Nelle scuole arrivano le borracce “eco”.

Donazione di borracce

Sull’onda dei Fridays of Future, a scuola via bicchieri e bottigliette in plastica, arrivano le borracce. Rigorosamente in alluminio. L’iniziativa, già sperimentata nei comuni di grandi città, come Milano e Arezzo, verrà ora messa in pratica anche nel neo nato comune di Valdilana. Lo ha deciso l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Mario Carli, che – a partire dal mese di ottobre – farà distribuire a ognuno degli studenti delle scuole elementari e medie una borraccia che i bimbi potranno utilizzare, sia per bere tra una lezione e l’altra, sia durante il pranzo al posto dei comuni bicchieri di plastica. (Nella foto le borracce già presenti a Milano).

Un’iniziativa tutta nuova, quella dell’amministrazione comunale, che è stata fortemente voluta sia dall’assessore all’istruzione Elisabetta Prederigo, sia dall’assessore all’ambiente, nonché vicesindaco, Cristina Sasso. «Riteniamo – dice Prederigo – che l’attenzione all’ambiente sia fondamentale, e vorremmo proporre progetti di sensibilizzazione alle scuole. Nelle scorse settimane abbiamo chiesto ai plessi di abolire tutte le bottigliette in plastica».

Consegnate gratuitamente ai bambini

Le borracce saranno consegnate ai bambini e ai ragazzi in forma completamente gratuita. «A partire dal mese di ottobre – dice Prederigo – ne regaleremo più di 700, distribuendole ai bambini della scuola primaria e ai giovani della secondaria di primo grado». Le borracce in questione saranno di quattro colori diversi: rosse, arancioni, blu o argento: «Su ognuna sarà impressa la scritta “Comune di Valdilana”. Inoltre ognuna avrà un moschettone: chiederemo a ogni bambino di personalizzare la propria borraccia in qualche modo, così da evitare che venga involontariamente scambiata con qualche compagno di classe».

Leggi anche:  In arrivo le ambulanze per... animali

Lavori al sistema idraulico

Intanto nel plesso scolastico di frazione Ronco verranno effettuati dei lavori al sistema idraulico: «Era presente – spiega l’assessore – un problema che provocava la dispersione di residui nell’acqua corrente. Questo faceva sì che l’acqua non fosse sempre buona da bere. Per questo, durante lo scorso anno scolastico, ai bambini venivano distribuite bottigliette d’acqua minerale. Quello dei residui è un problema da risolvere al più presto: l’amministrazione comunale intende far installare un sistema di filtraggio in ogni piano della scuola, in modo che l’acqua possa essere bevuta».

La spesa per coprire le spese d’acquisto delle borracce l’installazione del sistema di filtraggio sarà di circa 6mila euro e sarà completamente sostenuta dall’amministrazione comunale. «Intanto – conclude Prederigo – abbiamo sollecitato i dirigenti scolastici dei due istituti comprensivi a ragionare con la scuola e concertare progetti educativi, per responsabilizzare sin d’ora sul tema ambientale i bambini e i ragazzi di oggi, che saranno gli adulti di domani».

Shama Ciocchetti

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

NOVITA’: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

 

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!