anno che coinvolgono costruzioni civili ed industriali le cui installazioni (fonte GSE) sono del 50% su edifici, il 40 % a terra e il restante 10% su pensiline, serre e barriere autostradali.

Leggi anche:  Viverone, nuotatore colpito da malore durante la traversata

Sorpresa dopo gli esperimenti

Recentemente esperimenti condotti presso i laboratori del Centro Studi Esperienze dei Vigili del Fuoco hanno dimostrato che un arco elettrico in tensione continua, a voltaggio normalmente in uso negli impianti fotovoltaici, che può restare acceso per moltissimo tempo, nell’ordine addirittura di minuti, è tranquillamente in grado di forare una lamiera zincata come quella normalmente utilizzata per l’appoggio dei pannelli su un tetto e può costituire innesco per i materiali sottostanti. Infatti un pannello fotovoltaico produce energia elettrica fintanto che è colpito da luce solare, quindi non potendolo disattivare, l’impianto resta in tensione e continua a produrre energia elettrica.