Morto per droga, preso lo spacciatore che ha venduto la dose fatale. E’ stato rintracciato, identificato e denunciato per spaccio di droga e per il reato di “morte come conseguenza di altro delitto”, chi ha materialmente ceduto le dosi di eroina e cocaina che lunedì sera, in un’abitazione di Chiavazza, hanno ucciso per overdose un giovane di 25 anni e ne hanno fatto finire in ospedale un altro, 45 anni, che è stato strappato alla morte al Pronto soccorso e già durante la notte è stato dichiarato fuori pericolo.

Abita a Chiavazza

A finire nei guai, è stato un altro giovane di 26 anni che abita sempre nel quartiere di Chiavazza, anche lui già noto alle forze dell’ordine. Non un classico spacciatore con tutti i crismi, ma un assuntore che quando si reca a fare rifornimento acquista qualche grammo in più da cedere ai conoscenti e arrotondare. Stavolta l’ha combinata grossa: le dosi cedute hanno ucciso.

Squadra mobile

Lo hanno identificato a tempo di record i poliziotti della Squadra mobile, sezione narcotici, coordinati dal commissario capo Marika Viscovo: gente tosta che conosce l’ambiente e che sa come operare nella piazza dello spaccio. I tanti elementi raccolti – oltre alle dichiarazioni del sopravvissuto – incastrerebbero il giovane senza ombra di dubbio.

Leggi anche:  Lotta alla droga della polizia: un denunciato e due segnalati

I fatti

La tragedia si è consumata lunedì sera poco prima delle 21 in un’abitazione di via della Vittoria a Chiavazza. E’ stata la stessa vittima a richiedere l’intervento dell’ambulanza del “118” non appena ha cominciato a sentirsi male. L’equipe medica ha fatto l’impossibile per rianimare il giovane. Per un’ora intera medico e infermieri sono rimasti chinati su quel corpo, con il cuore che nonostante le iniezioni di adrenalina, il defibrillatore e gli sforzi continui, non ha voluto saperne di ricominciare a battere. Più di così non si poteva fare.

V.Ca.

L’ARTICOLO COMPLETO LO POTETE TROVARE STAMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO