Rottamazione cartelle legate alla tassa dei rifiuti e alle contravvenzioni, ecco il nuovo regolamento.

Rottamazione cartelle, il regolamento

Con il regolamento approvato dal consiglio il 30 gennaio, è stata deliberata l’estensione della definizione agevolata delle ingiunzioni fiscali. Riguarda la tassa rifiuti e le contravvenzioni per violazioni del codice della strada. Si tratta della cosiddetta rottamazione delle cartelle bis. I contribuenti destinatari di ingiunzioni fiscali notificate entro il 16 ottobre 2017, possono presentare istanza entro il 15 maggio 2018.

Chi può accedere all’iniziativa

I destinatari delle ingiunzioni riguardanti la tariffa rifiuti potranno sanare la propria posizione scontando le sanzioni. Mentre i destinatari delle ingiunzioni riguardanti le contravvenzioni potranno beneficiare dello sconto degli interessi. A questo link è possibile consultare la pagina dedicata ed il regolamento. Che contiene i requisiti, il modello d’istanza e le scadenze. L’ufficio Tributi è a disposizione per eventuali richieste di chiarimenti (telefono 015.3507286). Dunque torna la rottamazione cartelle lanciata da Palazzo Oropa. Una possibilità in più per sanare le proprie posizioni risparmiando qualche euro.

Leggi anche:  Elezioni comunali 2018 | Riconfermati i sindaci uscenti

Caccia agli evasori

La rottamazione cartelle era stata lanciata dall’assessore al bilancio Giorgio Gaido per contrastare l’evasione fiscale in città. Dopo la prima campagna dello scorso anno l’iniziativa viene replicata. L’idea è quella di recuperare, senza gravare troppo sui cittadini, fondi non pagati.