Hotel, B&B e affittacamere non segnalavano i pernottamenti, scoperti.

Non segnalavano i pernottamenti

Nell’ambito dei periodici controlli espressamente voluti dal questore di Biella, la squadra amministrativa della divisione polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione ha effettuato una serie di controlli, in ambito cittadino e provinciale, alle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere al fine di verificare i corretti adempimenti previsti dall’articolo 109 del testo unico ovvero la comunicazione obbligatoria alla Questura competente per territorio, attraverso il portale informatico denominato “alloggiatiweb.poliziadistato.it”, delle generalità delle persone alloggiate, da parte degli albergatori/esercenti le strutture ricettive, entro le 24 ore successive all’arrivo.

Intervento

Gli operatori della Polizia di Stato, dopo aver effettuato capillari riscontri, sono successivamente intervenuti nelle strutture che non risultavano registrate al predetto portale, verificando l’identità delle persone che vi avevano preso alloggio e constatando che le stesse non risultavano affatto segnalate all’autorità di pubblica sicurezza.

Segnalazione

In particolare, è stato segnalato all’autorità giudiziaria il gestore di un alloggio ammobiliato con tipologia di locazione cosiddetta “breve”, opzione molto in voga ultimamente, per la violazione del predetto articolo del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Leggi anche:  Il Biellese piange Alessandro Triffiletti

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE