Marijuana light: tabaccai e farmacisti equiparati a spacciatori.

Proteste

Solamente una minima parte degli undici sequestri di “marijuana light” effettuati a inizio aprile dalla Guardia di finanza, è stato convalidato dalla Procura. In pochi, per ora, hanno ricevuto la notifica del provvedimento di convalida e potranno pertanto decidere se fare ricordo o meno contro il provvedimento che ha dato il “la” a un caos giuridico. Nell’operazione denominata “Green Spring”, i finanzieri di Biella hanno sequestrato tutti i prodotti legati alla marijuana light, ovvero 1.568 confezioni, contenenti infiorescenze, oli o resine per un totale di circa 3,2 chilogrammi, cui si aggiungono 65 strumenti per fumatori (compresi accendini che riportano il disegno della foglia di cannabis) e diciotto confezioni di semi: il tutto per un valore complessivo che supera i 15 mila euro.

Denunciati

In più, nove negozianti sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta, a parte il titolare dell’unico negozio di Biella che si occupa in toto di questi prodotti, il “Cannabis Store Amsterdam” di via Italia, di tabaccherie e di farmacie che hanno acquistato i prodotti attraverso canali legali e che ora vengono equiparati a dei veri spacciatori. Si tratta in realtà di merce acquistata regolarmente da commercianti in possesso di tutte le autorizzazioni, con regolare fattura e bolla di trasporto e che, in ultima analisi, viene venduta con il rilascio di regolare scontrino fiscale ed è accompagnata da schede tecniche che ne spiegano l’utilizzo e il contenuto. Nulla a che vedere, dunque, con la droga venduta al mercato nero dove di sicuro non vengono rilasciati scontrini.

Leggi anche:  Robot, reportage e aeroplani, progetti di vita degli studenti biellesi

Codacons infuriato

Duro il comunicato del Codacons: «Codacons – riporta – è in prima linea a tutela dei tabaccai, che rischiano non solo la revoca della licenza ma anche di essere perseguiti penalmente per reati connessi allo spaccio di droga a causa di un grottesco “caos giuridico” in relazione alla vendita dei prodotti derivati dalla cosiddetta “cannabis light”. Nonostante la coltivazione di quest’ultima sia legale dal 2016 vi è un contrasto interpretativo sulla vendita: il Ministero, infatti, non considera la canapa light un surrogato del tabacco e molti uffici giudiziari in varie parti d’Italia hanno avviato indagini sulla base del testo unico in materia di stupefacenti. Codacons considera illegittimi e gravemente repressivi gli atti di ispezione e sequestro disposti in questi giorni dalla magistratura inquirente nei confronti di chi “spaccerebbe” ma con tanto di scontrino! Tuteleremo le attività ingiustamente colpite e che rischiano paradossalmente la chiusura per la vendita di quella che è a tutti nota come “canapa legale”».

V.Ca.

L’INTERO SERVIZIO LO TROVERETE SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA DOMATTINA

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO