Il “Gumma” è andato in pensione.

Edmondo Grosso lascia dopo 44 anni

Edmondo Grosso, gommista, noto come “Gumma”, a fine luglio è andato in pensione dopo ben 44 anni di lavoro. L’azienda “Grosso gomme”, sorta a marzo 1968 di fronte all’attuale sede di piazza Piave, aveva già questa denominazione ed era stata fondata dal suo papà Alessandro. Edmondo Grosso prese il suo posto nel mese di maggio del 1975, quando il papà andò in pensione e lui aveva appena 15 anni e mezzo. «Mi rimboccai le maniche – racconta – e, essendo ancora minorenne, la ditta fu intestata al nonno. Il lavoro mi piaceva molto e, d’accordo con i miei, mi buttai a capofitto per lanciare l’azienda, affiancato dal papà, un prezioso consigliere. Nello stesso anno, mi venne proposto di diventare concessionario della Michelin ed io l’accettai con grande entusiasmo». Edmondo lavorò da solo fino al 1983, quando venne affiancato da Rocco Nardiello, ancora oggi suo valido collaboratore, e poi da altri dipendenti, che oggi sono sei. «Il mio primo pensiero di ogni mattina – spiega – è sempre quello di riuscire a pagare i miei dipendenti. Il lavoro, con il passare degli anni, fortunatamente, è sempre aumentato, pur con mille difficoltà».

Tanti bei ricordi

Ha dei bei ricordi?
«Ne ho tanti, a partire dalla soddisfazione di essermi sentito, a 20 anni, titolare di un’azienda, dove ero, quasi sempre, il più giovane. Ho acquisito molta esperienza ed ho avuto l’opportunità di partecipare ad un apposito campionato automobilistico a Spa, guidando un Maggiolone: è stata per me una soddisfazione enorme, essendo legata al mio lavoro». Nel corso degli anni, Edmondo Grosso è stato per due mandati, cioè per otto anni, anche presidente del Cna e vicepresidente della Camera di Commercio e del Ciac di Cossato. Ho vissuto, in quest’ultimo ruolo, il momento migliore del nostro commercio, che ha fatto unire tra loro diversi negozianti, facendoli anche crescere. «Ho acquisito, in tutti questi anni, delle preziose esperienze: c’è, infatti, sempre molto da imparare e si cresce professionalmente – sottolinea – cerco di dare consigli e ne accetto sempre molto volentieri. Sono davvero molto orgoglioso della mia ditta, all’interno della quale continuerò ad operare, anche perché c’è veramente un ottimo rapporto fra me ed il personale: ad uno ad uno, sia a mezzogiorno che alla sera, prima di andare a casa, passano a salutarmi, siamo come una famiglia».

Leggi anche:  Seggiolini auto anti-abbandono obbligatori fino ai 4 anni VIDEO

Franco Graziola

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

NOVITA’: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

 

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!