Il Gal Montagne Biellesi diventa “Antenna” universitaria.

Il Gal all’Università

Il Gal Montagne Biellesi fa da oggi parte delle “Antenne” di Unimont, l’Università della Montagna che ha sede a Edolo e che da anni si occupa, oltre che della formazione degli studenti, di affrontare tutti i temi che hanno a che vedere con i territori montani e le loro caratteristiche e tipicità.

Le “Antenne” sono punti che trasmettono in streaming contenuti scientifici e divulgativi riguardanti la montagna in modo bidirezionale, mettendoli a disposizione di tutti gli interessati nelle diverse aree alpine.La rete di Antenne permette di scambiare idee, proposte e soluzioni per l’interesse comune, secondo un modello collaborativo in cui, se vince uno, vincono tutti.

Stop a distanze fisiche

Il Progetto mira a superare le distanze fisiche tra i luoghi, scambiare e condividere saperi e buone pratiche, creare modalità efficaci per far dialogare tutti i soggetti e le comunità che vivono e operano sulle Alpi, sugli Appennini e nelle aree montane d’Europa.

Ogni Antenna può trasmettere eventi proposti da Unimont o proporsi essa stessa come promotrice di un seminario, evento o convegno di interesse.
Attraverso il collegamento in rete con l’ente erogante, le Antenne possono trasmettere l’evento in streaming, a prescindere dalla località in cui si trovano e più persone possono collegarsi ed interagire contemporaneamente nell’aula virtuale.

Leggi anche:  Fermati nel Novarese con droga in auto, tre biellesi denunciati

“Crescita passa da queste collaborazioni”

Emanuele Ramella Pralungo, presidente del Gal Montagne Biellesi, ha promosso questa importante iniziativa che ha trovato in Unimont un partner collaborativo: “Pensiamo che la crescita del territorio passi anche attraverso un aumento delle competenze e questa collaborazione con l’Università della montagna ci permetterà di fornire direttamente e gratuitamente momenti di formazione qualificata a livello universitario alle nuove imprese e alle imprese già operanti sul territorio”.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO