Espulsi dal Biellese padre e figlio sospetti.

Grazie ai controlli

Continua il lavoro di prevenzione lungo le principali arterie che conducono in città da parte delle volanti della polizia come peraltro voluto dal questore, Nicola Alfredo Parisi. Ieri pomeriggio, in stretta collaborazione tra l’Ufficio prevenzione generale e l’Ufficio immigrazione della Questura, è stata fermata un’auto con targa polacca lungo la strada provinciale “400 a” in territorio di Ponderano.

Due sospetti

A bordo c’erano due soggetti, padre e figlio, di 46 e 28 anni, per l’anagrafe senza fissa dimora, di nazionalità rumena. Entrambi hanno alle spalle numerosi precedenti, dai furti alla vendita illegale di coltelli. Risultava inoltre attivo un provvedimento di foglio di via obbligatorio in corso da parte della Questura di Sondrio. I due, infine, si trovavano sul territorio nazionale almeno da gennaio (per gli stranieri comunitari il tempo di permanenza massimo è di tre mesi) e non hanno saputo giustificare la loro presenza nel Biellese.

Espulsi

Oltre al foglio di via anche dalla nostra provincia, i due sono stati invitati a lasciare il territorio nazionale entro trenta giorni pena un aggravamento delle sanzioni nei loro confronti.

Leggi anche:  Dà in escandescenze al Penny di Biella, è di colore: infuria la polemica sui social

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SU ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA