Ossa in discarica, ancora un processo. Si è in attesa della fissazione dell’udienza con rito abbreviato per i due principali imputati, Alessandro e Marco Ravetti.

Ossa in discarica

Tutto tace intorno all’ultima fase processuale della clamorosa inchiesta sul forno crematorio di Biella a un anno esatto da quel blitz dei carabinieri (era il 27 ottobre dell’anno scorso), dopo un mese di appostamenti, di filmati e di recuperi notte dopo notte di cenere funeraria gettata nell’immondizia.

Processo

Dopo che si è chiusa la prima parte del processo per lo scandalo che ha sconvolto tutti, si è in attesa della fissazione dell’udienza con rito abbreviato per i due principali imputati, Alessandro e Marco Ravetti, dopo che il procuratore capo, Teresa Angela Camelio, aveva respinto la richiesta di patteggiamento a tre anni e sei mesi. L’udienza è attesa prima della fine dell’anno.

Leggi l’articolo completo su Eco di Biella in edicola oggi, giovedì 31 ottobre 2019

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE