Bambino ucciso: Nicolas non parla.

Scena muta

Non ha parlato il biellese Nicolas Musi, 23 anni, in carcere per l’omicidio del piccolo Leonardo Russo, figlio di neppure venti mesi della compagna Gaia. Gli inquirenti hanno voluto sottoporlo per la seconda volta a interrogatorio, ma lui, proprio come nelle ore sucgcessive all’arresto, ha continuato a ripetere la stessa identica frase ad ogni domanda: «Mi avvalgo della facoltà di non rispondere».

Presto anche mamma

Anche la mamma del piccolo, attualmente ai domiciliari in quanto incinta, verrà nuovamente interrogata la prossima settimana: un confronto con gli inquirenti fondamentale per capire nel dettaglio come si sono svolti i fatti se la ragazza vorrà collaborare come ha fatto dopo aver trascorso qualche ora agli arresti subito dopo il delitto del piccolo che è stato picchiato così forte fino a provocarne la morte. Intanto è stato nominato un nuovo perito.

I PARTICOLARI LI POTRETE LEGGERE DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

Leggi anche:  Raid dei ladri nei negozi di via Italia

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO