“Rivuoi il tuo IPhone X? Mi devi pagare”: arrestato.

Banconote segnate

I carabinieri hanno fotocopiato le banconote come nei casi più importanti di estorsione. Si sono quindi nascosti tra i viali dei giardini Zumaglini e hanno aspettato lo scambio tra i soldi e un telefono cellulare ultimo modello di marca “IPhone Xs Max” del valore di circa 1500 euro, oggetto del ricatto ai danni di un cinquantenne a cui l’apparecchio era stato rubato.

L’arresto

A quel punto i militari sono intervenuti e hanno bloccato l’estorsore, un giovane che abita in Valle Cervo, Adil Essaber, 23 anni, sottoposto agli arresti domiciliari, a cui il giudice ha concesso un permesso giornaliero dalle 7 e 30 alle 18 e 30 per recarsi al lavoro.

Gravi reati

Che è stato arrestato per i reati di estorsione in flagranza di reato nonché per la ricettazione del telefono cellulare e per il possesso abusivo di un taglierino tipo cutter che i carabinieri gli hanno trovato nascosto nelle tasche del giubbotto. Essaber è così tornato in carcere dove vi era già finito altre volte, da quanto è diventato maggiorenne, per lo più per fatti relativi allo spaccio di droga.

Leggi anche:  Roppolo, rubano su un'auto e le forano una gomma

L’ARTICOLO COMPLETO LO POTRETE TROVARE DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO