Biellese morto ad Aosta, c’è un indagato.

Occultamento di cadavere

C’è un indagato per il reato di occultamento di cadavere nel caso del biellese Emanuele Sella, 48 anni, originario di Biella, il cui corpo senza vita era stato trovato in una cantina di via Lexert, al quartiere Cogne di Aosta. Al termine delle indagini condotte da polizia e carabinieri, la Procura di Aosta ha iscritto sul registro degli indagati Alberto Broglio, 40 anni, che abita nello stesso stabile del ritrovamento

Non risponde

L’indagato è stato convocato per essere interrogato nella giornata di martedì, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere come gli è stato consigliato dal suo difensore. Le indagini – coordinate dal pm Carlo Introvigne – proseguono con le analisi dei dispositivi cellulari sequestrati a Broglio e in attesa degli esiti tossicologici dell’autopsia. Sarà fondamentale capire le cause della morte. Così come il motivo per quale il cadavere è stato nascosto in cantina.

Leggi anche:  Le mamme coraggio: "Ecco perché abbiamo denunciato le maestre"

L’ARTICOLO COMPLETO CON I PARTICOLARI LO POTRETE LEGGERE DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO