Due morti in casa a Mongrando e Borriana.

Le tragedie

Sono morti in due nelle loro abitazioni. Uno non si vedeva ormai da giorni, l’altra non dava notizie di sé da almeno tre giorni, al punto che il figlio, disperato, ha deciso di sfondare la porta e ha trovato la madre riversa sul pavimento, ormai senza vita. Le due tragedie sono avvenute a Mongrando e a Borriana. In entrambi i casi si tratta di morte naturale.

Subito il nullaosta

In seguito ai verbali dei carabinieri del comando di Mongrando, competenti per territorio, la Procura ha subito disposto la consegna delle salme ai familiari che hanno così potuto organizzare le rispettive sepolture.

Morto da giorni

Entrambi i cadaveri sono stati trovati ieri. Intorno alle 13 e 45, una pattuglia dei militari di Mongrando è stata fermata da alcuni vicini di casa e parenti di Giovanni Varalda, 77 anni, residente in via Provinciale 91. Erano tutti preoccupati perché ormai da parecchi giorni non vedevano più l’anziano. E’ stato così chiesto l’intervento dei Vigili del fuoco per l’apertura della porta dell’appartamento e di un’ambulanza del “118” con medico a bordo. Purtroppo il padrone di casa è stato trovato senza vita: era morto da giorni, al punto che il cadavere era in avanzato stato di decomposizione

Leggi anche:  Furbetti del cartellino: uno patteggia, sei a processo

Porta sfondata

Nel pomeriggio i carabinieri sono stati chiamati a Borriana dove un uomo aveva appena sfondato la porta di casa della madre, in via Roma, trovando la parente ormai senza vita. Sandra Givone, 61 anni, era anche lei morta per cause naturali. Solo dopo aver provato e riprovato a chiamare la madre senza mai ottenere risposta, il figlio, che vive da un’altra parte, aveva deciso di recarsi a Borriana e di entrare a tutti i costi in quell’appartamento. Ha purtroppo scoperto la tragedia.