A 80 anni sventa la truffa del finto carabiniere.

La telefonata

Stavolta è stata sventata grazie alla prontezza, alla lucidità e alla preparazione di una donna di 80 anni che abita a Biella, una clamorosa truffa che parte con la telefonata di un fantomatico carabiniere che chiede soldi per sbloccare situazioni riguardanti parenti stretti della persona presa di mira. Nel caso specifico, il finto militare ha spiegato alla donna che il fratello era rimasto coinvolto in un incidente stradale, che i danni provocati erano parecchio ingenti ed era pertanto necessario pagare 5.000 euro in contanti per sbloccare la situazione.

Interrotto la chiamata

La pensionata ha risposto per le rime al misterioso interlocutore e ha quindi interrotto la comunicazione. Ha a quel punto informato subito i carabinieri, quelli veri, che hanno iniziato le indagini telematiche e telefoniche per cercare di riuscire a intercettare il truffatore ed eventualmente denuncialo e anticiparne le successive mosse.

I consigli

Dal comando provinciale dei carabinieri, spiegano che «probabilmente gli incontri che svolge l’Arma, volti a sensibilizzare i cittadini sulle diverse tipologie di truffe, danno i loro frutti. Ricordiamo infatti che nessun appartenente alle forze dell’ordine chiederebbe mai soldi per telefono o in qualsiasi altro modo…». Il consiglio finale è sempre lo stesso: «Diffidate di queste telefonate e, nel dubbio, chiamate il “112”.

Leggi anche:  Addio a Cosima "Franca" Calderoni

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

Leggi anche:  Fratture, insulti e minacce alla ex: arrestato per stalking

Novità: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

Leggi anche:  Maltempo, sul Biellese si scende ad allerta arancione

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!