Elezioni Chiamparino diserta Biella per un impegno a Roma legato all’Embraco.

Doveva essere in città per la colazione con le candidate

Elezioni Chiamparino non si presenta domani in città dove era atteso per la colazione con le candidate del Pd. Il Presidente Sergio Chiamparino non potrà essere a Biella per la visita al Museo degli Alpini e per la chiusura della campagna elettorale di Nicoletta Favero e Cristina Bargero. Pochi minuti fa, il Presidente ha annullato tutti gli impegni in agenda sul territorio piemontese a causa di una convocazione per domani mattina a Roma, dal Ministro Calenda, per un nuovo incontro sulla vicenda EMBRACO, che vede circa 500 lavoratori coinvolti in una situazione particolarmente complicata per il loro futuro lavorativo. S’ipotizza una visita a Biella nelle prossime settimane, con la senatrice Favero.

Il commento del Governatore

«È con grande dispiacere che sono costretto a rinunciare a essere al fianco della senatrice Nicoletta Favero e dell’onorevole Cristina Bargero per la chiusura biellese della loro campagna elettorale – spiega Chiamparino -. È un vero peccato non poter passare qualche ora con due donne che stimo e con gli elettori di Biella, ma vedremo di rendere possibile, a breve, questo incontro. Purtroppo, un improvviso impegno istituzionale reclama la mia presenza a Roma in merito alla vertenza Embraco, che mi sta particolarmente a cuore per via delle 500 persone che rischiano il loro futuro lavorativo. Come mi stanno a cuore, del resto, anche Biella e il Biellese, che mi hanno in qualche modo “adottato”».

Leggi anche:  Fondo Tempia in piscina per "curare" la pelle

Ma le brioches il Pd le offre lo stesso

Comunque, domani al Caffè del Teatro, in piazza Martiri, alle 9, è confermato l’appuntamento  a colazione con le candidate: la senatrice Nicoletta Favero e l’onorevole Cristina Bargero, accompagnate dal senatore Gianluca Susta, dal consigliere regionale Vittorio Barazzotto e dal sindaco di Biella Marco Cavicchioli con la sua Giunta. I politici saranno presenti per accogliere gli intervenuti che non sono riusciti a raggiungere con la tempestiva comunicazione della variazione e che con loro vorranno confrontarsi sui temi elettorali e cittadini.