Avrebbe tentato il suicidio in carcere il biellese Nicolas Musi, 23 anni, il convivente di Gaia Russo, madre del  piccolo Leonardo di venti mesi, deceduto giovedì mattina a Novara a seguito di violenti traumi. Come riporta novaranetweek.it. 

Accusato di omicidio volontario pluriaggravato

Musi accusato come la donna  di omicidio volontario pluriaggravato si trova nel carcere di Novara di via Sforzesca. Secondo fonti sindacali della Polizia penitenziaria sembra che attorno alla mezzanotte di ieri, martedì, l’uomo pur essendo in isolamento, sia riuscito ad annodare alcune lenzuola tentando di impiccarsi. Gli Agenti della Polizia penitenziaria preposti alla sua vigilanza sono però intervenuti subito, portandolo in infermeria. Le sue condizioni fisiche non sarebbero gravi.

Iscrivetevi al gruppo Facebook Biella Netweek, collegato alla pagina di Eco di Biella, per essere sempre informati dalla Redazione di Eco di Biella con notizie verificate.