Valdilana rilancia l’ospitalità migranti: «Un’esperienza positiva per noi e per i ragazzi». Si torna così a parlare di progetto Sprar, come fa sapere notiziaoggi.it

Valdilana rilancia l’ospitalità migranti

Il nuovo Comune di Valdilana decide di “ereditare” i progetti Sprar attivati dai Comuni di Trivero, Valle Mosso e Mosso, e di fatto conferma la disponibilità anche per il prossimo triennio ad accogliere migranti. Come sempre sarà una gestione che vedrà il Comune attivo in prima persona, con una cooperativa che si occuperà invece della parte operativa.

I risultati del progetto

Le tre ex amministrazioni di Trivero, Valle Mosso e Mosso erano state tra le prime nel Biellese a portare avanti il progetto Sprar: «Continuiamo a crederci perché i risultati sono davvero positivi – spiega l’assessore Elisabetta Prederigo -. Al di là delle dichiarazioni e dei proclami, le persone hanno avuto benefici. Ovviamente non tutti perché è un percorso individuale. Ma possiamo dire di avere molti casi positivi di persone che si sono integrate a Valdilana e nel Biellese». Sul prossimo progetto bisognerà invece capire quali saranno le direttive del Ministero: «Una volta che avremo la comunicazione allora procederemo con un nuovo bando per affidare la gestione delle case Sprar».

Leggi anche:  Centri Anziani, via ai tesseramenti con precedenza ai residenti in città

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SU ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA