In mille per la Corsa della Sepranza. Famiglie intere, padri e figli, madri e figlie, nonni attesi al traguardo dai nipoti, cani con il numero attorno al collo come i padroni, i tanti bambini del minigiro, perfino una coppia di sposi che ha indossato maglietta e pantaloncini il giorno dopo le nozze: il popolo della stracittadina, disputatasi stamane con partenza e arrivo in piazza Vittorio Veneto, era variegato e numeroso. La quota dei mille iscritti è stata sfiorata, con l’elenco dei pettorali distribuiti che si è fermato a quota 930. E la bella giornata più estiva che autunnale ha accompagnato podisti e “camminatori” (come di consueto sul tracciato il passo è libero) lungo il giro di cinque chilometri che ha attraversato Biella.

I più veloci Luca Valz e Vincenzo Stola

I più veloci sul traguardo, arrivati ex aequo e tenendosi per mano (in una non competitiva non c’è fotofinish) sono stati Luca Valz e Vincenzo Stola. La prima delle donne è stata Chiara Meliga. Ma si è trattato di una di quelle giornate in cui davvero l’importante era partecipare. «Ringrazio tutti i volontari, gli sponsor che ci hanno dato una mano e naturalmente i partecipanti che hanno accolto il nostro invito» ha detto Anna Rivetti, presidente del comitato organizzatore e vicepresidente del Fondo Edo Tempia ai cui progetti di ricerca contro il cancro andrà il ricavato della manifestazione.