Biella Graglia 2018: la prima grande classica del podismo biellese va in scena domenica mattina. Si tratta della Biella-Santuario di Graglia, giunta alla 16ª riedizione organizzata dall’As Gaglianico 74 che riprese in mano la storica gara nel 2000.

Il percorso è quello classico da 11,3 chilometri

E’ quello classico di 11,3 chilometri con partenza davanti all’Atl di Biella in via Lamarmora e arrivo al Santuario di Graglia con un dislivello di circa 400 metri, dai 420 del rettilineo iniziale agli 812 del piazzale della chiesa del Sacro Monte. Eliminata la variante in mezzo al paese di Graglia presente lo scorso anno esclusivamente a causa di lavori sul tracciato originale. La partenza è fissata alle ore 10.

Le iscrizioni on-line aperte fino alle 24 di oggi

Sono aperte sino alle 24 di giovedì 8 marzo on line sul sito societario all’indirizzo www.gaglianico74.it al costo di 10 euro. Gli atleti potranno iscriversi anche domenica mattina (con un supplemento di 3 euro) fino alle 9.30 sotto i portici di piazza Vittorio Veneto a Biella. Possono prendere parte all’evento tesserati Fidal, Enti di Promozione Sportiva e possessori di Runcard. Ai primi 250 iscritti è garantito un pacco gara con prodotti tipici del territorioe un buono spesa di 5 euro offerto dalla Conad di Occhieppo Inferiore e Candelo.

Gli atleti che desiderano parcheggiare l’auto al Santuario di Graglia per poterla poi avere a disposizione per rientro subito dopo gara, possono prenotare (entro le 24 di giovedì) un bus navetta che partirà alle 8.30 dal Santuario in direzione Biella. Per tutti i runner la nuova gestione del Ristorante del Santuario di Graglia propone a 10 euro il “Pranzo del Podista” composto da primo, secondo, contorno, acqua e vino: prenotazioni al numero 015.442206.

Ricchi premi e una squadra di partner affiatata

Il presidente Alberto Cappio si avvale della collaborazione dei comuni di Biella, Occhieppo Inferiore, Muzzano e Graglia nonché dei gruppi di Protezione Civile dei paesi attraversati dalla corsa, dell’AIB Antincendio Boschivi, del Gs Graja e del Gruppo Alpini di Graglia avvalendosi dell’importante partnership con Lauretana, Conad e Menabrea, oltre che di altre aziende locali.

Leggi anche:  Export tessile biellese da record nel 2017

Verranno premiati con buoni valore i primi tre uomini e le prime tre donne al traguardo. Premi in natura sono previsti per i prime tre donne classificate delle categorie senior e master sino a F65 e per i primi 5 uomini senior e master sino a M65. Numerosi i premi speciali: il Trofeo Elio Cerruti sarà assegnato alla migliore società a punti in una classifica dove verranno premiate le prime cinque; il Gran Premio Renato Zanetto, consistente in una medaglia d’oro andrà al primo classificato, uomo o donna, della categoria Master 60. La gara è prima prova del Gran Premio Ezio Cappio che verrà assegnato per somma tempi con il giro delle Cascine in calendario il 21 ottobre prossimo. Tra tutti i partecipanti verranno poi estratti a sorte 10 buoni pranzo offerti dal Ristorante del Santuario di Graglia.

Lo scorso anno in gara 280 atleti

Il podio maschile del 2017

Sono stati 280 i partecipanti alla corsa della passata edizione: vinse il lombardo Tommaso Vaccina (per la prima volta sul primo gradino a Graglia) col tempo di 42’15” precedendo il grande favorito della vigilia, il colombiano Juan David Orozco Sanchez di circa 40 secondi. Terzo sul podio il vercellese Emanuele Ladetto. Tra le donne bis di Lara Giardino vittoriosa in 50’04” con un vantaggio di circa 2 minuti sulla polacca Katarzyna Kuzminska. Sul podio anche la valdostana Elisa Terrazzino.

Il recordman è Alberto Mosca con 5 vittorie

Il record di vittorie è di Alberto Mosca ben 5 volte al primo posto: nel 2001, 2002, 2005, 2012 e 2014. Plurivincitori sono anche Massimo Galliano (tre volte da 2007 al 2010) e Alberto Accattino (2006 e 2013). Tra le donne tre successi per Viviana Vellati (2011, 2013 e 2015) seguita a quota due da Emanuele Brizio (2001 e 2002) e dalla già citata Lara Giardino. Sul primo gradino del podio anche due atlete azzurre olimpiche: Catherine Bertone nel 2005 e Beatrice Lanza nel 2007 e 2008.  Il record di iscritti, infine, risale al 2012 quando furono 347, unica volta in cui è stata superata quota 300.