Bimba di 18 mesi azzannata dal suo pitbull operata 7 ore.

Intervento delicato

E’ stata sottoposta a un intervento di chirurgia plastica e maxillofacciale durato sette ore, la bambina di 18 mesi che abita a Santhià, azzannata in casa con la sorella di 12 anni dal loro pitbull senza un vero perché. La piccina è ora ricoverata al Regina Margherita di Torino in prognosi riservata. Non dovrebbe essere in pericolo di vita.

Torneremo felici

Il papà – conosciuto anche nel Biellese, a sua volta azzannato mentre cercava di salvare le sue bambine – si dispera su Facebook per quanto è accaduto, ma è ottimista: «… le mie bimbe torneranno a casa e saranno sempre le stesse. E con la mia famiglia, compresi i miei fantastici amici, continueremo la nostra vita stupenda…».

Intervento determinante

Il dramma nel contesto di una normalissima famiglia felice, è avvenuto quattro giorni fa. La più piccola delle due sorelle è stata morsicata al volto e ad un orecchio. Soccorsa dai sanitari del “118”, è stata intubata e portata con l’elicottero in volo notturno prima al Cto di Torino e poi all’ospedale infantile Regina Margherita. L’intervento chirurgico è stato immediato. La bimba, che tutti ricordano bellissima e sempre sorridente, è stata operata per tutta la notte dagli esperti chirurghi che hanno fatto tutto quanto nelle loro possibilità per rimediare alle lacerazioni dei morsi del pitbull. La sorella è stata morsicata a un braccio e ad un labbro ed è stata potata in ospedale a Vercelli. Il cane è sotto custodia al canile di Santhià.

Leggi anche:  Rubano soldi e oro: bottino di 14mila euro a Donato

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO