Accende il fuoco in giardino per bruciare erba secca: biellese multato.

A Ponzone

Ha violato la disposizione che vieta nel modo più assoluto di accendere fuochi in tutto il territorio regionale almeno sino al 31 marzo. Ed è stato multato nonostate il piccolo falò lo abbia accesso in un appezzamento di sua proprietà per bruciare degli sfalci. Le norme che regolano il divieto, dopotutto, non lasciano scampo. A ritrovarsi il verbale in mano, è stato un uomo che abita a Ponzone. Sono stati i carabinieri – intervenuti in seguito a una segnalazione – ad intimare all’uomo di spegnere immediatamente il fuoco. Lo hanno quindi identificato.

Vietato accendere fuochi

Accendere qualsiasi tipo di fuoco per bruciare materiale vegetale, è vietato e senza possibilità di deroghe o di sconti. Soprattutto a partire dal 13 marzo scorso con la dichiarazione da parte della Regione dello stato di massima pericolosità per incendi boschivi, ciò ai fini della legge apposita del 2000 e a quella più recente dell’anno scorso.

Leggi anche:  Vuole vendere un mezzo su internet, ma viene truffato

Ecco cosa non si può fare

In questo periodo – è bene ricordarlo – “sono vietate, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, arbustivi o pascolivi, le azioni determinanti anche solo potenzialmente l’innesco di un incendio quali: accendere fuochi, accendere fuochi d’artificio, far brillare le mine, usare apparecchi a fiammao elettrici per tagliare i metalli, usare apparati o apparecchiature che producono faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi e a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio”.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO