Cercò di uccidere un uomo… per una sigaretta: condannato.

Ai giardini Zumaglini

Aveva cercato di uccidere un uomo per una sigaretta non data ai giardini Zumaglini. Le coltellate erano state due. Nella prima, la lama del coltello era penetrata nella carne e aveva sfiorato il cuore. Il secondo fendente era penetrato nell’addome. Quel giovane, 28 anni, origini marocchine, si era salvato per miracolo.

La condanna

Ieri mattina l’accoltellatore, Taha Yassine, 37 anni, marocchino, è stato condannato a cinque anni di reclusione.

L’INTERO ARTICOLO LO POTRETE LEGGERE DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO