BIELLA – Pallacanestro Biella va all’assalto della Coppa Italia di A2, ancora un volta, la terza da quel 2014 che la vide trionfare a sorpresa. Segno distintivo di una piazza e di un Club del basket italiano che rimane un punto fermo nel suo campionato. Se nel 2014 divenne il primo successo da festeggiare sul campo, l’anno scorso segnò in negativo la stagione. Ad un passo dal clamoroso trionfo in finale sul campo della favorita Virtus Bologna, il sogno sfuggito all’ultima azione covò dentro lo spogliatoio fino a bruciare le ambizioni legittime nel primo turno dei playoff.
Staff e alcuni giocatori saranno gli stessi, e non saranno certo le motivazioni a mancare da domani a Jesi, nelle Marche.

Ieri al Forum, la presentazione delle maglie prima della partenza di oggi. A fare gli onori di casa il presidente Massimo Angelico: «L’orgoglio è esserci di nuovo perché non era affatto scontato ed il merito è dei ragazzi e dello staff. In consiglio abbiamo deciso di intitolare la maglia alla Città di Biella, per rendere omaggio al nostro territorio, per stringere ulteriormente il legame tra la squadra e i suoi tifosi. Con questa decisione vogliamo fornire un riconoscimento a chi sta vicino alla squadra. Jesi è lontana, soprattutto domani sarà impossibile raggiungerla, ma sappiamo che in tanti ci staranno vicino».
Gabriele Pinna

Leggi di più sull’Eco di Biella in edicola

Leggi anche:  Teamvolley battuta 3-0 e ora spalle al muro

BIELLA – Pallacanestro Biella va all’assalto della Coppa Italia di A2, ancora un volta, la terza da quel 2014 che la vide trionfare a sorpresa. Segno distintivo di una piazza e di un Club del basket italiano che rimane un punto fermo nel suo campionato. Se nel 2014 divenne il primo successo da festeggiare sul campo, l’anno scorso segnò in negativo la stagione. Ad un passo dal clamoroso trionfo in finale sul campo della favorita Virtus Bologna, il sogno sfuggito all’ultima azione covò dentro lo spogliatoio fino a bruciare le ambizioni legittime nel primo turno dei playoff.
Staff e alcuni giocatori saranno gli stessi, e non saranno certo le motivazioni a mancare da domani a Jesi, nelle Marche.

Ieri al Forum, la presentazione delle maglie prima della partenza di oggi. A fare gli onori di casa il presidente Massimo Angelico: «L’orgoglio è esserci di nuovo perché non era affatto scontato ed il merito è dei ragazzi e dello staff. In consiglio abbiamo deciso di intitolare la maglia alla Città di Biella, per rendere omaggio al nostro territorio, per stringere ulteriormente il legame tra la squadra e i suoi tifosi. Con questa decisione vogliamo fornire un riconoscimento a chi sta vicino alla squadra. Jesi è lontana, soprattutto domani sarà impossibile raggiungerla, ma sappiamo che in tanti ci staranno vicino».
Gabriele Pinna

Leggi di più sull’Eco di Biella in edicola