“Mio figlio è scomparso”, ma era dalla nonna.

L’allarme

Paura per un giovane di 23 anni che non è rientrato in casa e ha spaventato a morte la mamma che, disperata, si è rivolta a una cugina che ha chiesto aiuto ai carabinieri. Per fortuna tutto si è risolto a notte fonda grazie al controllo da parte dei militari delle celle telefoniche alle quali si era agganciato il telefono cellulare del giovane. Si è così scoperto che si trovava a Cavaglià e, in un secondo momento, è stato individuato anche il luogo: l’abitazione della nonna.

La discussione

Il giovane, pare dopo aver discusso con la madre che abita dalle parti di Romagnano Sesia, ha lasciato il telefono in auto, acceso, che ha continuato a squillare innumerevoli volte, ed è andato a dormire dalla nonna a Cavaglià. Senza però avvertire nessuno, nemmeno la fidanzata. Ha solo chiesto a tutti di essere lasciato stare perché voleva restarsene da solo. A svegliarlo ci hanno pensato i carabinieri che hanno alla fine rassicurato madre, fidanzata e tutti i parenti preoccupati.

Leggi anche:  Cavaglià, dedicata a Riccardo Nerva un'aula della materna

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO