“Cornuto!”, e volano le botte tra automobilisti.

Inseguito

Ha inseguito l’automobilista che gli aveva fatto le corna, lo ha raggiunto e gli ha rifilato un destro da kappaò attraverso il finestrino. Non ancora soddisfatto, ha preso per il collo anche la moglie di colui che con quel gesto gli aveva dato del cornuto e l’ha strapazzata per bene prima di essere fermato. E’ proprio vero che il caldo può dare alla testa. Così, per un braccio alzato fuori dal finestrino e con le dita posizionate a formare delle corna, la situazione si è fatta veramente pesante.

Spedizione punitiva

Quello che è stato visto come uno sgarro, ha trasformato la tranquilla giornata di due automobilisti in una sorta di spedizione punitiva con scazzottata conclusiva. A mettere fine al litigio ci hanno pensato i poliziotti di una volante. Per il momento nessuno è stato denunciato. Gli agenti hanno infatti istruito le persone coinvolte nello scambio di corna sulla possibilità di presentare denuncia quantomeno per le lesioni che marito e moglie, seppur lievi, avrebbero subito.

Leggi anche:  Arrestati 12 capi ultrà Juve, perquisizioni anche a Biella

In via Cottolengo

Tutto è cominciato alle 10 di sabato mattina lungo via Cottolengo. Per una mancata precedenza, c’è stato uno scambio di invettive tra due automobilisti, uno di 55 anni con moglie seduta accanto e uno di 77 anni che ha preso così male il gesto delle corna che, invece di cambiare direzione e dimenticarsi dell’episodio, ha deciso di lanciarsi all’inseguimento dell’altro automobilista.

Le botte

Quando lo ha raggiunto grazie ad un semaforo rosso, non si è accontentato delle parole, è sceso dall’auto e, attraverso il finestrino aperto, ha rifilato un cazzotto in pieno volto al più giovane. La moglie ha cercato di proteggere il marito, ma ci ha solo rimesso: l’automobilista più anziano l’ha presa per il collo e ha cominciato a strattonarla fino al momento in cui è stato diviso da un passante che ha chiesto l’intervento della polizia.

V.Ca.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO