“Rivuoi il tuo IPhone X? Mi devi pagare”: arrestato.

Banconote segnate

I carabinieri hanno fotocopiato le banconote come nei casi più importanti di estorsione. Si sono quindi nascosti tra i viali dei giardini Zumaglini e hanno aspettato lo scambio tra i soldi e un telefono cellulare ultimo modello di marca “IPhone Xs Max” del valore di circa 1500 euro, oggetto del ricatto ai danni di un cinquantenne a cui l’apparecchio era stato rubato.

L’arresto

A quel punto i militari sono intervenuti e hanno bloccato l’estorsore, un giovane che abita in Valle Cervo, Adil Essaber, 23 anni, sottoposto agli arresti domiciliari, a cui il giudice ha concesso un permesso giornaliero dalle 7 e 30 alle 18 e 30 per recarsi al lavoro.

Gravi reati

Che è stato arrestato per i reati di estorsione in flagranza di reato nonché per la ricettazione del telefono cellulare e per il possesso abusivo di un taglierino tipo cutter che i carabinieri gli hanno trovato nascosto nelle tasche del giubbotto. Essaber è così tornato in carcere dove vi era già finito altre volte, da quanto è diventato maggiorenne, per lo più per fatti relativi allo spaccio di droga.

Leggi anche:  Autocisterna incastrata nei cavi del telefono

L’ARTICOLO COMPLETO LO POTRETE TROVARE DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO