Madre e figlio rischiano di essere travolti da un’auto.

Sulle strisce pedonali

Sfiorata la tragedia ieri mattina a Mongrando. Una madre che stava attraversando le strisce pedonali tenendo per mano il figlio di 4 anni, ha rischiato di essere travolta da un’auto. Il conducente ha poi spiegato ai carabinieri (che lo hanno comunque sanzionato per violazione del Codice della strada), di non essersi reso conto della presenza di madre e figlio che stavano attraversando.

Riflessi pronti

Per fortuna i riflessi della donna sono stati prontissimi: ha infatti tirato indietro il figlio e se stessa appena in tempo prima che vi fosse l’impatto con l’auto. Nessuno è pertanto rimasto ferito. Per i rilievi e per elevare il verbale nei confronti dell’automobilista, sono arrivati i carabinieri di Mongrando.

Ecco la sanzione amministrativa

La multa per mancata precedenza ai pedoni è la seguente:

  • € 167 – 666 + 8 punti se è sulle strisce
  • da € 167 a € 666 + 4 punti se non è sulle strisce
  • € 167 – 666 + 8 punti nel caso di invalidi
Leggi anche:  L'esordio, la vittoria e il pensiero commovente di Giacomo Volpe alla mamma morta il mese scorso

Sanzione analoga è prevista per guida inidonea quando si transita in zone in cui è prevedibile incrociare bambini o anziani (scuole, parchi, case di risposo, eccetera).

Precedenza ai pedoni

Il Codice della strada stabilisce che agli attraversamenti il pedone ha sempre la precedenza. Dobbiamo lasciarlo passare quando sta già raggiungendo l’altro lato della strada, ma anche quando si accinge a farlo. Fuori dalle strisce ha la precedenza solo se sta già attraversando.

Ciò non esclude l’obbligo da parte del pedone di usare prudenza. Il fatto che ci siano le strisce non lo autorizza ad attraversare in maniera improvvisa senza nemmeno guardare la situazione all’interno della carreggiata.

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SUL SITO DI ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA