“Giochiamo ai fidanzati?” un pensionato biellese di 73 anni è accusato di violenza sessuale nei confronti del nipote di appena sei anni. L’uomo è stato rinviato a giudizio.

Nonno accusato di violenza

Un pensionato biellese di 73 anni è accusato di violenza sessuale nei confronti del nipote di appena sei anni. L’uomo è stato rinviato a giudizio.

Un pensionato biellese di 73 anni è stato rinviato a giudizio con l’accusa di violenza sessuale nei confronti del nipote di appena sei anni. Lo riporta il quotidiano La Stampa.

Inchiesta

Stando a quanto ricostruito dai carabinieri di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Biella, coordinati dal pm Federico Carrai, l’anziano si era offerto di badare al piccolo dopo l’allontanamento del padre per maltrattamenti nei confronti della mamma del bambino.  Le testimonianze rese dal bimbo avrebbero confermato anni e anni di molestie. Pare che il pensionato proponesse al nipotino di “giocare ai fidanzati”.

Allontanamento

A quel punto la madre aveva deciso di chiedere l’aiuto al reparto di neuropsichiatria infantile, che aveva segnalato la vicenda al tribunale. Sempre stando a quanto riportato da “La Stampa” i carabinieri avrebbero trovato nel cellulare della moglie del pensionato foto del bambino in mutande. Nei confronti dell’uomo era poi scattato il divieto di avvicinamento.

Leggi anche:  Due scosse di terremoto in Piemonte

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SUL SITO DI ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA