“A seguito di alcune notizie apparse negli scorsi giorni sui media locali, in riferimento al servizio Bicincittà, l’amministrazione comunale di Biella coglie l’occasione per diffondere alcuni dati aggiornati sull’utilizzo e sui costi per gestione e manutenzione – si legge in una nota diffusa da Fratelli d’Italia, che allega anche una foto di bici danneggiate nelle rastrelliere – Nel corso del 2019 (da gennaio a luglio) gli abbonamenti attivi risultano in totale 22. Attualmente il parco bici conta 15 mezzi a disposizione e 35 guasti e da riparare, su un totale di cinque postazioni. Nel corso degli ultimi 7 anni l’amministrazione ha speso tra manutenzioni e gestioni del servizio quasi 50 mila euro (48.881 euro nel dettaglio). Nel corso del 2019 i soldi stanziati per Bicincittà sono 7.473 euro. Va precisato che in queste somme non figurano i costi relativi alla fornitura delle stazioni, al loro montaggio e alle biciclette che sono stati coperti da finanziamento regionale. Puntualizza l’assessore Davide Zappalà: «Il servizio presenta dei dati a dir poco desolanti, soprattutto se si considera il costo annuo a nostro carico: 7.473 euro per 22 abbonati nel corso del 2019 significa che si spende 339 euro per singolo abbonato. Consentitemi la battuta, ma costa davvero meno regalare una bicicletta a queste persone. Va precisato che Bicincittà ha effettuato nel tempo azioni mirate di marketing: ad esempio l’inserimento di Biella nelle convenzioni Nazionali di Trenitalia e sulla nuova applicazione mobile Bicincittà. Per revisionare completamente il servizio occorrerebbe una nuova spesa massiccia di risorse, ma i dati di questi anni ci obbligano a riflettere sul fatto che sia una spesa non giustificata. Per questo motivo dal 2020 interromperemo il servizio».