Differenziata, sono tre i mesi in cui si è confermata una percentuale sopra l’80 per cento. Sono i dati importanti di Palazzo Oropa.

Differenziata in crescita

Per l’amministrazione superare quota 80 per cento di raccolta differenziata era un obiettivo di legislatura: da tre mesi a questa parte è un po’ più vicino. La quota fatidica è stata infatti superata per la prima volta nel mese di agosto e settembre e ottobre hanno confermato la tendenza con, rispettivamente, l’82,24%, l’80,48% e l’81,74%. La media dei primi dieci mesi dell’anno, sommando raccolta urbana e stima dei cosiddetti assimilati (i rifiuti smaltiti in proprio dalle attività produttive) è del 79,57%. Non nasconde la soddisfazione Diego Presa. «I cittadini stanno continuando a rispondere presente alle nostre sollecitazioni» spiega l’assessore all’ambiente. «In particolare negli ultimi mesi si è registrato un aumento della quota dell’organico, su cui abbiamo puntato le nostre recenti campagne di informazione, insieme a Seab». L’anno scorso aveva chiuso al 17,1%, mentre il conto parziale del 2018 dice 20,6%. Continuano a calare anche la quantità di rifiuti totali prodotti e la quantità di indifferenziato portata in discarica: la media è di oltre 20 tonnellate al mese conferite a Cavaglià. «E questo – sottolinea Presa – è un doppio vantaggio economico: sul breve periodo per la città scendono i costi di smaltimento. Sul lungo periodo ne beneficia l’intero comprensorio perché si prolunga la vita della discarica».

Leggi anche:  Polizia, il calendario 2020 firmato da Paolo Pellegrin

In continua ascesa

Insomma, la raccolta differenziata in città continua a salire. E questo è un dato importante soprattutto se si considerano gli aumenti dei costi di conferimento al polo tecnologico di Cavaglià che verranno proposti proprio oggi durante l’assemblea di Cosrab. E anche in ottica di ampliamento della discrica di Cavaglià. Meno rifiuti vi finiranno e maggiore sarà la durata della stessa. Il Comune di Biella è conscio di questo aspetto e spinge sull’acceleratore per aumentare ancora di più una percentuale di raccolta differenziata che negli ultimi anni è cresciuta a livello esponenziale, portanto Biella tra le migliori a livello di crescita, tra tutti i capoluoghi piemontesi.